Creta, Kríti greca moderna, Creta greca antica o Krete, Creta latina, Kirid turca, Candia veneziana, isola nel Mar Mediterraneo orientale che è una delle 13 regioni amministrative (periféreies) della Grecia.

Creta è la quinta isola più grande del Mediterraneo e la più grande delle isole che fanno parte della Grecia moderna.

È relativamente lungo e stretto, si estende per 160 miglia (260 km) sul suo asse est-ovest e varia in larghezza da 7,5 a 37 miglia (da 12 a 60 km).

Il centro amministrativo è Irákleio (Heraklion; storicamente Candia), sulla costa settentrionale.

Area 3.218 miglia quadrate (8.336 km quadrati). Pop. (2001) 594.368; (2011) 623.065.

Geografia

Creta è dominata da aspre montagne che emergono dal mare.

La catena montuosa est-ovest dell’isola è composta da quattro gruppi principali che si innalzano fino al punto più alto dell’isola, la montagna Ídi, a 2.456 metri di altezza.

A ovest i monti Lefká (“Bianchi”) raggiungono i 2.452 metri (8.045 piedi), e ad est i monti Díkti si estendono fino a 2.148 metri (7.047 piedi).

Quelle montagne si innalzano sopra gli altipiani di Nída, Omalós e Lasíthi e sono contrassegnate da numerose gole, la più nota delle quali è la gola di Samariá.

La costa settentrionale in graduale pendenza offre diversi porti naturali e pianure costiere, dove si trovano città importanti come Chaniá (Khaniá; storicamente Canea), Réthymno (Réthimnon; storicamente Rhithymna) e Irákleio.

La pianura di Mesara (Messára) si estende lungo la parte centro-meridionale dell’isola per circa 18 miglia (29 km) ed è la principale distesa di pianure di Creta.

Spiagge di sabbia e ciottoli punteggiano la costa.

Creta ha sei piccoli fiumi, sorgenti, corsi d’acqua stagionali e stagni, un lago naturale d’acqua dolce (Lago Kournás) e diversi laghi artificiali.

Il clima di Creta varia tra temperato e subtropicale, con una precipitazione media annua di circa 25 pollici (640 mm) ed estati calde e secche.

Le temperature invernali sono relativamente miti.

L’aria in montagna è temperata e fresca.

Le precipitazioni in quella regione sono molto più alte che altrove sull’isola e le montagne sono spesso coperte di neve in inverno (da novembre a maggio), che può rimanere sulle vette più alte per gran parte dell’anno.

Il paesaggio cretese è dominato dalla caratteristica macchia mediterranea (macchia o gariga).

Le palme sono intermittenti lungo le coste e ad est si possono trovare cedri.

Una serie di specie vegetali (in particolare i fiori) prosperano nel clima moderato, molte delle quali originarie dell’isola.

Centinaia di specie di uccelli migratori visitano Creta e ci sono alcuni piccoli animali selvatici.

L’agrími, o capra selvatica, si trova in remote aree montuose e sulle isole al largo, dove trova protezione nelle riserve naturali.

Specie endemiche di piante selvatiche sono particolarmente abbondanti dentro e intorno alla gola di Samariá, il fulcro del Parco Nazionale di Samariá, nella parte meridionale dell’isola di Omalós a circa 26 miglia (42 km) a sud di Chaniá.

Popolazione

La popolazione è composta quasi interamente da cretesi che parlano greco e appartengono alla Chiesa greco-ortodossa.

L’inglese, il tedesco o il francese sono parlati anche da molti dei cretesi più giovani e urbani.

Dagli anni ’70 la popolazione si è spostata dalle aree rurali alle tre città principali – Irákleio, Chaniá e Réthymno – dove ora risiede quasi la metà della popolazione dell’isola (con quasi un quarto nella sola area del Grande Irákleio).

I cretesi sono noti per la loro ospitalità e vitalità e molta enfasi è posta sui legami tra i membri della famiglia.

Governo e società

La regione amministrativa di Creta è divisa in quattro perifereiakés enótites (unità regionali) —Chaniá, Réthymno, Irákleio e Lasíthi — ciascuna delle quali è amministrata da un prefetto nominato dal governo centrale.

Le unità regionali sono divise in dímoi (comuni) per scopi di governo locale; ognuno ha il proprio sindaco e consiglio, eletto a voto popolare. Creta invia anche deputati al parlamento greco.

La scuola primaria e secondaria è obbligatoria e gratuita per tutti i bambini dell’isola.

Gli studenti frequentano un liceo, un’università o una scuola politecnica dopo aver completato la scuola superiore (palestra).

Molti cretesi studiano ad Atene o all’estero in Europa; altri frequentano l’Università di Creta a Irákleio oa Réthymno, l’Università tecnica di Creta a Chaniá o l’Istituto di educazione tecnologica.

Praticamente l’intera popolazione è alfabetizzata.

Vita culturale

Un crogiolo di culture provenienti da Europa, Asia e Africa, Creta è il luogo in cui prosperò la prima civiltà europea, quella minoica.

Resti e siti minoici si trovano a Knossos (Knosós o Cnossus), Phaestus (Phaestos) e numerosi altri luoghi in tutta l’isola.

Il Museo Archeologico di Heraklion (Irákleio) contiene una collezione della maggior parte dei principali manufatti della civiltà minoica; altri resti minoici sono conservati nei musei regionali, mentre i resti di strutture elleniche, romane, bizantine, veneziane e turche che si trovano praticamente ovunque ricordano altri periodi della ricca storia di Creta.

La cultura popolare tradizionale sopravvive in una certa misura nei villaggi e nelle piccole città.

Forme di canto come la rizitika e le mandinate sono accompagnate da strumenti tradizionali come la lira e il liuto, e le danze includono il pentozalis, che è tradizionalmente eseguito dagli uomini; il chaniotikos (sirtos); e i maleviziotikos, sousta e sitiakos più veloci e vivaci.

La lavorazione della ceramica, la tessitura e l’artigianato dell’ago di tutti i tipi, l’intaglio del legno e la lavorazione della pelle sono ancora ampiamente praticati.

La cucina cretese è diventata rinomata a livello internazionale per la sua salubrità.

Si basa sull’uso di frutta e verdura fresca, olio d’oliva, pesce appena pescato alla griglia o al forno e formaggi locali come la Graviera e il Myzithra.

I pasti sono tipicamente accompagnati da vino fatto in casa e dolci come il patouda (una torta ripiena di noci) e yogurt a base di latte di pecora con miele.

La vita rurale rimane basata sulle tradizioni cretesi di agricoltura, allevamento di bestiame, pesca e artigianato, mentre la vita urbana fonde la cultura tradizionale con elementi più caratteristici delle città moderne: boutique, caffè, cybercaf, cinema, club di musica popolare e ristoranti fast-food .

Gli abitanti delle città adulti trascorrono spesso il tempo libero nei bar bevendo caffè e giocando a carte e giochi da tavolo e, la sera, indugiando a cene al ristorante o guardando film.

Pertanto, una cultura più cosmopolita sta sostituendo sempre più quella tradizionale, anche se molti giovani abitanti delle città continuano la musica e le danze tradizionali quando tornano nei loro villaggi ancestrali.

Le strade cittadine progettate per gli asini ora trasportano automobili e il traffico e l’inquinamento atmosferico sono problemi crescenti.

Gli appartamenti urbani a più piani fatti di blocchi di cemento imbiancati contrastano con le piccole case dei villaggi rurali.

Gli sport acquatici sono popolari tra i cretesi, come lo sono tra i turisti.

Anche il calcio (calcio), la pallacanestro e la pallavolo sono ampiamente praticati.

Storia

Strumenti in pietra trovati a Creta e datati a circa 130.000 anni fa hanno portato a sostenere che i primi ominidi dovevano essersi stabiliti almeno per un breve periodo a Creta, ma il vero insediamento umano dell’isola iniziò non molto prima del 6500 a.C. Nel 3000 ac la civiltà minoica, una cultura dell’età del bronzo che prende il nome dal leggendario sovrano Minosse, stava emergendo.

Nei suoi primi secoli quella cultura produceva poco più che tombe a volta circolari e alcuni bei vasi in pietra scolpita, ma intorno al 2000 ac i minoici avevano iniziato a costruire “palazzi” sui siti di Cnosso (Cnosso), Festo e Mallia (Mália) .

La civiltà minoica era centrata a Cnosso e raggiunse il suo apice nel XVI secolo ac, commerciando ampiamente nel Mediterraneo orientale.

I minoici producevano sculture, affreschi, ceramiche, gioielli e oggetti in metallo sorprendenti.

Intorno al 1500 ac i continenti greci di Micene avevano assunto un ruolo influente negli affari minoici.

Quei micenei introdussero una forma di scrittura nota come lineare B, utilizzata principalmente per la tenuta dei registri.

Dopo che Creta subì un forte terremoto che distrusse Cnosso e altri centri intorno al 1450 a.C., il potere nella regione passò decisamente ai Micenei, con i quali Creta fu strettamente associata fino all’inizio dell’età del ferro nel 1200 a.C.

In quel periodo i Dori, un altro popolo di lingua greca, si trasferirono e organizzarono l’isola.

Creta ha svolto un ruolo di supporto nella rinascita della civiltà greca che iniziò nel IX secolo a.C. e durante il periodo di massimo splendore di Atene nel V secolo a.C. Creta affascinò i greci come fonte di miti, leggende e leggi.

Nel 67 ac apparvero i romani e completarono la conquista di Creta convertendola in Cirenaica, una provincia collegata al Nord Africa.

Nel 395 d.C. l’isola passò a Bisanzio (Impero Romano d’Oriente); gli arabi acquisirono il controllo su parti di Creta dopo l’824 ma lo persero di nuovo sotto i bizantini nel 961.

Nel 1204, all’indomani della quarta crociata, i crociati vendettero l’isola a Venezia, che inserì Creta nel suo impero commerciale in crescita.

I cretesi nativi, tuttavia, non abbandonarono mai la loro religione ortodossa, la lingua greca e le tradizioni popolari.

I turchi ottomani, che avevano già il controllo di parti di Creta, strapparono ai veneziani la capitale Candia (ora Irákleio) nel 1669 dopo uno dei più lunghi assedi della storia.

Creta ristagnava sotto il dominio turco e le rivolte indigene furono sempre sventate, comprese quelle del 1821 e del 1866.

I turchi furono infine espulsi dai greci nel 1898, dopodiché l’isola mantenne uno status autonomo fino alla sua unione con la Grecia nel 1913.

Articoli

Tristezza al palazzo di Cnosso

[Agosto, 2009] Sono andata a vedere il famoso Palazzo di Cnosso a Creta in Grecia . Non erano solo le rovine che hanno effettivamente ritrovato, ma alcuni edifici erano stati aggiunti secondo l’immaginazione degli scopritori….

Ristoranti

7 fratelli

[Agosto, 2009] A Rethymno sull’isola di Creta in Grecia, ci sono numerosi ristoranti dove sarebbe bello rivestirsi e andare. Mentre stavo in città, ne ho provati alcuni. Ma il mio favorito era uno che si…

Cucina

Una semplice torta

[Agosto, 2009] Durante il tour verso l’interno di Creta in Grecia, abbiamo fatto una sosta a Askifoe Plateau. Qui ci è stata presentata una semplice torta. E’ un tipo di crepe con formaggio fresco in…

Trasporti

Un episodio relativo al volo di ritorno

[Agosto 2009] Dopo aver trascorso le mie vacanze estive a Creta in Grecia, sono tornata ad Atene e ho trascorso un giorno passeggiando per la città e usando la mia guida. Inoltre, il giorno che…