Il Canada, il secondo paese più grande al mondo per area (dopo la Russia), occupa circa i due quinti settentrionali del continente nordamericano.
Nonostante le grandi dimensioni del Canada, è uno dei paesi più scarsamente popolati del mondo. Questo fatto, unito alla grandiosità del paesaggio, è stato centrale nel senso dell’identità nazionale canadese, come espresso dalla scrittrice di Dublino Anna Brownell Jameson, che esplorò l’Ontario centrale nel 1837 e osservò esultante “la linea apparentemente interminabile di alberi davanti a te; il deserto sconfinato intorno a te; le profondità misteriose in mezzo al folto fogliame, dove il piede dell’uomo non è mai penetrato … la solitudine in cui abbiamo proceduto miglia e miglia, nessun essere umano, nessuna dimora umana in vista.

“Sebbene i canadesi siano relativamente pochi in numero, tuttavia, hanno realizzato quella che molti osservatori considerano una società multiculturale modello, che accoglie le popolazioni immigrate di ogni altro continente.
Inoltre, il Canada ospita ed esporta una ricchezza di risorse naturali e capitale intellettuale pari a pochi altri paesi.
Il Canada è ufficialmente bilingue in inglese e francese, riflettendo la storia del paese come terreno una volta contestato da due delle grandi potenze europee.

La parola Canada deriva dal kurata Huron-Iroquois, che significa villaggio o insediamento.

Nel XVI secolo, l’esploratore francese Jacques Cartier usò il nome Canada per riferirsi all’area intorno all’insediamento che è ora la città di Quebec.

Successivamente, il Canada fu usato come sinonimo della Nuova Francia, che, dal 1534 al 1763, includeva tutti i possedimenti francesi lungo il fiume San Lorenzo e i Grandi Laghi.

Dopo la conquista britannica della Nuova Francia, il nome Quebec veniva talvolta usato al posto del Canada.

Il nome Canada fu completamente restaurato dopo il 1791, quando la Gran Bretagna divise il vecchio Quebec nelle province dell’Alto e del Basso Canada (ribattezzato rispettivamente nel 1841 Canada occidentale e Canada orientale e collettivamente chiamato Canada).

Nel 1867 il British North America Act creò una confederazione da tre colonie (Nuova Scozia, New Brunswick e Canada) chiamata Dominio del Canada.

L’atto ha anche diviso la vecchia colonia del Canada in diverse province dell’Ontario e del Quebec.

Lo status di dominio permise al Canada una grande dose di autogoverno, ma le questioni relative alla diplomazia internazionale e alle alleanze militari erano riservate alla corona britannica.

Il Canada divenne completamente autonomo all’interno dell’Impero britannico nel 1931, sebbene la piena indipendenza legislativa non fu raggiunta fino al 1982, quando il Canada ottenne il diritto di modificare la propria costituzione.
Il Canada condivide un confine lungo 5.525 miglia (8.890 km) con gli Stati Uniti (inclusa l’Alaska), il confine più lungo del mondo non pattugliato da forze militari, e la stragrande maggioranza della sua popolazione vive entro 300 km ) del confine internazionale.

Sebbene il Canada condivida molte somiglianze con il suo vicino meridionale e, in effetti, la sua cultura popolare e quella degli Stati Uniti sono per molti aspetti indistinguibili – le differenze tra i due paesi, sia temperamento che materiale, sono profonde.

“Il fatto centrale della storia canadese”, ha osservato il critico letterario del 20 ° secolo Northrop Frye, è “il rifiuto della rivoluzione americana“.

I canadesi contemporanei sono inclini a favorire un governo centrale ordinato e un senso di comunità sull’individualismo; negli affari internazionali, hanno maggiori probabilità di svolgere il ruolo di pacificatore anziché guerriero e, sia in patria che all’estero, hanno probabilmente un modo pluralistico di vedere il mondo.

Inoltre, i canadesi vivono in una società che nella maggior parte delle questioni legali e ufficiali ricorda la Gran Bretagna, almeno nella parte di lingua inglese del paese.

Il Quebec, in particolare, mostra adattamenti francesi: oltre i tre quarti della sua popolazione parla il francese come lingua principale.

Il personaggio francese in Quebec si riflette anche nelle differenze di religione, architettura e scuola.

Altrove in Canada, l’influenza francese è meno evidente, limitata principalmente al doppio uso di francese e inglese per nomi di luoghi, etichette di prodotti e segnali stradali.

Le influenze francese e britannica sono integrate dalle culture dei popoli indiani nativi del paese (in Canada spesso chiamati collettivamente le Prime Nazioni) e dai popoli Inuit, il primo è molto più numeroso e il secondo gode di uno status semiautonomo nel nuovo territorio del Canada, Nunavut . (Gli Inuit preferiscono quel termine piuttosto che Eskimo, ed è comunemente usato in Canada.)

Inoltre, il crescente numero di immigrati da altri paesi europei, sud-est asiatico e America Latina ha reso il Canada ancora più ampiamente multiculturale.

Il Canada è un membro influente del Commonwealth e ha svolto un ruolo di primo piano nell’organizzazione dei paesi di lingua francese noti come La Francophonie.

E’ un membro fondatore delle Nazioni Unite ed è stato attivo in una serie di importanti agenzie delle Nazioni Unite e altre operazioni in tutto il mondo.

Nel 1989 il Canada aderì all’Organizzazione degli Stati americani e firmò un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti, un patto che fu sostituito nel 1992 dall’Accordo di libero scambio nordamericano (che include anche il Messico).

Membro fondatore (1961) dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, il Canada è anche membro del gruppo dei sette (G7), che comprende le sette più grandi democrazie industriali del mondo e, come gruppo di otto (G8), aveva incluso la Russia fino a quando non è stata definitivamente sospesa dall’adesione nel 2014.

La capitale del Canada è Ottawa, la quarta città più grande del Canada.

Si trova a circa 250 miglia (400 km) a nord-est di Toronto e 125 miglia (200 km) a ovest di Montreal, rispettivamente la prima e la seconda città del Canada in termini di popolazione e importanza economica, culturale ed educativa.

La terza città più grande è Vancouver, un centro commerciale con i paesi del Pacifico e la principale porta occidentale verso gli interni in via di sviluppo del Canada.

Altre importanti aree metropolitane includono Calgary e Edmonton, Alberta; Quebec City, Quebec; e Winnipeg, Manitoba.

FORMA DI GOVERNO
stato parlamentare multipartitico federale con due case legislative (Senato [1051, 2]; House of Commons [338])
CAPO DI STATO
Regina del Canada (monarca britannico): Elisabetta II, rappresentata dal governatore generale: Julie Payette
CAPO DEL GOVERNO
Primo Ministro: Justin Trudeau (2019)
CAPITALE
Ottawa
LINGUE UFFICIALI
Inglese; francese
RELIGIONE UFFICIALE
nessuna
UNITÀ MONETARIA
Dollaro canadese (Can $)
POPOLAZIONE
(Stima 2018) 37.152.000
CLASSIFICA DI POPOLAZIONE
(2018) 38
PROIEZIONE DELLA POPOLAZIONE 2030
41.364.000
TOTALE AREA (MQ KM)
9.984.670
DENSITÀ: PERSONE PER KM
(2018) 4.2
POPOLAZIONE URBANA-RURALE
Urbano: (2018) 81,4%
Rurale: (2018) 18,6%
ASPETTATIVA DI VITA ALLA NASCITA
Maschio: (2017) 79.3 anni
Femmina: (2017) 84,5 anni

L’area terrestre totale del Canada comprende migliaia di isole adiacenti, in particolare Terranova ad est e quelle dell’Arcipelago Artico a nord.

Il Canada è delimitato dall’Oceano Artico a nord, la Groenlandia (una parte autonoma del regno danese) a nord-est, l’Oceano Atlantico a est, 12 stati degli Stati Uniti a sud, e l’Oceano Pacifico e il Stato americano dell’Alaska a ovest; inoltre, le minuscole Saint-Pierre e Miquelon (un territorio arcipelagico della Francia) si trovano al largo di Terranova.

In longitudine il Canada si estende da circa 52 ° a 141 ° O, una distanza che copre sei fusi orari. La latitudine si estende da circa 42 ° a 83 ° N.

Con i suoi vasti territori artici e subartici, il Canada è spesso considerato un paese solo dell’estremo nord; tuttavia, la penisola dell’Ontario meridionale si protende profondamente a sud nel cuore degli Stati Uniti e il suo punto più meridionale, Middle Island nel lago Erie, è alla stessa latitudine della California settentrionale.

Il Canada occupa una posizione globale strategica, che giace su grandi rotte circolari (la linea più breve che unisce due punti qualsiasi sul globo) tra gli Stati Uniti e l’Europa e, in misura minore, l’Asia. Di conseguenza, molti voli commerciali internazionali seguono il Canada.

La combinazione di geografia fisica e insediamento discontinuo ha portato a un forte senso di regionalismo in Canada, e spesso i termini regionali popolari si sovrappongono.

Le province atlantiche comprendono tutta la regione degli Appalachi tranne la parte del Quebec. Se la provincia di Terranova e Labrador viene esclusa, le tre restanti province della costa orientale vengono chiamate province marittime.

Quebec e Ontario sono di solito indicati separatamente ma a volte insieme, come il Canada centrale. L’Occidente di solito significa tutte e quattro le province a ovest dell’Ontario, ma la Columbia Britannica può essere definita da sola e le altre tre collettivamente come Province della Prateria o Praterie. Yukon, i Territori del Nord Ovest e Nunavut sono indicati come il Nord.

Il Canada contiene al suo interno una vasta gamma di caratteristiche geografiche. In generale, la struttura del landform del paese può essere considerata come un vasto bacino di oltre 3.220 miglia (5.200 km) di diametro.

La Cordillera a ovest, gli Appalachi a sud-est, le montagne del nord Labrador e dell’isola di Baffin a nord-est, e le montagne innuitiane a nord formano il suo bordo alto, mentre Hudson Bay, vicino al centro dell’enorme piattaforma dello scudo canadese, occupa il fondo del bacino.

Il bordo occidentale del bacino è più alto e più massiccio della sua controparte orientale e mancano pezzi del bordo, in particolare nell’estremo nord-ovest e nel sud.

Le linee principali delle morfologie canadesi continuano bene negli Stati Uniti, collegando intimamente la geografia di entrambi i paesi.

Per creare un paese così grande, i canadesi hanno dovuto forgiare collegamenti di trasporto e comunicazione in una direzione est-ovest, contro il grano fisiografico del continente.

Il Nord canadese rimane una delle parti meno stabilizzate e meno sfruttate economicamente del mondo.

Il Canada può essere diviso in sei regioni fisiografiche: lo scudo canadese, le pianure interne, i Grandi Laghi – St. Pianure di Lawrence, regione appalachiana, cordigliera occidentale e arcipelago artico.

Di gran lunga la più grande delle regioni fisiografiche del Canada, lo scudo canadese (a volte chiamato Precambrian Shield) occupa circa la metà dell’area totale del paese ed è centrato sulla baia di Hudson.

Lo scudo è costituito da alcune delle rocce più antiche del mondo, che sono state piegate da movimenti di costruzione di montagne e tagliate dall’erosione fino a quando l’area è stata ridotta quasi a una pianura.

Era deformato e piegato in alcuni punti, quindi alcune parti ora sono molto più alte di altre, specialmente attorno ai suoi bordi esterni.

A nord, il bordo si trova a circa 2.000 piedi (2.000 metri) sul livello del mare e fiordi con pareti alte da 600 a 900 metri (2.000 a 3.000 piedi) si estendono per molte miglia nelle masse montuose.

Le Labrador Highlands, comprese le montagne Torngat, Kaumajet e Kiglapait, si trovano a sud dello stretto di Hudson. Lungo la sponda nord del fiume San Lorenzo in Quebec, il bordo dello scudo è una scarpata di 600 metri (la Laurentide Scarp).

Il bordo è quasi impercettibile nell’Ontario meridionale, ma nell’Ontario settentrionale si innalza di nuovo a quasi 1.500 piedi (450 metri) sopra la sponda settentrionale del Lago Superiore. Da Manitoba verso nord-ovest, il bordo dello scudo è segnato da un gran numero di laghi.

La maggior parte dello scudo si trova ad altitudini inferiori a 2.000 piedi (600 metri). La sua mancanza di colline di qualsiasi dimensione produce un paesaggio generalmente monotono, ma le glaciazioni geologicamente recenti hanno avuto un effetto sorprendente sulla superficie.

Spogliando la parte superiore, il materiale esposto alle intemperie, hanno irruvidito la superficie in un tipo di roccia-manopola, o granulosa, paesaggio, con le cavità tra le manopole o le depressioni tra le creste occupate da un numero enorme di laghi.

In altre aree i ghiacciai si depositarono fino alla morena sulla superficie e in altre ancora lasciarono giganteschi campi di erratica (massi e altro materiale diverso dal substrato roccioso locale).

Gli Esker – lunghe e strette creste di depositi – si estendono attraverso lo scudo, a volte per più di 100 miglia (160 km), segnando il corso di vecchi fiumi subglaciali.

In altri posti ancora, i depositi depositati dai laghi glaciali che da allora sono stati drenati hanno dato origine a estese cinture di argilla. Lo scudo contiene una grande varietà di minerali (ad es. Rame, argento e oro) e il suo sfruttamento è stato una delle principali fonti di ricchezza del Canada.

Intorno allo scudo canadese si trovano numerose estese pianure protette da rocce sedimentarie: le pianure artiche a nord, i Grandi Laghi – St. Lawrence pianure a sud e sud-est e le pianure interne o occidentali a ovest. La parte meridionale di queste pianure è comunemente indicata come Praterie.

Le vaste pianure interne si estendono dall’Oceano Artico a nord fino al confine degli Stati Uniti a sud e dal bordo dello scudo canadese ad est fino ai contrafforti delle Montagne Rocciose ad ovest.

Lungo il confine tra la pianura e lo scudo interno vi sono numerosi grandi laghi, tre dei quali hanno ciascuno una superficie maggiore del Lago Ontario: Great Bear, Great Slave e Winnipeg.

Nel sud-est si trova la pianura Manitoba, dove le altitudini sono generalmente inferiori a 300 piedi (1.000 piedi). È sostenuto da sedimenti lacustri del glaciale Lago Agassiz ed è la terra più piatta delle pianure interne.

Oltre al lago Winnipeg, comprende il lago Manitoba e il lago Winnipegosis. La fertile porzione meridionale, la valle del Red River, è ricoperta di argilla nera e terreni di limo.

A ovest della pianura di Manitoba, il terreno sorge in due fasi: la pianura del Saskatchewan, che varia da 1.500 a 2.100 piedi (450 a 650 metri), e la pianura dell’Alberta, che è più di 2.500 piedi (750 metri).

Queste pianure sono paesaggi ondulati di depositi glaciali posati su un substrato roccioso quasi orizzontale. In alcune aree le pianure ondulate sono intervallate da catene montuose basse (morene glaciali) costellate di laghi di bollitore e valli a fondo piatto e ripide, scavate nell’acqua di fusione glaciale, ora occupate da fiumi come l’Assiniboine e il sistema Saskatchewan.

Gli stagni chiamati slough punteggiano il paesaggio di entrambe queste pianure. Queste terre contengono anche grandi giacimenti di potassio e, soprattutto in Alberta, enormi riserve di carbone, petrolio e gas naturale.

Le Cypress Hills del sud-ovest del Saskatchewan e la parte sud-orientale dell’Alberta raggiungono un’altezza di 4.816 piedi (1.468 metri), il punto più alto del Canada continentale tra le Montagne Rocciose (Montagne Rocciose canadesi) e Labrador.

Le Mackenzie Lowlands, che si estendono dalla pianura dell’Alberta a nord fino all’Oceano Artico, sono un’area pianeggiante coperta di muskeg (paludi) e paludi. È drenato dal fiume Mackenzie.

La regione di Lawrence comprende la penisola dell’Ontario meridionale delimitata dallo scudo canadese e dai laghi Huron, Erie e Ontario. Si estende lungo il fiume San Lorenzo fino all’Oceano Atlantico.

La regione, abbastanza piccola nella sua area, è tuttavia importante per la sua elevata produttività agricola, l’industrializzazione intensiva e l’alto grado di urbanizzazione.

Le pianure di Lawrence sono composte principalmente da morfologie glaciali: fondali glaciali glaciali e litorali, fino a pianure, morene, drumlin, esker e canali di scarico giganti scolpiti da corsi d’acqua glaciali.

Nell’Ontario sudoccidentale la scarpata del Niagara è l’unica significativa struttura rocciosa esposta. Questa ripida dorsale a forma di cuesta si estende dalle cascate del Niagara fino alla penisola di Bruce, a ovest della baia georgiana e fino all’isola di Manitoulin.

Nell’Ontario sud-orientale la pianura è interrotta da una banda dello scudo canadese, l’asse Frontenac, che si estende attraverso il fiume San Lorenzo per formare le Mille Isole.

A nord-est dell’asse di Frontenac, le pianure abbracciano la valle di Ottawa e la valle di San Lorenzo fino a un punto a circa 110 km a valle di Quebec City. Durante l’ultimo periodo glaciale, questa zona fu inondata dall’acqua dell’oceano, conosciuta come il Mare di Champlain, che produceva una pianura molto piatta.

La pianura pianeggiante è interrotta dalle sette colline di Monteregian vicino a Montreal. Il più occidentale di questi è Mont-Royal (Monte Royal) a Montreal, a circa 250 metri di altezza.

La regione appalachiana si estende dai comuni orientali del Quebec (a sud della valle di St. Lawrence) verso nord-est fino alla penisola di Gaspé e alle province marittime e fino all’isola di Terranova.

La regione è formata da antiche formazioni rocciose piegate che sono state erose in montagne basse e arrotondate sezionate da valli e interrotte da aree di pianura sviluppate su formazioni rocciose più deboli.

Tre ampi gruppi di altopiani possono essere riconosciuti. Le montagne più alte (ad es. Gosford, Jacques-Cartier e Richardson), con altitudini di circa 4.000 piedi (1.200 metri), si trovano nel sud del Quebec.

Gli altipiani del New Brunswick e della Nuova Scozia sono più bassi e le colline sono state sezionate da un altopiano. La maggior parte di Terranova è anche un altopiano sezionato, ma lungo la costa occidentale le montagne a lungo raggio si innalzano a più di 2.000 piedi (600 metri) di altezza.

Le aree relativamente piccole della pianura si estendono lungo la costa e i principali fiumi.

La regione del Cordilleran comprende una serie di catene montuose larghe circa 500 miglia (800 km) lungo la costa del Pacifico del Canada.

Le grandi altezze e la spigolosità delle vette, molte delle quali raggiungono i 3000 metri (oltre 10.000 piedi), indicano che si tratta di montagne molto più giovani degli Appalachi.

I segni della glaciazione alpina sono ampiamente evidenti. In molti luoghi i ghiacciai della valle rimangono attivi e le cime innevate sono spesso nascoste tra le nuvole.

Alcuni pendii della montagna sono così precipitosi che sono spogli di alberi. Visto dall’alto, l’intero paesaggio sembra essere un mare irregolare di catene montuose, che tende in direzione nord-sud.

Le Montagne Rocciose formano la parte orientale della Cordigliera dal confine Yukon a sud fino al 49 ° parallelo, dove continuano negli Stati Uniti.

Le alte catene montuose delle Montagne Rocciose canadesi formano la divisione continentale tra fiumi che scorrono verso est e verso ovest e contengono alcuni dei paesaggi più aspri e pittoreschi del Nord America.

L’autostrada tra Banff e Jasper, in Alberta, è particolarmente nota per il suo spettacolare scenario montano. Le Montagne Rocciose comprendono più di 30 picchi che superano i 3.000 metri (10.000 piedi), incluso il Monte Robson, che sale a 3.954 piedi (3.954 piedi).

Cinque dei parchi nazionali canadesi si trovano all’interno delle Montagne Rocciose, incluso Banff, che è stato istituito nel 1885. Tre passaggi principali attraversano le Montagne Rocciose: il Yellowhead Pass, utilizzato dalle Canadian National Railways, e il Kicking Horse Pass e il Crowsnest Pass, che sono utilizzati dalla Canadian Pacific Railway. Anche l’autostrada Trans-Canada è attraversata dal Kicking Horse Pass.

La catena montuosa anteriore delle Montagne Rocciose canadesi è delimitata a ovest da una grande valle, larga circa 15 miglia (25 km) e profonda diverse migliaia di piedi, nota come Rocky Mountain Trench.

A ovest della trincea le montagne della Columbia salgono a picchi di oltre 3000 piedi (3000 metri).

Il sistema Columbia Mountain comprende, da est a ovest, i gruppi Purcell, Selkirk e Monashee.

A nord-ovest di questi sono i Monti Cariboo, famosi per il loro sci alpino in elicottero. Tra le montagne della Columbia e le montagne della costa, più a ovest, si trova un’ampia regione di montagne interne e altipiani.

Sebbene una parte della superficie di questa regione sia abbastanza piana, la maggior parte è stata ripiegata in montagne e colline.

Le Coast Mountains, parte del sistema montuoso del Pacifico, sono un altro gruppo di alte montagne, con diverse cime che si innalzano per oltre 15.000 piedi (4.500 metri); comprendono la vetta più alta del Canada, il Monte Logan, che raggiunge i 5.959 piedi (5.959 metri) nelle montagne di Saint Elias.

Lungo tutta la costa ci sono fiordi spettacolari con ripide scogliere che spesso si innalzano a 2.100 metri dall’acqua.

Al largo della costa c’è una catena di montagne che si presentano come una serie di isole, le più grandi delle quali sono l’isola di Vancouver e Haida Gwaii (ex Queen Charlotte Islands).

Nell’estremo nord i principali gruppi montuosi sono le montagne Richardson, Mackenzie, Selwyn e Pelly. Le aspre montagne del Cassiar si trovano appena a sud del confine con lo Yukon.

La regione è una delle principali fonti di piombo, zinco, rame e oro; le sue frange orientali contengono depositi di carbone.

L’Arcipelago Artico è composto da migliaia di isole a nord della terraferma canadese. Le isole sud-orientali sono un’estensione dello scudo canadese.

L’equilibrio è costituito da due distinte regioni landform: le pianure artiche a sud e le montagne della regione innuitica a nord.

Le catene montuose Innuitiche sono montagne geologicamente giovani simili alla Cordigliera occidentale, con alcune cime e creste che raggiungono i 3.000 metri (10.000 piedi).

Gran parte della regione innuitiana è permanentemente coperta di neve e ghiaccio attraverso i quali occasionalmente sporgono cime montuose.

Con meno dell’1 percento della popolazione mondiale, il Canada possiede circa un settimo della fornitura mondiale di acqua dolce accessibile.

Gran parte di questa acqua è immagazzinata in laghi e zone umide che coprono circa un quinto della superficie totale del Canada.

I Grandi Laghi, la più grande superficie di acqua dolce del mondo, sono condivisi con gli Stati Uniti e fanno parte del confine internazionale.

Altri grandi laghi includono i laghi Great Bear e Great Slave nei Territori del Nord-Ovest e nei laghi Manitoba e Winnipeg a Manitoba.

Circa i tre quarti dell’area terrestre del Canada sono prosciugati dai fiumi che sfociano nell’Oceano Artico e nelle baie di Hudson e James.

Il bacino di drenaggio dell’Artico è dominato dal fiume Mackenzie, il fiume più lungo del Canada, che scorre a 2.635 miglia (4.241 km) dalla sorgente alla sua foce.

Con i suoi numerosi affluenti, drena 690.000 miglia quadrate (1.800.000 km quadrati). Il St. Lawrence è il fiume più grande che scorre nell’Oceano Atlantico.

Il suo bacino di drenaggio comprende i Grandi Laghi, formando una via navigabile interna che si estende per circa 2.340 miglia (3.765 km) nel cuore del continente.

Il fiume più lungo drenante del Pacifico che è interamente all’interno del Canada è il Fraser. I fiumi Yukon e Columbia, che sorgono entrambi in Canada, scorrono anche verso il Pacifico, ma lo fanno attraverso gli Stati Uniti (rispettivamente Alaska e Washington).

L’utilità dei fiumi canadesi è limitata da due fattori: molti scorrono nella parte settentrionale del paese, che è scarsamente popolata, e la maggior parte di essi è ghiacciata in inverno.

Nelle regioni densamente abitate, l’inquinamento ha ulteriormente ridotto l’utilità dell’acqua. Quasi tutti i fiumi canadesi sono caratterizzati da rapide e cadute, molte delle quali sono state sviluppate per l’idroelettricità.

Clima
A causa della sua grande estensione latitudinale, il Canada ha una grande varietà di climi. Le correnti oceaniche svolgono un ruolo importante, poiché sia ​​le acque calde della Corrente del Golfo nell’Atlantico che la Corrente dell’Alaska nel Pacifico influiscono sul clima.

I venti occidentali, che soffiano dal mare alla terra, sono le correnti d’aria prevalenti nel Pacifico e portano forti precipitazioni nella Columbia Britannica costiera e moderate temperature invernali ed estive.

Nell’entroterra, i Grandi Laghi moderano il clima sia nell’Ontario meridionale che nel Quebec. A est la fredda Labrador Current incontra la Corrente del Golfo lungo la costa di Terranova e Labrador, raffreddando l’aria e causando frequenti nebbie.

I due terzi del nord del paese hanno un clima simile a quello della Scandinavia settentrionale, con inverni molto freddi ed estati brevi e fresche.

La zona centro-meridionale delle pianure interne ha un tipico clima continentale: inverni molto freddi, estati calde e precipitazioni relativamente scarse.

Il sud dell’Ontario e il Quebec hanno un clima con estati calde e umide e inverni freddi e nevosi, simile a quello di alcune parti del Midwest americano. Ad eccezione della costa occidentale, tutto il Canada ha una stagione invernale con temperature medie sotto lo zero e con nevicate continue.

In inverno quelle parti del paese più lontane dall’acqua aperta sono le più fredde, quindi nelle pianure interne e nel nord gli inverni sono estremamente freddi.

La temperatura più bassa mai registrata è stata di -63 ° F (-63 ° C) a Snag, Yukon, nel 1947. Durante l’estate, tuttavia, le parti del Canada più lontane dall’acqua aperta sono le più calde.

La temperatura più alta registrata fu di 45 ° C a Midale e Yellow Grass, entrambe a Saskatchewan, nel 1937. Pertanto, la costa occidentale di Vancouver ha una temperatura media di gennaio di 37 ° F (3 ° C) e una media di luglio temperatura di 64 ° F (18 ° C), mentre a Regina, Saskatchewan, nelle pianure interne, le temperature medie variano da −1 a 67 ° F (−18 a 19 ° C).

La gamma giornaliera di temperatura è anche più stretta sulle coste rispetto alle posizioni interne.

Le masse d’aria umide del Pacifico causano enormi quantità di pioggia orografica (causata dalle montagne) sulla costa occidentale e sulle aree montane.

Numerosi siti lungo la costa della Columbia Britannica ricevono quantità annuali superiori a 2.500 mm (100 pollici), ma la Columbia Britannica riceve molte meno precipitazioni in estate rispetto all’inverno perché i sistemi a bassa pressione si spostano su una pista più a nord in estate e attraversano raramente il sud parte della costa.

Vancouver ha una precipitazione media annuale di circa 40 pollici (1.000 mm).

Nelle pianure interne e nel nord (artico e subartico), le precipitazioni raramente superano i 400 mm (15 pollici) all’anno; scende a soli 50 mm (2 pollici) a Eureka sull’isola di Ellesmere.

Poiché le correnti d’aria generalmente si spostano da ovest a est, le montagne della costa occidentale mantengono efficacemente l’aria marina. La primavera e l’estate sono più umide dell’inverno.

Ontario e Quebec hanno più precipitazioni delle pianure interne perché le masse d’aria raccolgono vapore acqueo dai Grandi Laghi, dalla Baia di Hudson, dall’Oceano Atlantico e dal Golfo del Messico.

Le precipitazioni medie annue sono di circa 30 pollici (800 mm) a Toronto e 40 pollici (1.000 mm) a Montreal.

Poiché gli inverni non sono freddi come nelle pianure interne, l’aria è meno secca e cade abbastanza neve da rendere equivalenti le precipitazioni invernali ed estive.

Le province atlantiche sono più umide delle province del Canada centrale.

Le precipitazioni annuali, la maggior parte delle quali di origine ciclonica, in alcuni punti superano i 50 pollici (1.250 mm) e sono distribuite in modo abbastanza uniforme durante tutto l’anno.

Ci sono pochi temporali e le basse montagne appalachiane producono solo una piccola pioggia orografica. In generale, le precipitazioni sulla costa orientale del Canada sono inferiori a quelle sulla costa occidentale perché il vento prevalente è offshore.

Le nevicate del Canada non seguono lo stesso modello delle precipitazioni. Nel nord e nelle pianure interne, le nevicate sono leggere perché l’aria fredda è molto secca.

La neve è dura e asciutta, cade in piccole quantità ed è sottoposta al vento costante. Le coste est e ovest sono aree di nevicate più leggere perché l’oceano solitamente rende l’aria troppo calda per far cadere grandi quantità di neve.

La profondità della neve aumenta nell’entroterra da ogni costa, raggiungendo un massimo di circa 240 pollici (6.100 mm) nelle Montagne Rocciose e sulle rive del Golfo di San Lorenzo.

Ancora più nell’entroterra, la mancanza di umidità fa scendere di nuovo la profondità della neve. Durante i mesi più freddi in qualsiasi parte del paese possono verificarsi precipitazioni gelide, interrompendo occasionalmente il trasporto e la comunicazione.

Sia le morfologie che il clima influenzano la distribuzione di piante, animali e terreni. Gli ecologi riconoscono vaste regioni chiamate ecosistemi che sono caratterizzati da complessi abbastanza stabili di clima, suoli e vita vegetale e animale.

I confini di queste regioni non sono generalmente linee nette sul paesaggio, ma sono ampie aree di transizione. La discussione che segue si concentra sulla vegetazione preagriculturale o naturale. Nel Canada meridionale rimangono solo i resti di questi ecosistemi.

La tundra è il tipo di terra dominante nelle regioni artiche e subartiche. La tundra esiste anche al di sopra della linea del legno nella Cordigliera occidentale, ma la discussione qui è generalmente limitata alla tundra settentrionale.

Con inverni lunghi e freddi, estati brevi e fresche e basse precipitazioni, i suoli sono sottili o assenti e la vegetazione è scarsa. La tundra è altamente suscettibile al danno ambientale.

A causa del piccolo numero di specie animali e vegetali e della fragilità delle catene alimentari, i danni a qualsiasi elemento dell’habitat possono avere una reazione a catena immediata attraverso il sistema.

Il permafrost (terreno congelato persistentemente) può essere facilmente danneggiato da attrezzature pesanti e fuoriuscite di petrolio. Gli Inuit, che pescano, cacciano e intrappolano per vivere, sono direttamente colpiti dagli abusi dell’ecologia.

Considerando le condizioni climatiche, la vegetazione della tundra è piuttosto varia. I lunghi periodi di luce diurna della primavera e dell’estate contribuiscono a una crescita improvvisa e rapida.

Sebbene i deserti rocciosi siano quasi privi di vegetazione, i muschi a crescita relativamente rapida spesso circondano grandi rocce.

Nelle fessure rocciose sopravvivono piante come la sassifraga viola e le stesse superfici rocciose possono sostenere i licheni, alcune specie di arance e vermigli che aggiungono colore al paesaggio.

La tundra del lichene si trova nelle parti più asciutte e meglio drenate. I muschi sono comuni e alcune specie possono dominare il paesaggio in modo tale da sembrare coperto di neve.

La brughiera e la tundra alpina sostengono nani, spesso frutti di bosco, arbusti e il terreno tra di solito è coperto da uno spesso tappeto di licheni e muschi.

Gli animali distintivi della tundra sono foche e orsi polari, questi si nutrono di foche e buoi muschiati, caribù, lepri artiche e lemming, che si nutrono della vegetazione della tundra e sono prede di lupi e volpi artiche bianche.

Pochi uccelli fanno della tundra il loro habitat per tutto l’anno, i grandi gufi delle nevi e la pernice bianca sono eccezioni.

Numerosi uccelli che abitano normalmente in climi miti, tuttavia, spesso volano verso la tundra per nidificare.

Due grandi uccelli che fanno questo sono l’oca delle nevi e l’oca del Canada (vedi foto).

Il Canada ha diverse zone forestali grandi e distinte, che si fondono in un numero di zone di transizione.

La foresta di conifere settentrionale (o boreale) (taiga) è la seconda area più estesa del mondo di foresta ininterrotta; solo la Russia ha una maggiore distesa di foresta boreale.

Il rigido inverno e la breve stagione di crescita limitano il numero di specie arboree. Tra questi l’abete bianco e nero e la betulla bianca sono comuni e anche il balsamo (abete) e il tamarack (larice) hanno un’ampia distribuzione.

La foresta boreale è un’importante fonte di pasta di legno e produce anche legname considerevole, ma gran parte dell’area settentrionale è troppo inaccessibile per il legname commerciale.

Una vasta zona di transizione, lo scudo della taiga, comprendente circa 500.000 miglia quadrate (1.300.000 km quadrati) di crescita mista di boreale e tundra, collega la foresta settentrionale e la regione della tundra.

Generalmente, gli alberi in questa zona subartica, con il suo clima freddo e secco, sono piccoli e di scarsa importanza commerciale.

La zona, coperta da permafrost intermittenti, può essere caratterizzata come un crocevia ecologico, con un equilibrio quasi delicato come quello della tundra.

Lungo il margine meridionale della foresta boreale si trovano altre due zone di transizione.

Nelle pianure interne la foresta si fonde con le praterie per creare un arco di parco aspen, caratterizzato da una vegetazione prateria punteggiata da boschi di pioppi tremanti (tremanti) e altre specie di pioppo in zone a bassa umidità e lungo i fondovalle.

Ad est del confine Manitoba-Ontario c’è una fascia di foresta mista di conifere decidue che si estende in entrambi i Grandi Laghi – St. Pianure di Lawrence e regione appalachiana.

Oltre alle specie della foresta boreale, ci sono pino bianco, pino rosso, cedro bianco e cicuta orientale. Gli alberi decidui includono acero di zucchero, acero rosso, faggio, quercia rossa e cenere bianca.

I resti dell’unica foresta prevalentemente decidua del Canada crescono nella parte più meridionale della penisola sud-occidentale dell’Ontario.

Questa è un’estensione della zona della foresta caroliniana degli Stati Uniti e, oltre alle specie che condivide con la foresta mista, contiene alberi che si trovano di solito molto più a sud, come l’albero di tulipani, il sicomoro, la quercia bianca e nera, e diversi tipi di hickory.

Come ci si potrebbe aspettare dal forte sollievo e dagli improvvisi cambiamenti climatici a distanze relativamente brevi, le foreste della Cordigliera occidentale sono complesse.

La foresta subalpina, di Engelmann e di abete bianco e pino lodgepole, è caratteristica delle pendici delle Montagne Rocciose da circa 4.000 piedi (1.200 metri) fino al limite del bosco.

Le foreste delle montagne Selkirk, Purcell e Monashee contengono l’abete rosso Engelmann a quote più elevate, che si fonde con cedro rosso occidentale e cicuta occidentale sui pendii inferiori.

L’abete di douglas è comune sui pendii più asciutti. Una foresta generalmente aperta di pioppo tremulo e pino giallo intervallata da radure d’erba è tipica delle catene montuose che attraversano l’altopiano interno piuttosto arido. Abete douglas e pino lodgepole si trovano su pendii più alti.

La foresta della costa del Pacifico, dove pendii ripidi che affrontano venti che portano umidità portano una forte pioggia, è la foresta di legname più alta del Canada.

Un’abbondante umidità e una lunga stagione di crescita favoriscono la crescita di sempreverdi con legno molto duro, eccellente per il legname da costruzione. Abete di douglas, cicuta occidentale e cedro rosso occidentale sono gli alberi eccezionali; crescono a grande altezza e spessore.

Ontano, pioppo e acero sono sussidiari, insieme al pino bianco occidentale e vari tipi di abete rosso. Dense chiome di alberi immensi – i loro tronchi che si innalzano fino a notevoli altezze e le loro corone quasi toccanti – danno una grandiosità alla foresta.

I suoli forestali del Canada sono acidi, il risultato di vari gradi in cui i minerali vengono lisciviati dal terreno; sono quindi relativamente sterili per l’agricoltura.

Il grado di acidità e lisciviazione è maggiore nelle foreste di conifere e meno nelle foreste miste e decidue. Con una corretta gestione del suolo, i suoli forestali misti e decidui sono buoni terreni agricoli.

Le regioni faunistiche corrispondono strettamente alle diverse zone forestali. Il subartico supporta un gran numero di caribù dei boschi.

La foresta boreale comprende quasi tutte le specie di mammiferi e uccelli riconosciuti distintamente canadesi. Tra questi ci sono alci, castori, lince canadesi, orsi neri, lupi, lepri con le ciaspole e una varietà di uccelli, tra cui ghiandeie canadesi, ghiandaie blu, ghiande grigie, corvi e corvi.

In estate la foresta di conifere si riempie di decine di varietà di lucciole e altri piccoli uccelli che vanno a nord per nidificare. Più a sud, i cervi dalla coda bianca prosperano sui bordi della foresta e aree parzialmente sgomberate.

Ci sono anche numerosi piccoli mammiferi, tra cui scoiattoli grigi e rossi, visoni, procioni, topo muschiati, puzzole, jackrabbit, conigli silvilago, marmotte e una varietà di topi e talpe.

Nel sud dell’Ontario il tacchino selvatico, che era scomparso a causa della caccia e della riduzione del suo habitat, fu reintrodotto negli anni ’80 con un certo successo.

I coyote sono ora visti fino a sud come i burroni dei parchi di Toronto. Un’ampia gamma di specie faunistiche abitano la Cordigliera occidentale, con la sua ampia varietà di terreno e vegetazione.

Pecore delle Montagne Rocciose, capre di montagna, alci, cervi muli e orsi neri sono comuni nelle montagne meridionali.

La parte meridionale delle pianure interne è troppo secca per le foreste e dà origine a praterie o praterie naturali.

La vegetazione autoctona della zona più meridionale è costituita da shortgrass con salvia e cactus. Più a nord, dove c’è un po ‘più di precipitazioni, c’è una banda di praterie di alto livello.

Al limite settentrionale le praterie si fondono con il parco di transizione ai margini della foresta boreale. Oggi l’area erbosa è piccola, le colture hanno sostituito l’erba in tutte le aree tranne quelle aride o collinari.

Con la sua elevata sostanza organica e il suo contenuto di minerali, i suoli delle praterie sono tra i più fertili del Canada.

I terreni migliori per le colture sono i terreni da marrone scuro a neri della zona dei pascoli e dei parchi, l’area del Canada famosa per la coltivazione del grano.

I terreni meno fertili di colore marrone chiaro del paese di shortgrass tendono ad essere alcalini e le attività agricole predominanti sono l’agricoltura e il pascolo delle terre aride.

L’erosione del vento è un grave problema nelle regioni della prateria in cui la prateria è stata convertita in terreno agricolo coltivato.

Tra i mammiferi comuni delle praterie ci sono lo scoiattolo a terra di Richardson e il gopher tascabile, entrambi dannosi per i giovani raccolti di grano.

Continuano a proliferare nonostante le predazioni di tassi, falchi e gufi e i tentativi di controllo degli agricoltori. I primi coloni ad attraversare le praterie canadesi incontrarono enormi branchi di bisonti (spesso chiamati bufali), ma alla fine del XIX secolo i cacciatori avevano ridotto il loro numero quasi all’estinzione.

Il bisonte ora può essere visto solo nelle riserve naturali. Quando il bisonte se ne è andato, il cervo mulo e l’antilope pronghorn sono i restanti grandi mammiferi nella pianura di shortgrass.

I progetti di drenaggio agricolo e la prolungata siccità hanno notevolmente ridotto l’habitat degli uccelli acquatici della prateria, causando un calo del loro numero.

Il Canada contiene una miscela di diversi gruppi nazionali e culturali. Al momento del primo censimento del Canada, nel 1871, circa metà della popolazione era britannica e quasi un terzo era francese.

Da quel momento la proporzione di canadesi di origini britanniche e francesi è scesa a circa un quarto ciascuno, in quanto meno persone sono immigrate dal Regno Unito e dalla Francia e molte più sono arrivate da altri paesi in Europa, Sud-Est asiatico e America Latina.

Poiché i gruppi di immigrati hanno avuto la tendenza a stabilirsi in determinati luoghi, generalmente hanno mantenuto la loro identità culturale.

Ad esempio, gli ucraini sono emigrati in gran parte nelle province della prateria, dove la terra e il clima erano simili alla loro patria, e molti olandesi si stabilirono nella pianura, fertile terra coltivata dell’Ontario sudoccidentale, dove praticarono la coltivazione di frutta e verdura come avevano fatto nei Paesi Bassi .

Storicamente, il Canada ha ricevuto molti immigrati dagli Stati Uniti, in particolare durante e dopo la Rivoluzione americana (1775-1783), quando i coloni che rimasero fedeli alla corona britannica (nota come Tories negli Stati Uniti e lealisti dell’Impero degli Stati Uniti in Canada) si trasferirono in quali sono ora le province marittime e il sud del Quebec e dell’Ontario.

Nel 1790 circa un sesto della popolazione totale del Nord America britannico proveniva da territori che erano diventati gli Stati Uniti.

Gli immigrati americani erano stati esposti alle idee di governo rappresentativo che si erano evolute lungo la costa atlantica e le loro idee sulle istituzioni governative erano state fuse in Canada con quelle di persone che venivano direttamente dalla Gran Bretagna.

Vi fu una certa migrazione dagli Stati Uniti al Canada durante la metà del XIX secolo, che aumentò tra la fine del XIX e il XX secolo, ma l’immigrazione negli Stati Uniti dal Canada fu significativamente più alta.

Si stima che 200.000 indiani (prime nazioni) e Inuit vivessero nell’odierno Canada quando gli europei iniziarono a stabilirsi lì nel XVI secolo.

Per i successivi 200 anni la popolazione nativa è diminuita, in gran parte a causa dell’invasione territoriale europea e delle malattie portate dai coloni.

Tuttavia, la popolazione nativa è cresciuta notevolmente dopo il 1950, con alti tassi di natalità e accesso a cure mediche migliorate. Circa un milione di persone in Canada ora si identificano come indiane, miste (di origine mista europea e indiana) o inuit; di questo numero, più di tre quinti sono indiani, quasi un terzo di Métis e la maggior parte del resto Inuit.

Insieme rappresentano meno del 5% della popolazione totale del Canada, sebbene le popolazioni aborigene costituiscano la metà della popolazione dei Territori del Nord-Ovest e una proporzione considerevolmente maggiore di Nunavut.

Il più grande dei gruppi indiani è il Cree, che comprende circa 120.000 persone.

In Canada la parola indiano ha una definizione legale data nell’atto indiano del 1876. Le persone legalmente definite come indiani sono conosciute come status indiani.

Gli indiani che hanno scelto di rinunciare ai loro diritti di status o che li hanno persi a causa di matrimoni misti con quelli di origine europea sono chiamati indiani non statali. (A partire dal 1985, la legge canadese ha consentito a coloro che hanno perso il loro status a causa dei matrimoni misti di reclamarlo e il matrimonio non provoca più una perdita automatica dello status.)

Attraverso trattati con il governo canadese, oltre 600 bande indiane di stato occupano più di 2.250 riserve . Le risorse di queste riserve sono piuttosto limitate e la maggior parte degli indiani di stato ha uno standard di vita inferiore alla media canadese.

I trattati e gli accordi sulle riserve si applicano solo a una parte del popolo indiano. Grandi tratti di terra non sono mai stati presi dagli indiani per trattato, e vari gruppi stanno ancora negoziando rivendicazioni fondiarie e autogoverno con i governi federali e provinciali.

Questi negoziati hanno fatto progressi significativi e nel 1996 la Royal Commission on Aboriginal Peoples ha concluso che il Canada aveva bisogno di proteggere i valori distintivi e gli stili di vita delle sue popolazioni aborigene.

Gli Inuit che abitano nell’estremo nord non hanno riserve e non sono protetti da alcun trattato. Molti di essi – un numero stimato di oltre 40.000 – vivono ancora in campi sparsi e insediamenti da 25 a 500 persone, sebbene città più grandi come Iqaluit a Nunavut stiano crescendo rapidamente.

Dall’ultima parte del 20 ° secolo, l’estrazione mineraria, l’esplorazione petrolifera e la costruzione di oleodotti e i giganteschi sviluppi idroelettrici hanno influenzato notevolmente il loro modo tradizionale di vivere al di fuori della terra.

Il declino mondiale della domanda di pellicce ha notevolmente ridotto il loro reddito e gli Inuit sono diventati sempre più dipendenti dai programmi sociali e di welfare del governo.

Sono stati istituiti programmi di istruzione e formazione per consentire loro di competere per l’occupazione. Forse il passo più decisivo, tuttavia, fu la creazione nel 1999 del territorio di Nunavut – scavato nella parte orientale dei Territori del Nord-Ovest – con una popolazione in gran parte Inuit e una forma avanzata di autogoverno.

Molti cinesi, portoghesi, greci e italiani si sono stabiliti in sezioni specifiche di grandi città, in particolare Toronto, Montreal e Vancouver.

Il mix di gruppi etnici differisce notevolmente da provincia a provincia. La percentuale di persone che rivendicano origini dalle Isole britanniche varia da circa i due terzi a Terranova e Labrador a meno del 5% in Quebec; la proporzione di persone di origine francese varia da una maggioranza in Quebec a meno del 2% in Alberta, British Columbia, Terranova e Labrador, i territori del Nord-Ovest e Saskatchewan. Più di un terzo dei canadesi si identifica come di origine mista o “multipla”.

La costituzione del Canada stabilì l’inglese e il francese come lingue ufficiali. Tuttavia, l’inglese è dominante in gran parte del paese; solo una provincia, New Brunswick, è ufficialmente bilingue e il francese è la lingua provinciale ufficiale solo in Quebec, dove il francese è la prima lingua dei quattro quinti della popolazione.

Circa tre quinti dei canadesi parlano l’inglese come prima lingua, mentre meno di un quarto identifica il francese come lingua principale. La lingua madre di quasi un quinto dei canadesi è una lingua diversa dall’inglese o dal francese; la maggior parte parla un’altra lingua europea (in particolare italiano e tedesco), ma il più grande gruppo di immigrati parla cinese, riflettendo la crescita dell’immigrazione cinese dagli anni ’80.

Inuktitut, la lingua degli Inuit, ha una serie di varianti. Cree è la lingua madre più comune.

Circa quattro quinti della popolazione canadese rivendicano in qualche modo l’affiliazione con una fede religiosa organizzata.

La maggior parte sono cattolici o protestanti; le principali chiese protestanti sono la Chiesa Unita del Canada, la Chiesa anglicana del Canada e la chiesa luterana.

I cattolici romani costituiscono il più grande singolo gruppo religioso, rappresentando oltre i due quinti della popolazione. I protestanti, il secondo gruppo più numeroso, costituiscono circa i tre decimi della popolazione.

In Quebec oltre i quattro quinti della popolazione è almeno nominalmente cattolica romana e anche il New Brunswick ha una maggioranza cattolica romana.

La composizione religiosa del Canada riflette le tendenze dell’immigrazione più recenti; negli ultimi due decenni del 20 ° secolo, il numero di musulmani, indù, sikh e buddisti è aumentato vertiginosamente.

Anche il numero di ebrei e seguaci della fede ortodossa orientale è aumentato. Circa un quinto dei canadesi si classifica come non religioso.

Quando gli europei iniziarono a esplorare e sviluppare risorse in quello che oggi è il Canada, trovarono la terra scarsamente popolata da molte diverse popolazioni indiane nel sud e dagli Inuit nel nord.

I popoli nativi erano principalmente cacciatori e raccoglitori e spesso erano nomadi. Poiché erano pochi in numero, le popolazioni native avevano un impatto limitato sull’ambiente naturale; raccolsero solo le risorse necessarie per il proprio consumo e non c’erano insediamenti di grandi dimensioni.

Anche se i popoli indigeni vivevano nell’area da migliaia di anni, gli europei percepirono di aver trovato un paese incontaminato con risorse ricche in attesa di sfruttamento.

Diversi gruppi di europei arrivarono in momenti diversi per sviluppare ed esportare abbondanti pesci, pellicce, foreste e minerali.

Con lo sviluppo di ogni nuova risorsa, furono creati nuovi insediamenti. La maggior parte degli insediamenti basati su queste risorse è rimasta piccola, tuttavia, e alcuni di loro sono scomparsi quando le loro risorse sono state esaurite.

Alcune città portuali, comprese le città orientali di San Giovanni, Terranova; Halifax, Nuova Scozia; e Saint John, New Brunswick — continuarono a crescere mentre beneficiavano dell’esportazione di risorse successive.

Montreal dovette la sua prima crescita al commercio di pellicce, ma in seguito divenne un’importante impresa per esportare una serie di materie prime e materie prime e importare manufatti dall’Europa.

Più tardi anche Toronto e la città della costa occidentale di Vancouver sono cresciute rapidamente a causa delle attività imprenditoriali. Winnipeg, Manitoba, doveva la sua crescita precoce al suo ruolo di gateway nello sviluppo agricolo delle pianure interne.

Ad eccezione delle città portuali, le aree più densamente abitate del Canada e le più grandi città si sono sviluppate nelle aree con buona terra agricola.

Circa nove decimi della popolazione vivono all’interno di una stretta striscia di terra lungo il confine tra Stati Uniti e Canada, un’area che costituisce solo circa un decimo della superficie totale del Canada.

Agricoltura commerciale intensiva nei Grandi Laghi – St. Le pianure di Lawrence diedero origine a una fitta rete di villaggi, città e città.

Successivamente, l’industria manifatturiera e dei servizi ha rafforzato la crescita della popolazione in questa regione, rendendola il cuore urbano, industriale e finanziario del Canada.

Anche i villaggi, le città e le città si sono evoluti dalle attività agricole nelle praterie occidentali, ma, poiché i settori manifatturiero e dei servizi non sono cresciuti, quelle aree sono state urbanizzate molto meno intensamente.

Lo sviluppo dell’industria petrolifera lì, tuttavia, ha stimolato la crescita di due grandi città, Edmonton e Calgary in Alberta.

All’inizio del 20 ° secolo, circa un terzo dei canadesi viveva in aree urbane, ma alla fine del secolo quattro quinti della popolazione viveva in comunità di oltre 10.000 persone e quasi tre quinti risiedevano in aree metropolitane di 100.000 o più.

La crescita della maggior parte delle grandi città canadesi su buoni terreni agricoli, caratterizzata da un modello a bassa densità di espansione urbana, ha suscitato una notevole preoccupazione pubblica nella riduzione delle limitate risorse agricole del Canada.

Nella penisola del Niagara nell’Ontario sudoccidentale, la zona con il miglior clima in Canada per la produzione di frutti di bosco e uva, l’urbanizzazione ha distrutto circa un terzo della terra della frutta.

Per prevenire un’ulteriore riduzione, negli anni ’80 il Consiglio municipale dell’Ontario ha delineato i confini urbani permanenti e ha ordinato che la crescita urbana fosse diretta lontano dalle aree frutticole.

L’insediamento non procedette sequenzialmente verso ovest da un inizio atlantico. L’insediamento permanente dipendeva da terreni agricoli, che in Canada si verificano in zone separate da barriere fisiche.

Diverse zone furono sistemate da persone di vari paesi europei, così che una varietà di culture e modelli di insediamento si svilupparono in tutto il paese.

Nella regione degli Appalachi, le aziende agricole sono distanziate lungo le strade a intervalli irregolari ovunque sia possibile coltivare la terra.

In Quebec i primi coloni hanno licenziato le lunghe e strette strisce di lavorazione dalle rive del Golfo di San Lorenzo o del fiume San Lorenzo all’interno.

Mentre l’insediamento si spostava più verso l’interno, le strade furono costruite parallelamente ai corsi d’acqua, da cui ulteriori lotti stretti si estendevano su entrambi i lati.

Lo stesso schema si è verificato nella valle del fiume Red di Manitoba e persino in parti dell’Ontario, dove anche i primi coloni erano francesi.

Strisce lunghe e strette di terreni agricoli, tipici del Canada francese, disposte lungo le strade della valle del fiume San Lorenzo vicino a Montreal.

Strisce lunghe e strette di terreni agricoli, tipici del Canada francese, disposte lungo le strade della valle del fiume San Lorenzo vicino a Montreal.

Nella maggior parte dell’Ontario e dei comuni orientali del Quebec, la suddivisione dei terreni è stata effettuata secondo le pratiche di rilevamento britanniche e americane.

Le borgate erano più o meno quadrate, ma la griglia divenne irregolare perché era iniziata da un numero di punti diversi, ognuno dei quali utilizzava una base orientata in modo diverso.

Nelle praterie, nelle pianure interne, la griglia è molto più regolare, in parte a causa della topografia e in parte perché un piano per la suddivisione dell’intera regione è stato presentato prima che fosse sistemato, e basato rigidamente su linee di latitudine e longitudine.

I modelli di insediamento nella montuosa Columbia Britannica sono stati fortemente influenzati dalle vie di accesso all’acqua.

Tradizionalmente il Canada ha cercato di aumentare la sua popolazione attraverso l’immigrazione al fine di espandere la forza lavoro e i mercati interni.

Di conseguenza, gli immigrati ora rappresentano circa un sesto della popolazione totale del Canada.

L’immigrazione raggiunse l’apice nel 1913, quando arrivarono oltre 400.000. L’immigrazione fu scoraggiata durante la Grande Depressione degli anni ’30, ma dopo la seconda guerra mondiale furono ammesse decine di migliaia di sfollati dall’Europa e negli anni ’70 e ’80 un gran numero di rifugiati provenienti da Europa, Asia e America Latina furono accolti in Canada .

La politica di immigrazione del Canada non è discriminatoria per quanto riguarda l’etnia; tuttavia, alle persone con talenti speciali o con capitale da investire viene data la preferenza. Dall’ultima parte del 20 ° secolo, l’immigrazione asiatica (in particolare cinese) è aumentata notevolmente, rappresentando circa la metà di tutti gli immigrati negli anni ’90.

Durante i primi due decenni del 20 ° secolo, la caratteristica principale della migrazione interna fu il movimento dal Canada orientale alle province della prateria.

Sebbene la Columbia Britannica abbia continuato a guadagnare dalle migrazioni dagli anni ’30, gran parte di questo è stato a carico delle province della prateria.

Alberta ha guadagnato la popolazione da tutto il Canada durante il boom petrolifero degli anni ’70. Questa tendenza si è stabilizzata negli anni ’80 e nei primi anni ’90, ma è aumentata di nuovo all’inizio del 21 ° secolo.

Il Saskatchewan ha avuto più emigrazione che immigrazione dagli anni ’40. L’Ontario ha costantemente ricevuto molte più persone dagli anni ’40 rispetto alle altre province, ma la maggior parte di questa crescita è stata dovuta all’immigrazione piuttosto che alle migrazioni interispettoriali.

La popolazione delle province atlantiche è cresciuta più lentamente di quanto non sia nelle regioni più a ovest. Le città di Toronto, Vancouver e Calgary hanno attratto migranti e immigrati.

Nel corso del XX secolo, l’aumento naturale, anziché l’immigrazione, è stato il principale fattore di crescita della popolazione canadese. Fino agli anni ’60 il tasso di natalità del greggio (nascite vive per 1.000 abitanti) è rimasto negli anni ’20, mentre il tasso di mortalità (decessi per 1.000 abitanti) è diminuito da più di 10,6 nel 1921 a 7,7 nel 1961.

Successivamente il tasso di aumento naturale è rallentato , tuttavia, a causa di un forte calo del tasso di natalità accompagnato da una leggera diminuzione del tasso di mortalità.

Il tasso di aumento naturale è molto più basso della media mondiale ed è quasi lo stesso di quello degli Stati Uniti e dell’Australia. Il Canada ha una popolazione che invecchia.

Mentre meno di uno su 10 canadesi aveva 65 anni o più negli anni ’70, all’inizio del 21 ° secolo la cifra si attestava a quasi uno su sei. L’aspettativa di vita in Canada, che ha una media di circa 80 anni, è tra le più alte del mondo.

L’insediamento e la crescita precoci del Canada dipendevano dallo sfruttamento e dall’esportazione delle vaste risorse naturali del paese.

Nel corso del XX secolo, le industrie manifatturiere e i servizi sono diventati sempre più importanti.

Alla fine del XX secolo, l’agricoltura e l’estrazione mineraria rappresentavano meno del 5% della forza lavoro canadese, mentre l’industria manifatturiera rappresentava un quinto e i servizi, compresi i trasporti, il commercio, la finanza e altre attività, impiegavano quasi i tre quarti del forza lavoro.

Per molti anni il Canada ha supportato le sue industrie manifatturiere attraverso tariffe protettive per i manufatti importati. Di conseguenza, molte aziende statunitensi hanno creato filiali per rifornire il mercato canadese.

Un’altra pietra miliare della politica economica del Canada è stata la concessione da parte del governo di sovvenzioni e sussidi per stimolare lo sviluppo economico in aree a lenta crescita.

Negli anni ’80 il Canada iniziò ad abbandonare queste due politiche di base. Il rispetto delle norme internazionali sul commercio e l’istituzione di una zona di libero scambio con gli Stati Uniti (1989) – che con l’attuazione dell’Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) nel 1994 arrivò a includere il Messico – ridussero la protezione degli impianti di produzione canadesi.

Anche i finanziamenti per i programmi regionali di sviluppo economico sono stati ridotti. Alcune società multinazionali hanno trasferito le loro fabbriche in paesi in cui i costi sono più economici, causando perdite di posti di lavoro e insoddisfazione politica all’interno del Canada.

L’economia canadese è dominata dal settore privato, sebbene alcune imprese (ad esempio servizi postali, alcuni servizi elettrici e alcuni servizi di trasporto) siano rimaste di proprietà pubblica.

Durante gli anni ’90 alcune industrie nazionalizzate furono privatizzate. L’agricoltura canadese è saldamente privata, ma è diventata dipendente dai sussidi statali per competere con i settori agricoli altamente sovvenzionati dell’Unione Europea (UE) e degli Stati Uniti.

Numerosi consigli di marketing per specifici prodotti agricoli esercitano la gestione dell’offerta e stabiliscono i prezzi minimi.

Meno di un dodicesimo della superficie terrestre del Canada è adatta alla produzione agricola. Circa quattro quinti di questa terra coltivata si trovano nelle province della prateria, dove lunghe giornate di sole in estate e precipitazioni adeguate si combinano per fornire eccellenti raccolti di grano.

Tuttavia, la più ampia gamma di colture e le rese più elevate si verificano nella Columbia Britannica sudoccidentale e nell’Ontario meridionale.

Sebbene l’agricoltura impieghi meno del 4 percento della forza lavoro canadese, è vitale per l’economia nazionale, producendo grandi volumi di cibo sia per il mercato interno che per quello di esportazione e fornendo materie prime per l’industria alimentare, all’ingrosso e al dettaglio.

C’è stata una tendenza significativa lontano dalla fattoria di famiglia (oltre un quarto dei canadesi viveva nelle fattorie negli anni ’40) verso unità agricole più grandi, operazioni agricole meccanizzate, specializzazione in un minor numero di prodotti e l’uso di varietà migliorate, razze e metodi di allevamento.

Esistono tipi distintivi di agricoltura in diverse aree del paese. Le praterie sono note per il grano (in particolare il grano), i semi oleosi (in particolare il colza) e il pascolo del bestiame.

Il Canada centrale e orientale ha una più ampia varietà di colture e bestiame e gli agricoltori tendono a specializzarsi in un particolare raccolto in contanti o in un tipo di bestiame.

L’Ontario sudoccidentale produce grandi quantità di mais (mais), soia e fagioli bianchi. Sia l’Ontario meridionale che la Columbia Britannica sudoccidentale producono un’ampia varietà di frutta e verdura. Il caseificio è importante in tutte le principali città.

A causa delle difficili condizioni climatiche e del suolo, molti agricoltori canadesi hanno abbracciato organismi geneticamente modificati, sebbene il loro sfavore in Europa comprometta l’esportabilità.

Quasi metà dell’area terrestre del Canada è coperta da foreste, le cui parti accessibili forniscono abbondanti risorse per legname, pasta di legno e carta.

La regione forestale più preziosa per la produzione di legname è la costa occidentale, dove il clima favorisce la crescita di alberi giganti con legname eccellente.

I prodotti forestali rappresentano una parte maggiore del commercio estero del Canada rispetto alle esportazioni combinate di prodotti agricoli, ittici e minerali.

Il Canada è il leader mondiale nell’esportazione di pasta di legno e carta ed esporta anche grandi quantità di legname di conifere, principalmente negli Stati Uniti. British Columbia, Ontario e Quebec sono le province principali nella produzione di prodotti forestali.

L’industria forestale canadese deve lottare costantemente contro le minacce di incendi, insetti e malattie.

Un certo controllo degli insetti è stato ottenuto attraverso la spruzzatura aerea di insetticidi, ma questa pratica sradica anche uccelli che mangiano insetti e insetti predatori.

Poiché le foreste hanno un valore significativo nel mantenere un equilibrio ecologico nell’ambiente e offrono anche importanti opportunità ricreative, l’industria forestale è sempre più tenuta a rispondere di pratiche dannose per l’ambiente.

Ad esempio, la pressione pubblica durante gli anni ’90 ha portato a una maggiore supervisione governativa dei metodi di disboscamento e all’implementazione delle industrie forestali (su base volontaria) di metodi di gestione delle risorse sostenibili (ad esempio, eliminando il taglio netto).

Il Canada ha ricche zone di pesca al largo delle coste dell’Atlantico e del Pacifico. Le parti della piattaforma continentale con le acque più basse sono conosciute come banchi di pesca; lì il plancton, sul quale si nutrono i pesci, prospera perché la luce del sole penetra nel fondale marino.

La più importante di queste banche di pesca è la Grand Banks di Terranova. Bradelle Bank, Sable Bank, Georges Bank (condivisa con gli Stati Uniti) e un certo numero di altre banche di pesca si trovano al largo delle coste delle province marittime.

Sulla costa del Pacifico la piattaforma continentale è molto stretta, ma numerosi torrenti montani sono adatti per la deposizione dei salmoni.

Nei fiumi dell’estremo nord e nell’Oceano Artico ci sono pesci abbondanti da cui un gran numero di popolazioni autoctone dipendono dal cibo.

La pesca eccessiva e l’inquinamento hanno impoverito significativamente le risorse ittiche nel Canada meridionale dopo la metà del XX secolo.

In effetti, nel 1992 il governo canadese ha imposto una moratoria sulla pesca del merluzzo bianco, con effetti disastrosi per l’occupazione lungo la costa orientale.

Un numero maggiore di accordi di regolamentazione internazionali che controllano le catture ha in qualche modo migliorato la situazione. Per compensare le perdite causate da catture minori, i prezzi del pesce sono aumentati drasticamente.

Il Canada cattura solo una piccola parte del pesce prelevato dagli oceani del mondo, ma si colloca tra i leader nel volume delle esportazioni di pesce a causa della popolazione relativamente piccola del Canada e del basso consumo di pesce pro capite.

Storicamente, nelle province atlantiche l’industria della pesca ha contribuito in modo significativo al valore di tutti i beni prodotti nella regione.

Fino agli anni ’90, le piccole comunità costiere in tutta la regione dipendevano in tutto o in parte dal settore della pesca.

Le specie più importanti catturate nelle acque orientali sono pesci di mare, scorfani, pesci piatti, rombo, pollock, passera, sogliola, ippoglosso, aringhe, sgombro, tonno e aragosta; il merluzzo resta un pesce sportivo importante.

Il salmone e l’aringa sono le principali catture al largo della costa del Pacifico.

Il Canada è ricco di risorse minerarie. Il vasto scudo canadese, con le sue masse di rocce ignee e metamorfiche, contiene numerosi grandi depositi.

Minerali metallici si trovano anche in tali tipi di roccia nella Cordigliera occidentale e negli Appalachi.

Sebbene ci siano alcuni depositi metallici di minerali e combustibili fossili nelle rocce sedimentarie nella Cordillera occidentale e negli Appalachi (compreso il fondale marino adiacente), il più grande volume di carbone e petrolio è stato finora trovato nelle pianure interne del Canada occidentale.

L’estrazione mineraria è stata un fattore chiave nello sviluppo delle terre del nord del Canada. In molte aree, strade e ferrovie costruite per servire nuove operazioni minerarie hanno incoraggiato il successivo sviluppo di risorse forestali e ricreative.

Lo sviluppo è stato spesso accompagnato da danni ambientali.

Il Canada si è da tempo classificato tra i leader mondiali nella produzione di uranio, zinco, nichel, potassa, amianto, zolfo, cadmio e titanio.

È anche un importante produttore di minerale di ferro, carbone, petrolio, oro, rame, argento, piombo e un certo numero di ferroleghe.

Anche l’estrazione di diamanti, in particolare nei Territori del Nord-Ovest, è significativa. Dato che l’estrazione mineraria non è più ad alta intensità di lavoro come una volta, ora impiega solo una piccola parte della forza lavoro canadese; tuttavia, le industrie legate al settore minerario (ad es. ferro e acciaio e trasporti) rappresentano una quota molto maggiore.

Poiché il Canada esporta gran parte della sua produzione di minerali, l’industria mineraria è sensibile alle fluttuazioni dei prezzi mondiali.

Durante i periodi di forte domanda, i prezzi aumentano e le compagnie minerarie aumentano la loro produzione e aprono nuove miniere; quando la domanda diminuisce, la produzione viene tagliata, le miniere si chiudono e i lavoratori vengono licenziati.

Le comunità a settore unico in genere diventano città fantasma quando le miniere sono chiuse.

Il Canada è riccamente dotato di risorse di energia idroelettrica. Ha circa un sesto della capacità di generazione idroelettrica totale installata al mondo.

Tuttavia, la maggior parte dei siti idroelettrici adatti sono già stati altamente sviluppati, con i tre quinti dell’energia canadese generata da fonti idroelettriche.

Sempre più, il paese si è rivolto all’energia termica alimentata a carbone, specialmente quando la produzione di energia nucleare – che fornisce circa un ottavo della potenza del Canada – è diminuita a causa di problemi di sicurezza.

Il Canada ha anche vaste riserve di carbone, in particolare nelle province occidentali (tranne Manitoba) e nel New Brunswick e nella Nuova Scozia.

Il Canada può soddisfare le proprie esigenze petrolifere e ha un surplus di gas naturale ed elettricità. I maggiori giacimenti di produzione di petrolio e gas si trovano in Alberta, ma le potenziali riserve si trovano sia nell’Artico che al largo della costa orientale.

Ci sono anche grandi depositi di uranio e di petrolio e carbone miscelati nelle sabbie.

La produzione rappresenta circa un quinto del prodotto nazionale lordo del Canada e impiega circa un settimo della forza lavoro.

L’industria siderurgica canadese è moderna ed efficiente e produce prodotti in acciaio per la fabbricazione di beni durevoli come veicoli a motore, attrezzature per miniere ed elettrodomestici.

Gli Stati Uniti e il Canada hanno negoziato un accordo sui prodotti automobilistici a metà degli anni ’60, dopo di che l’industria automobilistica canadese si è espansa notevolmente.

Fino a quando le case automobilistiche giapponesi non iniziarono a costruire impianti in Canada negli anni ’80, l’industria consisteva in filiali di aziende statunitensi.

Le industrie dell’alta tecnologia e dell’elettronica hanno registrato una rapida crescita negli ultimi due decenni del XX secolo. Sebbene ci sia un po ‘di produzione in tutte le grandi città, oltre i tre quarti dell’occupazione manifatturiera canadese si trova nel cuore, che si estende da Quebec City a Windsor, Ontario, alla periferia del centro di produzione automobilistica statunitense, Detroit, Michigan.

Nel complesso, la crescita manifatturiera è stata guidata dalle esportazioni, principalmente negli Stati Uniti.

Sia i grandi che i piccoli produttori hanno beneficiato, in particolare, degli accordi di libero scambio, sebbene l’occupazione nel settore sia diminuita a causa dell’automazione.

I servizi finanziari canadesi hanno mostrato una grande flessibilità nel rispondere ai bisogni monetari dell’economia.

Per operare in Canada, una banca commerciale deve essere istituita individualmente dal governo federale.

La maggior parte delle normali funzioni di banca centrale sono soddisfatte dalla Bank of Canada, che ha una sostanziale autonomia nel determinare la politica monetaria.

La valuta ufficiale è il dollaro canadese, progettato e distribuito dalla Bank of Canada.

La banca nazionale attua le sue politiche monetarie attraverso i suoi rapporti con le grandi banche (commerciali) del paese, che sono altamente sviluppate e costituiscono il centro del sistema finanziario.

Altre istituzioni finanziarie – ad esempio i sindacati di credito, le casse di risparmio provinciali e le società fiduciarie e di mutuo – si sono sempre più amalgamate. Tuttavia, le grandi banche, che sono relativamente libere da controlli sulle attività in valuta estera, rimangono ancora i principali istituti finanziari.

Il Canada ha borse a Montreal, Toronto e Winnipeg; gli scambi in Alberta e Vancouver si sono fusi nel 1999 per formare la Canadian Venture Exchange.

Esiste un’ampia compenetrazione tra le borse canadesi e statunitensi. Nel mercato obbligazionario il ruolo dei prestiti del settore pubblico è stato tradizionalmente dominante.

Il grado di proprietà straniera dell’industria canadese è molto alto, rappresentando fino a metà del settore delle risorse primarie (tranne l’agricoltura) e manifatturiero.

La maggior parte degli investimenti esteri proviene dagli Stati Uniti.

Il commercio è sempre stato al centro dell’economia del Canada. Lo sviluppo economico del Canada dipendeva storicamente dall’esportazione di grandi volumi di materie prime, in particolare pesce, pellicce, grano e legname.

Tuttavia, le materie prime sono diminuite in percentuale delle esportazioni canadesi, mentre sono aumentati i processi di lavorazione, fabbricazione e fabbricazione.

Nel 1990 circa i quinti delle esportazioni canadesi sono stati elaborati in una certa misura. Dalla metà degli anni ’70 le principali esportazioni canadesi sono state automobili (che rappresentano circa un quarto del valore totale delle esportazioni), parti di automobili e altri tipi di macchinari e attrezzature, in particolare prodotti ad alta tecnologia come i sistemi di comunicazione computerizzati .

I metalli fabbricati e altri materiali e prodotti forestali, tra cui pasta di legno e carta da giornale, sono altre importanti esportazioni.

I manufatti sono sempre stati i principali beni importati del Canada. Le automobili e le parti di automobili sono le importazioni principali, seguite da macchinari industriali.

Altre importazioni significative sono prodotti chimici, prodotti tessili, petrolio e alimenti quali verdure nella stagione invernale e frutta e noci tropicali e subtropicali.

Gli Stati Uniti sono il principale partner commerciale del Canada, costituendo oltre i due terzi di tutto il commercio canadese; le esportazioni rappresentano una quota maggiore degli scambi rispetto alle importazioni.

La dipendenza dal commercio degli Stati Uniti non è solo una questione tecnica delle quote di mercato delle importazioni e delle esportazioni.

Poiché le esportazioni sono così importanti, le tendenze commerciali negli Stati Uniti si ripercuotono direttamente e rapidamente nel settore commerciale canadese. I cambiamenti nei gusti dei consumatori negli Stati Uniti possono avere effetti sproporzionati sui produttori canadesi.

Anche il Canada mantiene forti legami con l’Europa, ma i nuovi modelli commerciali emergenti possono ridurre in qualche modo la dipendenza del Canada dal suo modello tradizionale.

La Cina ora si classifica come il secondo partner commerciale del Canada. Altri partner importanti includono Regno Unito, Messico, Giappone, Corea del Sud e Germania.

Il settore dei servizi in Canada impiega più persone di tutte le altre attività messe insieme. Tra le aree di servizio in più rapida crescita c’è il turismo.

Il Canada è una delle principali destinazioni mondiali per i viaggiatori stranieri, in particolare dagli Stati Uniti, dal Regno Unito, dal Giappone, dalla Francia e dalla Germania.

I viaggiatori canadesi e stranieri spendono ogni anno diversi miliardi di dollari in trasporti, alloggi, cibo, attività ricreative e intrattenimento mentre viaggiano nel paese.

Nel 1990 il turismo offriva lavoro a circa il 5 percento della forza lavoro totale del Canada. Anche i servizi alle imprese, in particolare nelle applicazioni informatiche, sono cresciuti considerevolmente.

Circa un quarto della forza lavoro canadese appartiene ai sindacati, molti dei quali sono collegati a sindacati con sede negli Stati Uniti. I sindacati canadesi tendono a lottare per la parità salariale con le loro controparti americane.

Ciò provoca tensioni nella gestione del lavoro perché i livelli di produttività canadesi sono generalmente inferiori a quelli negli Stati Uniti, il che è principalmente il risultato di cicli di produzione più piccoli.

Il Canadian Labour Congress (CLC), costituito nel 1956, è un’organizzazione nazionale di sindacati indipendenti che rappresenta circa i due terzi di tutti i sindacalisti.

Tra le più grandi affiliate del CLC vi sono l’Unione nazionale dei dipendenti pubblici e generali, la National Automobile, Aerospace, Transportation and General Workers Union del Canada e la United Food and Commercial Workers Canada.

Rispetto agli Stati Uniti, le aliquote dell’imposta sul reddito individuale canadese sono più elevate, il che, combinato con i salari generalmente più alti a sud del confine, porta molti professionisti a cercare lavoro negli Stati Uniti.

Complessivamente, le entrate fiscali rappresentano circa un quinto del prodotto interno lordo. Le imposte sul reddito delle persone fisiche generano generalmente tra i due quinti e la metà delle entrate totali del governo federale, mentre le imposte sul reddito delle società generano poco più di un decimo del totale.

Altre importanti imposte federali comprendono varie imposte sui consumi (ad es. Su vendite, carburante, alcol, dogane e tabacco) e imposte sulla salute e sulle assicurazioni sociali.

Le province e i territori ricevono entrate dal governo federale per finanziare vari servizi, tra cui l’assistenza sanitaria e l’istruzione.

Il governo federale fornisce anche i cosiddetti trasferimenti di “perequazione” ai governi provinciali, che sovvenzionano le aree più povere. I governi provinciali e locali possono anche aumentare le tasse per i loro bisogni.

Era essenziale che il Canada sviluppasse un sistema di trasporto efficiente a causa delle sue enormi dimensioni, della frammentazione della sua distribuzione della popolazione e della necessità di spostare merci primarie e manufatte su lunghe distanze verso i porti costieri.

Le sezioni popolate del Canada sono ben attraversate da autostrade e strade, ma vaste aree delle province più grandi e territori scarsamente insediati sono praticamente privi di strade di alcun tipo.

L’accesso agli insediamenti periferici è spesso fornito da strade costruite da tronchi, pasta di legno e carta e società minerarie, sebbene non siano sempre disponibili per i viaggi pubblici.

Quando la Trans-Canada Highway fu aperta ufficialmente nel 1962, divenne possibile percorrere la rotta di 4.860 miglia (7.821 km) da St. John, Terranova e Labrador, a Victoria, nella Columbia Britannica.

I collegamenti dei traghetti estendono l’autostrada su entrambe le coste e nel 1997 è stato completato un ponte di 8 miglia (13 km) che collega l’Isola del Principe Edoardo alla terraferma.

Le reti autostradali sono fitte nel cuore industriale urbano e i veicoli a motore sono onnipresenti, contando più di uno per ogni due abitanti.

L’industria degli autotrasporti è cresciuta costantemente dopo la seconda guerra mondiale e in modo spettacolare dopo l’introduzione del NAFTA.

La preoccupazione del pubblico per la sicurezza autostradale è aumentata con la densità del traffico commerciale.

Il numero di miglia ferroviarie pro capite in Canada è tra i più alti del mondo. Sebbene le ferrovie colleghino le coste dell’Atlantico e del Pacifico, le principali reti sono limitate alla parte meridionale del paese.

Persino a ovest, dove si estendono più a nord, le rotte transcontinentali non vanno a nord di Edmonton, Alberta, e Prince Rupert, British Columbia.

Le linee regionali nord-sud, tuttavia, raggiungono la baia di Hudson a Churchill, Manitoba; James Bay a Moosonee, Ontario; e Labrador centrale a Schefferville, Quebec.

Circa un quarto della forza lavoro canadese appartenente ai sindacati, molti dei quali sono collegati a sindacati con sede negli Stati Uniti.

I sindacati canadesi tendono a lottare per la parità salariale con le loro controparti americane.

Ciò provoca tensioni nella gestione del lavoro perché i livelli di produttività canadesi sono generalmente inferiori a quelli negli Stati Uniti, il che è principalmente il risultato di cicli di produzione più piccoli.

Il Canadian Labour Congress (CLC), organizzato nel 1956, è organizzato a livello nazionale da sindacati indipendenti che rappresentano circa i due terzi di tutti i sindacalisti.

Tra i più grandi affiliati del CLC vi sono chierici nazionali dei dipendenti pubblici e generali, la National Automobile, Aerospace, Transport and General Workers Union del Canada e la United Food and Commercial Workers Canada.

Rispetto agli Stati Uniti, le aliquote dell’imposta sul reddito individuale canadese sono più elevate, il che, combinato con i salari generalmente più alti a sud del confine, porta molti professionisti a cercare lavoro negli Stati Uniti.

Complessivamente, le entrate fiscali contenute in un quinto del prodotto interno lordo. Le imposte sul reddito delle persone fisiche generano generalmente tra i due quinti e la metà delle entrate totali del governo federale, mentre le imposte sul reddito delle società generano poco più di un decimo del totale.

Altre imposte imposte federali imposte varie imposte sui consumi (ad es. Vendite, carburante, alcol, dogane e tabacco) e imposte sulla salute e sulle assicurazioni sociali.

Le province e i territori ricevono entrate dal governo federale per finanziare vari servizi, tra cui l’assistenza sanitaria e l’istruzione.

Il governo federale fornisce anche i cosiddetti regolamenti di “perequazione” ai servizi provinciali, che sovvenzionano le aree più povere.

I pagamenti provinciali e locali possono anche aumentare le tasse per i loro bisogni.

Era essenziale che il Canada sviluppasse un sistema di trasporto efficiente a causa delle sue enormi dimensioni, della frammentazione della sua distribuzione della popolazione e della necessità di trasferire merci primarie e manufatte su lunghe distanze verso i porti costieri.

Le sezioni popolate del Canada sono ben attraversate da autostrade e strade, ma vaste aree delle province più grandi e territori spaventosamente insediati sono praticamente privi di strade di alcun tipo.

L’accesso agli insediamenti periferici è spesso fornito da strade costruite da tronchi, pasta di legno e carta e società mineraria, incluso non sono sempre disponibili per i viaggi pubblici.

Quando l’autostrada Trans-Canada fu aperta ufficialmente nel 1962, divenne possibile percorrere la rotta di 4.860 miglia (7.821 km) da San Giovanni, Terranova e Labrador, a Victoria, nella Columbia Britannica.

I collegamenti dei traghetti estendono l’autostrada su entrambe le coste e nel 1997 è stato completato su un ponte di 8 miglia (13 km) che collega l’Isola del Principe Edoardo alla terraferma.

Le reti autostradali sono fitte nel cuore industriale urbano e i veicoli a motore sono onnipresenti, contando più di uno per ogni due abitanti.

L’industria degli autotrasporti è cresciuta costantemente dopo la seconda guerra mondiale e in modo spettacolare dopo l’assistenza del NAFTA.

La sicurezza del pubblico per la sicurezza autostradale è aumentata con la densità del traffico commerciale.

Il numero di miglia ferroviarie pro capite in Canada è tra i più alti del mondo. Necessarie le ferrovie colleghino le coste dell’Atlantico e del Pacifico, le principali reti sono limitate alla parte meridionale del paese.

Persino a ovest, dove si estendono più a nord, le rotte transcontinentali non vanno a nord di Edmonton, Alberta, e Prince Rupert, British Columbia.

Le linee regionali nord-sud, tuttavia, raggiungono la baia di Hudson a Churchill, Manitoba; James Bay a Moosonee, Ontario; e Labrador centrale a Schefferville, Quebec.

Vaste distanze, terreni accidentati ed estreme variazioni climatiche hanno plasmato lo sviluppo dell’aviazione civile in Canada e reso il trasporto aereo estremamente importante.

Air Canada costituisce il nucleo del servizio aereo nazionale di trasporto merci e passeggeri del Canada.

Numerosi vettori aerei nazionali regionali sono affiliati ad Air Canada e offrono altri servizi commerciali di linea. I vettori più piccoli gestiscono servizi di linea limitati, alcuni dei quali verso parti del Canada inaccessibili con altri mezzi di trasporto.

Esistono anche numerose operazioni charter charter che, come Air Canada, effettuano rotte sia nazionali che internazionali.

Un accordo a cielo aperto tra il Canada e gli Stati Uniti nel 1995 ha offerto alle compagnie aeree canadesi e americane maggiori opportunità transfrontaliere.

L’aeroporto internazionale Lester B. Pearson di Toronto è di gran lunga il più trafficato del paese e gestisce ogni anno circa un terzo del traffico passeggeri del Canada e oltre i due quinti del suo carico aereo.

Montreal ha due aeroporti principali: Pierre Elliot Trudeau, il principale aeroporto commerciale, e Mirabel, circa 32 km a nord della città, specializzata in charter e merci.

Le condutture sono un elemento importante nella vasta rete di trasporti del Canada. La crescita è stata rapida dal 1950, quando i gasdotti rappresentavano un fattore trascurabile nel traffico merci intercity.

Alcuni dei più lunghi oleodotti mondiali di petrolio e gas naturale collegano i giacimenti di petrolio e gas di Alberta, i Territori del Nord-Ovest e il Saskatchewan con le principali città dell’estremo oriente fino a Montreal, e due grandi condutture di diverse centinaia di miglia di lunghezza attraversano le Montagne Rocciose e forniscono terraferma inferiore della Columbia Britannica e del Pacifico nord-occidentale degli Stati Uniti.

Dalla fine degli anni ’80 alla fine degli anni ’90, la produzione di greggio canadese mediante condotte è quadruplicata.

Il Canada ha uno dei rapporti più alti al mondo di telefoni pro capite, con praticamente tutte le famiglie che hanno almeno un telefono.

Questa penetrazione ha contribuito a stimolare lo sviluppo del settore ad alta tecnologia del Canada, in particolare nella valle di Ottawa (a volte soprannominata “Silicon Valley North”).

In effetti, New Brunswick era la sede della prima rete telefonica completamente digitalizzata del Nord America.

La Commissione federale canadese per la radio-televisione e le telecomunicazioni regola il commercio delle telecomunicazioni.

Il mercato, un tempo dominato da tre grandi aziende private, è diventato più competitivo dal 1980, poiché un numero crescente di aziende è stato autorizzato a fornire servizi locali, interurbani e cellulari.

Di conseguenza, i costi sono diminuiti e i servizi sono aumentati. Allo stesso modo, la concorrenza tra i fornitori di comunicazioni via satellite si è aperta anche dal 2000, quando Telesat Canada ha rinunciato al monopolio che aveva detenuto sul mercato dal 1969.

L’uso del computer negli uffici e nelle case è molto diffuso e la popolazione canadese ha una delle percentuali più alte al mondo di Utenti di Internet.

Il paese è anche un leader globale nell’uso della tecnologia delle fibre ottiche.

Formalmente, il Canada è una monarchia costituzionale. Il capo titolare è il monarca regnante del Regno Unito (localmente chiamato il re o la regina del Canada), che è rappresentato localmente da un governatore generale (ora sempre canadese e nominato dal primo ministro canadese).

In pratica, tuttavia, il Canada è uno stato federale indipendente istituito nel 1867 dal British North America Act.

L’atto ha creato un dominio britannico autogovernante (riconosciuto indipendente dall’impero britannico dalla Gran Bretagna nel 1931) e ha unito le colonie di Nuova Scozia, Nuovo Brunswick e Canada nelle province della Nuova Scozia, Nuovo Brunswick, Quebec e Ontario.

La Terra di Rupert e i Territori del Nord-Ovest furono acquisiti dalla Hudson’s Bay Company nel 1869, e da loro Manitoba fu creata e ammessa alla confederazione come provincia nel 1870; la sua estensione fu ampliata aggiungendo altre aree dai territori nel 1881 e nel 1912.

Le colonie della British Columbia e dell’Isola del Principe Edoardo furono ammesse come province rispettivamente nel 1871 e nel 1873. Nel 1905 il Saskatchewan e l’Alberta furono creati da ciò che restava dei Territori del Nord-Ovest e furono ammessi alla confederazione come province.

Nel 1912 le province del Quebec e dell’Ontario furono ampliate aggiungendo aree dai Territori del Nord-Ovest. Nel 1949 Terranova e la sua dipendenza dalla terraferma, Labrador, si unirono alla confederazione a seguito di un referendum popolare (la provincia fu ufficialmente ribattezzata Terranova e Labrador nel 2001).

Il territorio dello Yukon (ribattezzato Yukon nel 2003) fu separato dai Territori del Nord-Ovest nel 1898, e Nunavut fu creato dalla parte orientale dei territori nel 1999.

Pertanto, il Canada ora è composto da 10 province e 3 territori, che variano di dimensioni considerevoli.

Tutte le vestigia del controllo britannico terminarono nel 1982, quando il parlamento britannico approvò il Canada Act, che rese ufficialmente il Canada responsabile di tutte le modifiche alla propria costituzione.

Il Canada Act (noto anche come Constitution Act) non è una dichiarazione esaustiva delle leggi e delle regole che regolano il Canada.

In linea di massima, la costituzione canadese include altri statuti del Regno Unito; statuti del Parlamento del Canada relativi a questioni come la successione al trono, la fine della corona (cioè la morte del monarca), il governatore generale, il Senato, la Camera dei Comuni, i distretti elettorali, le elezioni e stile e titoli reali; e statuti delle legislature provinciali relative alle assemblee legislative provinciali.

Molte delle regole e delle procedure del Parlamento non sono stabilite nel Constitution Act ma sono stabilite da convenzioni e precedenti (spesso britannici).

La costituzione prevede che l’inglese o il francese possano essere utilizzati in tutte le istituzioni (compresi i tribunali) del Parlamento e del governo del Canada e in tutte le istituzioni dell’Assemblea nazionale del Quebec, della legislatura del New Brunswick e dei loro governi.

L’atto garantisce al Quebec il diritto a un sistema scolastico cattolico romano sotto il controllo cattolico romano, la giurisdizione esclusiva su proprietà e diritti civili e il sistema di diritto civile francese.

La costituzione del 1982 è stata modificata per includere una Carta dei diritti e delle libertà, che prevede ampie tutele per le libertà civili.

Ulteriori emendamenti alla costituzione richiedono il sostegno del Parlamento federale bicamerale (Camera dei Comuni e Senato) e di sette province che insieme rappresentano la metà della popolazione.

Tutte le province hanno approvato la costituzione tranne il Quebec, che ha affermato di aver violato la sua politica di limitazione dell’uso della lingua inglese, non ha dato il veto al Quebec sui futuri cambiamenti costituzionali e non ha riconosciuto ufficialmente il Quebec come società distinta.

Sono stati compiuti sforzi a livello nazionale per creare una doppia cultura in Canada piuttosto che semplicemente per preservare due culture.

Pertanto, la Legge sulle lingue ufficiali del 1969 dichiara che le lingue inglese e francese “godono della parità di status e della parità di diritti e privilegi in merito al loro uso in tutte le istituzioni del Parlamento e del governo del Canada”.

L’autorità legislativa federale è attribuita al Parlamento del Canada, che è composto dal sovrano (governatore generale), dalla Camera dei Comuni e dal Senato. Sia la Camera dei Comuni, che ha 338 membri eletti direttamente, sia il Senato, che normalmente è composto da 105 membri nominati, devono approvare tutti i progetti di legge prima di poter ricevere il consenso reale e diventare legge.

Entrambi gli organismi possono stabilire una legislazione, ma solo la Camera dei Comuni può presentare fatture per le spese di fondi pubblici o l’imposizione di qualsiasi imposta.

La Camera dei Comuni è più potente del Senato, le cui funzioni principali includono le indagini, la revisione della legislazione del governo e il dibattito su questioni nazionali e regionali chiave.

Il governatore generale, che detiene quella che oggi è in gran parte una posizione cerimoniale, è nominato dal sovrano regnante del Commonwealth su consiglio del governo canadese.

Il governatore generale convoca formalmente, proroga e scioglie il Parlamento, acconsente alle fatture ed esercita altre funzioni esecutive.

Dopo le elezioni generali, il governatore generale invita il leader del partito a vincere il maggior numero di seggi alla Camera dei Comuni per diventare primo ministro e formare un governo.

Il primo ministro sceglie quindi un gabinetto, generalmente tra i membri della Camera dei Comuni dello stesso partito.

Quasi tutti i dipartimenti direttivi dei ministri del gabinetto e il gabinetto, guidato dal primo ministro, sviluppano tutte le politiche e assicurano l’approvazione della legislazione.

Esaminare i ruoli delle tre componenti del parlamento canadese – il monarca (rappresentato dal governatore generale), il Senato e la Camera dei Comuni – sia in inglese che in francese.

I ministri della corona, come vengono chiamati i membri del gabinetto, sono generalmente scelti per rappresentare tutte le regioni del paese e i suoi principali interessi culturali, religiosi e sociali.

Sebbene esercitino il potere esecutivo, i membri del gabinetto sono collettivamente responsabili nei confronti della Camera dei Comuni e rimangono in carica solo finché mantengono la propria fiducia.

La scelta dell’elettorato canadese non solo determina chi governerà il Canada ma anche, decidendo quale partito riceve il secondo maggior numero di seggi alla Camera, designa quale dei principali partiti diventa l’opposizione ufficiale.

La funzione dell’opposizione è offrire critiche intelligenti e costruttive al governo esistente.

La legge canadese divide l’autorità legislativa ed esecutiva tra il governo federale e le province.

Tra le principali responsabilità del governo nazionale vi sono difesa, commercio e commercio, banche, credito, valuta e bancarotta, diritto penale, cittadinanza, fiscalità, servizi postali, pesca, trasporti e telecomunicazioni.

Inoltre, il governo federale è dotato di un’autorità residua in materie oltre a quelle specificamente assegnate alle legislature provinciali, incluso il potere di emanare leggi per la pace, l’ordine e il buon governo del Canada.

Le istituzioni politiche provinciali e gli usi costituzionali rispecchiano quelli che operano a livello federale.

In ogni provincia il sovrano è rappresentato da un tenente governatore nominato dal governatore generale in consiglio, di solito per un periodo di cinque anni.

Il sottotenente provinciale esercita poteri simili a quelli del governatore generale federale.

Ogni provincia tiene le elezioni per un’assemblea legislativa a camera singola, da cui vengono scelti un premier e un gabinetto; i legislatori sono in carica per cinque anni.

Le province hanno poteri che abbracciano principalmente questioni di interesse locale o privato come proprietà e diritti civili, istruzione, diritto civile, carte aziendali provinciali, governo municipale, ospedali, licenze, gestione e vendita di terreni pubblici e tassazione diretta all’interno della provincia per provinciali scopi.

Le vaste e scarsamente popolate regioni del nord del Canada che si trovano al di fuori delle 10 province – Yukon, i Territori del Nord-Ovest e Nunavut – sono amministrate dal governo federale, ma eleggono i membri della Camera dei Comuni e godono dell’autogoverno locale.

Una parte importante dello sviluppo costituzionale del Canada è avvenuta gradualmente attraverso l’interpretazione giudiziaria e le convenzioni costituzionali e attraverso il coordinamento esecutivo e amministrativo a livello di governo federale e provinciale.

Attraverso tali dispositivi, le legislazioni nazionali e provinciali sono state in grado di mantenere le loro giurisdizioni separate su diversi aspetti delle stesse materie.

Riunioni regolari dei premier provinciali e del primo ministro federale si tengono per discutere delle questioni giurisdizionali federali-provinciali, garantendo in genere un alloggio che offra garanzie eque alle aspirazioni delle province senza interrompere la struttura nazionale integrata del Canada.

Poiché il governo municipale rientra nella giurisdizione delle province, ci sono 10 distinti sistemi di governo municipale in Canada, nonché numerose variazioni all’interno di ciascun sistema.

Le variazioni sono attribuibili a differenze nello sviluppo storico e nella densità di area e popolazione. Pertanto, il legislatore di ciascuna provincia ha diviso il suo territorio in aree geografiche note generalmente come comuni e, più in particolare, come contee, città, paesi, comuni, comuni rurali o distretti municipali.

Il sistema di contea inteso in Gran Bretagna o negli Stati Uniti esiste solo nell’Ontario meridionale e nel Quebec meridionale.

I consigli di contea sono composti da rappresentanti di comuni rurali, città e villaggi e forniscono un secondo livello di servizi per l’intera contea.

Questo governo municipale a due livelli fu esteso per la prima volta alle aree urbane quando fu istituita la Metropolitan Toronto nel 1953.

Diverse altre aree altamente urbanizzate dell’Ontario hanno adottato da allora una forma di governo metropolitana o regionale per affrontare i problemi comuni dell’area.

Più recentemente, città come Toronto sono state ulteriormente amalgamate con i distretti circostanti; allo stesso tempo, il numero di consiglieri rappresentativi è stato ridotto.

Gli oltre 4.500 comuni e distretti governativi locali incorporati in Canada hanno vari poteri e responsabilità adeguati alla loro classificazione. Un comune è governato da un consiglio eletto.

Le responsabilità dei comuni sono generalmente quelle più strettamente associate alla vita quotidiana, al benessere e alla protezione dei cittadini.

Oltre al governo municipale locale, ci sono numerosi consigli e commissioni locali, alcuni eletti e altri nominati, per amministrare istruzione, servizi pubblici, biblioteche e altri servizi locali.

Le aree scarsamente popolate delle province sono generalmente amministrate come territori dai governi provinciali. L’autogoverno aborigeno divenne una questione sempre più importante negli ultimi due decenni del XX secolo.

Charlottetown e dintorni Halifax Montréal
Niagara Québec Toronto
Shopping

A proposito dell’Isola di Prince Edward

[ Luglio 2019 ] Il secondo giorno sull’isola del Principe Edoardo in Canada, abbiamo fatto un giro in taxi sull’isola. L’autista, Billy, che avevamo incontrato il giorno prima quando aeravamo arrivati dall’aereoporto, sarebbe arrivato alle…

Cucina

Ice Wine la cucina del Quebec

[ Luglio 2019 ] La destinazione sucessiva del nostro tour gastronomico sull’Ile d’Orlean, l’isola alla periferia di Quebec City in Canada, era una cantina vinicola. Ci eravamo resi conto che il Canada produce del buon…

Hotel

In viaggio verso Prince Edward Island

[ Luglio 2019 ] Dopo essere stati a Montreal in Canada per tre notti, ci siamo trasferiti a Prince Edward Island Abbiamo pranzato all’aeroporto di Montreal perché malgrado fosse un aeroporto c’erano alcuni buoni ristoranti….