Sardegna, isola e regione d’Italia, seconda per estensione solo alla Sicilia tra le isole del Mediterraneo occidentale.

Si trova a 120 miglia (200 km) a ovest del continente italiano, a 7,5 miglia (12 km) a sud della vicina isola francese di Corsica e a 200 km a nord della costa africana.

Il capoluogo è Cagliari. Area 24,090 km quadrati. Pop. (Stima 2015) 1.658.138.
Geografia
La Sardegna è unita geologicamente alla Corsica, essendo entrambe allineate lungo una cintura montuosa che si innalza per oltre 3.950 metri dal fondo marino circostante, con una pendenza continentale profondamente battuta da canyon sottomarini.

L’isola è un residuo di un blocco ercinico noto come continente tirrenico; le sue rocce sono per lo più dell’era Paleozoica (da 541 a 252 milioni di anni fa).

Le ardesie del periodo Cambriano (da circa 541 a 485,4 milioni di anni fa) predominano nel sud-ovest, mentre i graniti carbopermiani costituiscono più di un terzo della superficie totale dell’isola, principalmente negli altopiani orientali della Gallura, del Goceano, di Nuoro e del Sarrabus .
Il rilievo dell’isola è dominato da montagne di granito e scisto.

Il punto più alto è il Monte La Marmora (1.834 metri) nel massiccio del Gennargentu. Il clima è subtropicale e mediterraneo.

Le precipitazioni variano da 600 mm in pianura a 990 mm in montagna. I fiumi della Sardegna, di cui il Tirso e il Flumendosa sono i più importanti, sono brevi e ricchi di rapide.
Gran parte della terra coltivabile dell’isola è dedicata alla coltivazione di cereali e alla frutticoltura.

Macchia – praterie mescolate a una macchia di cisto, lentisco, mirto, fichi d’india e querce nane – copre la maggior parte della campagna incolta.

Una ricca vegetazione amante del sale si trova lungo le rive e le scogliere e le paludi salate si estendono lungo la costa.

La maggior parte dei mammiferi sono come quelli che si trovano in Italia, ma alcuni di quelli che meritano una menzione speciale sono una donnola sarda, un gatto selvatico nativo, il muflone ​​(una pecora selvatica che si trova solo in Sardegna, Corsica e Cipro) e la lepre del Capo.

Storia

Insediamento preistorico e fenicio.
La caratteristica dominante dell’isola (di cui si dice esistano circa 7.000 esemplari) sono i nuraghi: strutture tronco coniche di enormi blocchi di basalto prelevati da vulcani spenti, costruiti in epoca preistorica senza alcun legame.

La maggior parte dei nuraghi sono piuttosto piccoli, ma alcuni sono ovviamente fortezze. Nei pressi di Dorgali è presente anche un villaggio nuragico con tracce di circa 80 edifici individuati.

L’opinione degli esperti ora fa risalire i nuraghi al 1500 al 400 aC circa.
La civiltà che ha costruito i nuraghi ha probabilmente le sue radici nella popolazione preistorica dell’isola, ma le sue origini e le sue affinità sono incerte e non ha lasciato documenti scritti.

È possibile che gli Sherden, uno dei Popoli del Mare che combatterono in Egitto nel XIII e XII secolo a.C., provenissero o si stabilirono in Sardegna, e diedero il nome all’isola.

L’evidenza archeologica della cultura nuragica suggerisce un potere fortemente organizzato degli stati tribali.

La lavorazione del metallo proveniente dalle miniere locali era presumibilmente la principale fonte di ricchezza.

Tuttavia, la presenza di insediamenti commerciali fenici lungo le coste della Sardegna a partire dal IX o VIII secolo a.C. deve aver contribuito in modo vigoroso alla prosperità proto-sarda.
I caricatori e commercianti fenici erano naturalmente interessati alle miniere sarde e fondarono stazioni commerciali in siti come Caralis (ora Cagliari), Sulcis (sull’isola di Sant’Antioco) e Tharros.

I tentativi di colonizzazione da parte dei Greci all’inizio del VI secolo (a Olbia, nella Sardegna nord-orientale) non hanno avuto successo a causa dell’opposizione dei Fenici.

Dopo che Cartagine ebbe ottenuto la leadership sui Fenici occidentali, la lotta per la supremazia a ovest fece esercitare un controllo più diretto sui coloni dell’isola.

Dopo un lungo periodo di pacifica convivenza con le popolazioni indigene, i Cartaginesi iniziarono, intorno al 500 a.C., la conquista militare delle parti più produttive della Sardegna, spingendo i Proto-Sardi sulle montagne.

Dominio romano

Durante la prima guerra punica (264–241 aEV) i romani cercarono di catturare la Sardegna, ma fu solo nel 238 aC che furono in grado di approfittare di una rivolta dei mercenari cartaginesi per chiedere la resa dell’isola.

Le tribù native si opposero ai romani ma furono conquistate dopo diverse sanguinose campagne.

L’isola divenne una provincia sotto un pretore o propraetore, alla cui giurisdizione si aggiunse subito dopo la Corsica (227).

Una ribellione nel 215 aEV, promossa dai Cartaginesi, fu repressa da Tito Manlio Torquato.

Dopo il fallimento di quella rivolta, l’isola fu trattata come un territorio conquistato. Non conteneva una sola città libera ei suoi abitanti erano obbligati a pagare una decima considerevole in grano.

Le insurrezioni delle tribù di montagna nel 181 e 114 aEV furono represse dai Romani, ma anche al tempo di Strabone (64 aC circa-21 dC) vi fu un notevole brigantaggio.
Quando Augusto riorganizzò le province, l’amministrazione della Sardegna e della Corsica cadde in Senato, una designazione che implicava una certa stabilità sulle isole.

Nel 6 d.C., tuttavia, frequenti disordini portarono Augusto ad affermare il controllo imperiale ea nominare un prefetto per sovrintendere al ripristino dell’ordine. Nel 67 d.C. Nerone restituì la Sardegna (ma non la Corsica) al Senato in cambio dell’Acaia, e la prima fu poi governata da un legatus pro praetore.

Vespasiano riprese la Sardegna prima del 78 d.C. e la pose sotto un procuratore imperiale.

Fu restituito al Senato qualche tempo prima del regno di Marco Aurelio, quando l’isola era governata da un proconsole.

O Commodo o Settimio Severo lo ripresero e lo misero sotto un procuratore.

I frequenti cambi di autorità amministrativa parlano delle difficoltà che i romani incontrarono nel governare l’isola.

Al tempo di Plinio Caralis (Cagliari) era l’unica città con diritti civili romani in Sardegna (quando ne ricevette il privilegio è ignoto).

Una colonia romana fu fondata a Turris Libisonis (oggi Porto Torres), ma poco si parlava dell’isola sotto l’impero, se non per il suo ruolo di granaio e per la prevalenza del banditismo.

È stato spesso utilizzato come luogo di esilio.

Vandalo e dominio bizantino

I Vandali attraversarono l’Africa dalla Spagna nel 429 EV e occuparono la Sardegna intorno al 456.

Il generale romano Marcellino rioccupò l’isola prima di un’ambiziosa spedizione contro i Vandali organizzata dall’imperatore romano d’Oriente Leone I e dall’imperatore romano d’Occidente Antemio.

Una massiccia armata si imbarcò contro i Vandali nel 468, ma il comando dell’operazione fu affidato al cognato inetto Basilisco di Leone e, dopo la distruzione della flotta romana, i Vandali tornarono.

Il dominio vandalico segnò un periodo di rinascita culturale, soprattutto a causa della residenza forzata a Cagliari di decine di vescovi nordafricani che erano stati banditi dal re vandalo Thrasamund per la loro opposizione all’arianesimo.

Tra loro c’erano San Fulgenzio e il vescovo di Ippona, quest’ultimo aveva portato con sé le reliquie di Sant’Agostino.

A quel rinascimento culturale africano risalgono i resti del monastero edificato da Fulgenzio presso la Basilica di San Saturnino a Cagliari.
Nel 533-534, in seguito alla sconfitta dei Vandali, la Sardegna fu recuperata dal duca bizantino Cirillo.

Sotto l’impero bizantino era una delle sette province della prefettura pretoriana d’Africa. Nel 550-551 la Sardegna fu occupata dai Goti sotto Totila, ma dopo la sua morte nel 552 fu bonificata da Costantinopoli. Lettere di Papa Gregorio I scritte alla fine del VI secolo denunciano il malgoverno bizantino e parlano di attacchi dei Longobardi sulla costa sarda.

Tra il 663 e il 668 la Sardegna fu pesantemente tassata dall’imperatore bizantino Costante II Pogonato, ma la data della sua separazione dall’impero bizantino è sconosciuta.

Incursioni arabe

Nel 720 il re longobardo Liutprando acquisì le reliquie di Sant’Agostino e le trasferì a Pavia, ma i Longobardi non occuparono la Sardegna come fecero la Corsica.

La conquista musulmana del Nord Africa era a buon punto all’inizio dell’VIII secolo e i predoni arabi attaccarono per la prima volta la Sardegna nel 711.

Tali assalti si ripresentarono durante l’VIII e il IX secolo. Nell’815 i Sardi mandarono ambasciatori presso l’imperatore franco Luigi I, che collaborarono con Leone IV e successivi papi nelle campagne contro i Saraceni.

La necessità per i sardi di organizzare la propria difesa portò probabilmente alla formazione di quattro giudicati autonomi (“circuiti giudiziari”), anche se la storia di questo periodo è oscura.
Il X secolo era relativamente pacifico, ma nel 1015 Mujāhid al-ʿĀmirī, sovrano dello stato taifa di Denia nella Spagna sud-orientale, attaccò la Sardegna dalla sua base nelle Isole Baleari. Anche se quello non sarebbe stato l’ultimo attacco dei corsari moreschi, è stato il più grave, essendo un vero tentativo di conquista.

Le forze di Al-ʿĀmirī invasero gran parte dell’isola, ma l’occupazione fu di breve durata. Papa Benedetto VIII spronò gli stati cristiani ad agire e le marine combinate di Genova e Pisa distrussero la flotta di al-ʿĀmirī e liberarono l’isola.

I giudicati e l’influenza italiana

I quattro giudicati sardi di Cagliari, Arborea, Torres e Gallura furono chiaramente definiti territorialmente e politicamente solo nell’XI secolo. Queste divisioni autonome divennero gradualmente principati ereditari sotto giudici (“giudici”) per tutta la vita.

Dopo la sconfitta di al-ʿĀmirī, la Sardegna divenne campo di espansione per Pisa e Genova, oltre che per Marsiglia.

Fu aperto all’immigrazione monastica incoraggiata dal papato, che ora rivendicava la sovranità sull’isola.

Pisa e Genova, attraverso alleanze con i giudici, si assicurarono zone di influenza politica ed economica: Genova per lo più a nord e ad ovest, Pisa a sud e ad est.

L’arcivescovo di Pisa fu nominato legato apostolico e primate di Sardegna da Innocenzo II nel 1133. Genova, per contrastare il suo rivale, prestò a Barisone I, giudice di Arborea, il prezzo della sua incoronazione da parte dell’imperatore Federico I a re di Sardegna (1164) , ma non poteva né sottomettere gli altri giudicati né rimborsare il prestito.
La pace del 1169 determinò una temporanea tregua tra Pisa e Genova, ma fu presto spezzata da dissensi tra i giudici.

I giudicati di Cagliari e Gallura passarono per matrimonio ad una successione di famiglie pisane e infine alla repubblica stessa.

Il giudicato di Torres passò dalla protezione di Pisa a quella di Genova fino al matrimonio (1238) di Adelasia, erede di Gallura e Torres, con Enzio, figlio naturale dell’imperatore Federico II. Enzio prese il titolo di re di Sardegna, ma vi si trovava raramente, e il suo governo fu portato avanti dai vicari.

Con l’intensificarsi della lotta tra le fazioni guelfa e ghibellina (papale e imperiale) in Italia, nel 1249 Enzio guidò un esercito ghibellino contro una forza congiunta lombardo-bolognese a Fossalta.

I ghibellini furono schiacciati ed Enzio fu catturato; avrebbe trascorso il resto della sua vita in prigionia a Bologna.

Nelle guerre che seguirono la prigionia di Enzio prevaleva Pisa, ma dopo la Battaglia della Meloria (1284) l’influenza pisana fu limitata ai quartieri di Cagliari e Gallura.

Genova controllava gli altri quartieri attraverso le sue famiglie nobili (principalmente le famiglie Spinola, Malaspina e Doria). Durante l’XI, il XII e il XIII secolo, tuttavia, l’influenza pisana predominò nelle arti.

Lo si può vedere nelle numerose chiese costruite all’epoca, in particolare la basilica di San Gavino a Porto Torres e la chiesa di Santa Maria del Regno ad Ardara.

Dominazione aragonese

Nel 1297 Bonifacio VIII investì Giacomo II d’Aragona come re di Sardegna e Corsica. Gli Aragonesi non furono in grado di esercitare il potere effettivo sull’isola fino al 1323-24, tuttavia, quando l’infante Alfonso (poi Alfonso IV) conquistò la Sardegna.

Lo fece con l’aiuto del giudicato di Arborea, che mantenne la sua indipendenza e si difese strenuamente dagli stessi Aragonesi per tutto il XIV secolo.

Una guerra scoppiata intorno al 1350 tra il giudice arboreano Mariano IV e il re Pietro IV d’Aragona fu vinta da quest’ultimo, e la pace fu fatta in una riunione degli stamenti sardi nel 1355.

Pochi anni dopo Mariano riprese ostilità contro l’Aragona.

Dopo la sua morte nel 1376, la guerra fu portata avanti da suo figlio, Ugo, e da sua figlia, Eleonora d’Arborea.

Hugo fu ucciso in una rivolta nel 1383 e, dopo la morte di Eleonora nel 1404, il giudicato fu ridotto a feudo di Aragona nel 1410.

Dopo che un’ultima rivolta era stata soppressa nella battaglia di Macomer (1478), fu portata Arborea interamente sotto la corona aragonese.

Gli Aragonesi unificarono l’amministrazione della Sardegna e la pose sotto un viceré residente a Cagliari.

Successivamente i tre ordini – militare, ecclesiastico e reale – degli stamenti sardi iniziarono a riunirsi ad intervalli regolari. Alfonso V d’Aragona estese a tutta l’isola la Carta de Logu, un codice di legge promulgato da Mariano IV d’Arborea e perfezionato da Eleonora nel 1392.

L’accentramento dell’autorità paralizzò però la crescita e l’economia dell’isola, fiorita sotto i giudici , rifiutato.

La popolazione, oppressa dalla tassazione, diminuì e l’isola cadde in uno stato di letargo.
La Sardegna, passata con l’Aragona alla monarchia spagnola unificata, subì nel XVI secolo le incursioni dei pirati barbareschi. Nel 1527 una flotta francese al comando di Andrea Doria invase l’isola e prese Sassari ma fu cacciata.

Un’altra flotta francese, guidata da Henri de Lorraine, fu respinta anche dopo aver preso Oristano nel 1637.

Austria e Savoia

Durante la guerra di successione spagnola, Cagliari fu bombardata da una flotta inglese e capitolò.

La Sardegna divenne un territorio austriaco nel 1708, affermazione che fu affermata dal Trattato di Utrecht nel 1713.

Lo statista spagnolo Giulio Alberoni aveva sperato di fare della Sardegna un punto di partenza per la riconquista degli ex possedimenti italiani della Spagna, e nel 1717 inviò un squadrone di Barcellona che ha riconquistato l’isola.

Nel 1718 il Trattato di Londra compensò Vittorio Amedeo II di Savoia per la sua perdita della Sicilia conferendogli il titolo di re di Sardegna.

Ne prese possesso nel 1720 e, da quel momento fino al 1861, lui ei suoi successori furono conosciuti come re di Sardegna.

La casa Savoia, che mantenne la sua sede del potere in Piemonte, cercò di stabilire la sua autorità sui nobili feudali (di origine prevalentemente spagnola) e sulla chiesa.

Nel 1726 papa Benedetto XIII confermò al re il diritto di presentazione ai vescovati. Sotto Vittorio Amedeo II e Carlo Emanuele III, furono compiuti alcuni sforzi per migliorare le condizioni sociali ed economiche della Sardegna.

Nel 1793, durante le guerre rivoluzionarie francesi, i francesi attaccarono la Sardegna e bombardarono Cagliari ma furono attaccati dagli isolani e si ritirarono.

Gli stamenti presentavano quindi al re un memorandum chiedendo una misura di autonomia locale e l’apertura di tutte le cariche, tranne quella di viceré, a tutti i cittadini.

La loro richiesta fu respinta, ma il movimento che rappresentava trovò sostegno in una rivolta popolare nata dal malcontento economico della gente.

La rivolta, tuttavia, svanì quando il suo leader, Gian Maria Angioj, fuggì in Francia nel 1796.

Austria e Savoia

Durante la guerra di successione spagnola, Cagliari fu bombardata da una flotta inglese e capitolò.

La Sardegna divenne un territorio austriaco nel 1708, affermazione che fu affermata dal Trattato di Utrecht nel 1713.

Lo statista spagnolo Giulio Alberoni aveva sperato di fare della Sardegna un punto di partenza per la riconquista degli ex possedimenti italiani della Spagna, e nel 1717 inviò un squadrone di Barcellona che ha riconquistato l’isola.

Nel 1718 il Trattato di Londra compensò Vittorio Amedeo II di Savoia per la sua perdita della Sicilia conferendogli il titolo di re di Sardegna.

Ne prese possesso nel 1720 e, da quel momento fino al 1861, lui ei suoi successori furono conosciuti come re di Sardegna.

La casa Savoia, che mantenne la sua sede del potere in Piemonte, cercò di stabilire la sua autorità sui nobili feudali (di origine prevalentemente spagnola) e sulla chiesa.

Nel 1726 papa Benedetto XIII confermò al re il diritto di presentazione ai vescovati. Sotto Vittorio Amedeo II e Carlo Emanuele III, furono compiuti alcuni sforzi per migliorare le condizioni sociali ed economiche della Sardegna.

Nel 1793, durante le guerre rivoluzionarie francesi, i francesi attaccarono la Sardegna e bombardarono Cagliari ma furono attaccati dagli isolani e si ritirarono.

Gli stamenti presentavano quindi al re un memorandum chiedendo una misura di autonomia locale e l’apertura di tutte le cariche, tranne quella di viceré, a tutti i cittadini.

La loro richiesta fu respinta, ma il movimento che rappresentava trovò sostegno in una rivolta popolare nata dal malcontento economico della gente.

La rivolta, tuttavia, svanì quando il suo leader, Gian Maria Angioj, fuggì in Francia nel 1796.

L’isola contemporanea

Sebbene l’italiano (compresi i dialetti genovese e toscano) sia la lingua franca, il sardo, il catalano e l’arabo sono parlati in varie regioni.

Lealtà e ospitalità verso gli estranei caratterizzano il codice d’onore sardo. Il folklore e l’artigianato abbondano sull’isola.

Città e villaggi organizzano feste annuali.

La maggior parte comprende imprese di equitazione, costumi squisitamente ricamati, canti e balli, spesso con l’accompagnamento delle launeddas, un triplo clarinetto.

La Sardegna è tra le regioni meno densamente popolate d’Italia.
L’agricoltura rimane un ramo importante dell’economia.

I pascoli naturali coprono più della metà della superficie della Sardegna. Le pecore e le capre sono ampiamente allevate.

Vengono prodotti grano, orzo, uva, olive, sughero e tabacco. La pesca del tonno, dell’aragosta e delle sarde è importante.

La Sardegna è ricca di minerali, ma la tradizionale industria mineraria dell’isola ha sofferto nel 21 ° secolo.

Le industrie di trasformazione includono la fusione di piombo e zinco e la produzione di alluminio e allumina.

Ci sono raffinerie di petrolio e complessi petrolchimici. Tra le altre industrie ci sono la lavorazione alimentare, la produzione di tessuti e pelle, la lavorazione del legno e l’ingegneria elettrica.

I servizi e l’amministrazione del governo sono diventati settori economici sempre più importanti nel 21 ° secolo.

Il turismo è essenzialmente concentrato sulla costa, sebbene la rete stradale sia stata ampliata e molto migliorata.

L’isola è collegata con l’Italia continentale sia per via aerea che marittima, ma il relativo isolamento dell’isola ha conservato molte tradizioni.

Articoli

Il giro turistico di Alghero : La Cattedrale

Questa è la parte finale del nostro giro turistico di Alghero, la città della Sardegna nord-occidentale. L’unico posto in cui siamo entrati in un edificio durante il tour è stata la cattedrale, La Cattedrale di…

Shopping

Il corallo della Sardegna

[Maggio 2018] Passeggiando per il centro storico di Alghero, la città della Sardegna, la nostra attenzione è stata attratta dai numerosi negozi che vendevano gioielli in corallo. Secondo la guida l’area di Alghero era conosciuta…

Ristoranti

Uno dei migliori ristoranti ad Alghero

[ Ago.2020 ] Era sabato il giorno dopo il nostro arrivo ad Alghero, la città della Sardegna, in Italia Non abbiamo lavorato quel giorno. Abbiamo mangiato delle pesche piatte per colazione, fatto il bucato e…

Cucina

Il mercato al coperto di Alghero

[ Ago.2020 ] Era il terzo giorno ad Alghero, la città della Sardegna nord-occidentale in Italia. Questa vacanza l’abbiamo chiamata “Worcation“, quindi i miei post sono naturalmente più simili al mio diario. Abbiamo fatto colazione…

Hotel

Soggiorno in Airbnb ad Alghero

[ Ago.2020 ] Abbiamo utilizzato Airbnb per la prima volta ad Alghero in Sardegna in Italia. Quando siamo arrivati ​​in questa città due anni fa, abbiamo alloggiato in un delizioso hotel per qualche giorno, ma questa…

Trasporti

Siamo arrivati ad Alghero

[ Ago.2020 ] Il volo da Roma ad Alghero in Sardegna era piuttosto affollato, ma Alitalia come regola teneva vuoti i posti intermedi, cosi’ non dovevamo stare troppo vicini agli estranei. Siamo arrivati ​​sani e…