Budapest, capitale dell’Ungheria e sede di Pest megye (contea).
La città è il centro politico, amministrativo, industriale e commerciale dell’Ungheria.
Il sito è stato continuamente colonizzato sin dalla preistoria e ora ospita circa un quinto della popolazione del paese.
Un tempo chiamata la “Regina del Danubio”, Budapest è stata a lungo il punto focale della nazione e un vivace centro culturale.
La città si trova a cavallo del fiume Danubio (ungherese: Duna) nel magnifico scenario naturale dove le colline dell’Ungheria occidentale incontrano le pianure che si estendono a est e a sud.
Consiste di due parti, Buda e Pest, che si trovano sui lati opposti del fiume e collegate da una serie di ponti.
Sebbene le radici della città risalgano all’epoca romana e anche prima, la moderna Budapest è essenzialmente una conseguenza dell’impero austro-ungarico del XIX secolo, quando l’Ungheria era tre volte più grande del paese attuale.
La riduzione delle dimensioni dell’Ungheria dopo la prima guerra mondiale non ha impedito a Budapest di diventare, dopo Berlino, la seconda città più grande dell’Europa centrale.
Un ungherese su cinque vive ora nella capitale, che, in quanto sede del governo e centro dei trasporti e dell’industria ungherese, domina tutti gli aspetti della vita nazionale.
Decine di migliaia di pendolari convergono ogni giorno a Budapest, più della metà degli studenti universitari del paese frequenta la scuola in città e circa la metà del reddito del paese derivante dal turismo straniero viene guadagnata lì.
Budapest si distingueva dalle capitali relativamente scialbe degli altri paesi del blocco sovietico; manteneva un’impressione di abbondanza, con negozi eleganti, buoni ristoranti e altri servizi.
La dissoluzione del blocco sovietico e la transizione dell’Ungheria dal socialismo hanno portato a Budapest nuove opportunità di prosperità e un afflusso di turisti occidentali, insieme allo stress della transizione verso un’economia di stile più occidentale.
La città, comprese le rive del Danubio, il quartiere del castello di Buda e il viale Andrássy, è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1987.
Strategicamente situata al centro del bacino dei Carpazi, Budapest si trova su un antico percorso che collega le colline della Transdanubia (ungherese: Dunántúl) con la Grande Alfold (Grande Pianura ungherese; ungherese: Nagy Magyar Alföld).
L’ampio Danubio era sempre guadabile a questo punto a causa di alcune isole nel mezzo del fiume.
La città ha marcati contrasti topografici: Buda è costruita sulle terrazze e sulle colline del fiume più alte del lato occidentale, mentre la considerevolmente più grande Pest si estende su una pianura sabbiosa piatta e informe sulla riva opposta del fiume.
Il clima di Budapest è di transizione tra le condizioni estreme del Grande Alfold e il clima più temperato della Transdanubia, con le sue abbondanti piogge.
La temperatura media annuale è di circa circa 11 ° C, che va da una media di luglio nella bassa di circa 22 ° C a una bassa di circa -1 ° C a gennaio.
La precipitazione annuale media è di 600 mm.
Le nevicate invernali possono essere abbondanti e la temperatura può scendere a -15 ° C, ma, d’altra parte, le ondate di calore combinate con l’umidità in estate possono rendere l’aria opprimente.
Le inondazioni a Pest erano endemiche prima che il fiume fosse regolamentato nel 19 ° secolo.
Il Danubio (blu solo nel valzer Johann Strauss) è stato fortemente contaminato e l’inquinamento atmosferico, dal quale gli abitanti di Buda sono riusciti in gran parte a fuggire, ha afflitto la maggior parte dei distretti di Pest.
Buda era il nucleo di insediamenti nel Medioevo e le strade acciottolate e le case gotiche della città del castello hanno conservato il suo vecchio impianto.
Fino alla fine del XVIII secolo, Pest rimase una piccola enclave, ma poi la sua popolazione esplose, lasciando Buda molto indietro.
Nella seconda metà del XX secolo, la crescita è stata distribuita in modo più uniforme tra le due parti.
La Budapest contemporanea copre 525 km quadrati, di cui circa la metà è costruita.
Le cime delle colline di Buda, ancora coronate da alberi; il Danubio fiancheggiato da tre colline inferiori; i ponti; Isola Margit (Margaret); e il lungofiume di Pest conferiscono alla città una straordinaria identità visiva.
In una posizione centrale si trova la Collina del Castello (Várhegy), a 168 metri sul livello del mare e coronata dal restaurato Castello di Buda (Budai vár, comunemente chiamato Palazzo Reale).
Nel 13 ° secolo fu costruita una fortezza sul sito e fu sostituita da un grande palazzo barocco durante il regno (1740–80) di Maria Teresa come regina d’Ungheria.
La struttura è stata distrutta o danneggiata e ricostruita più volte nel corso dei secoli, l’ultima quando è stata rasa al suolo durante la seconda guerra mondiale.
Il restauro del palazzo fu completato a metà degli anni ’70 e ora ospita la Biblioteca Nazionale Széchényi, il Museo di Storia di Budapest (comunemente chiamato Vármúzeum, o Museo del Castello) e la Galleria Nazionale Ungherese.
La guglia della chiesa gotica medievale di Nostra Signora (Nagyboldogasszony), comunemente chiamata Chiesa di Mattia (Mátyás-templom), si protende nello skyline sopra la collina del castello, con il bastione dei pescatori neo-romanico della fine del XIX secolo (Halászbástya) di fronte e un hotel contemporaneo accanto.
A sud della collina del castello si erge la collina più alta di Gellért (771 piedi), una ripida scarpata calcarea che domina il Danubio, che offre una vista panoramica dell’intera città.
In cima si trova la Cittadella (Citadella), costruita dall’esercito austriaco a metà del XIX secolo per sorvegliare la città, che oggi funge da hotel e ristorante e raddoppia il giorno di Santo Stefano (20 agosto) come il palco per uno splendido spettacolo pirotecnico.
La statua della liberazione vicino alla cittadella commemora la vittoria dell’esercito sovietico sulle forze tedesche nel 1945.
La collina di Rózsa (Rosa), la terza collina vicino al fiume, si trova a nord della collina del castello.
È il quartiere più alla moda di Budapest, dove l’élite ungherese ha case.
Il bagno Lukács (Lucas) ai piedi della collina è frequentato dai letterati di Budapest.
Sotto le tre colline si estende la città.
Di fronte alla collina di Rózsa si trova l’isola Margit, un parco lungo un miglio con hotel e piscine.
Di fronte alla collina del castello sul lato di Pest del Danubio si trova l’ornato Palazzo del Parlamento (Országház).
Progettato in stile neo-gotico e influenzato dalle Houses of Parliament di Londra, l’edificio (completato nel 1902) è stato poco utilizzato dalla fine della seconda guerra mondiale.
Più avanti lungo la riva si trova l’edificio neo-rinascimentale dell’Accademia delle scienze ungherese (1862–1864) e il Vigadó, una grande sala costruita in stile romantico (1859–64).
Il cuore di Pest è il Belváros (città interna), un pentagono irregolare con il lato più lungo parallelo al Danubio; restano solo tracce dell’originaria cinta muraria.
Il distretto ospita uffici, parti dell’Università Loránd Eötvös e negozi.
La Váci utca, una strada stretta trasformata in arteria pedonale, è il centro commerciale più alla moda di Budapest.
Un’altra strada pedonale più recente, la New Main Street, si estende anche attraverso il centro della città.
Il municipio (Fővárosi Tanács), un edificio barocco eretto tra il 1724 e il 1747, si trova nell’angolo nord-est del Belváros vicino al municipio di Pest (Pest megyei Tanács).
La chiesa parrocchiale del centro storico (Belvárosi plébániatemplom) è l’edificio più antico di Pest. Ricostruita in stile barocco nel XVIII secolo, come molte altre chiese a Pest e Buda, la chiesa era stata la più imponente di Pest medievale.
La Corona di Santo Stefano, il simbolo della nazionalità ungherese, è esposta nel Museo Nazionale Ungherese, un edificio neoclassico situato appena fuori dal Belváros.
I viali principali di Pest formano semicerchi concentrici attorno al Belváros.
Il più vicino al centro segue la linea delle antiche mura cittadine. Il Nagykörút (Grande Viale), che in passato portava i nomi di arciduchi e arciduchesse degli Asburgo ed è ora diviso in quattro sezioni denominate, segue il letto del fiume di un affluente asciutto del Danubio.
La maggior parte dei ministeri e degli altri uffici governativi si trovano a nord dei Belváros.
La Basilica di Santo Stefano in parte neoclassica, in parte neorinascimentale, il Teatro dell’Opera neorinascimentale, il Teatro Nazionale e la sala da concerto dell’Accademia di musica Franz Liszt furono tutti costruiti nel XIX secolo.
Gli edifici in stucco di questa eclettica collezione architettonica non hanno resistito bene.
La strada più bella di Budapest, Andrássy Avenue, corre in linea retta dal centro di Pest al City Park (Városliget), che contiene il Monumento del Millennio.
Il monumento è costituito da un colonnato a pilastri semicircolare che mostra statue di re ungheresi e leader nazionali, con una statua dell’arcangelo Gabriele che sormonta una colonna centrale alta 118 piedi. Nelle vicinanze si trovano il Museo delle Belle Arti, altri musei, lo Zoo di Budapest, il rinomato circo cittadino e un parco divertimenti (un tempo chiamato “Parco inglese”).
La capitale è quasi 10 volte più grande della prossima città più grande dell’Ungheria.
L’aumento della popolazione è stato fenomenale: il suo tasso di aumento da circa 100.000 negli anni Quaranta dell’Ottocento a 1.000.000 nel 1918, ad esempio, ha superato di gran lunga quello di Londra nello stesso periodo.
La crescita naturale della popolazione non è mai stata un fattore di questa espansione.
Piuttosto, più muoiono in città di quanti ne siano nati lì, il risultato di una migrazione senza fine di persone dai villaggi e dalle città verso la capitale. Entro la fine del XX secolo, tuttavia, il tasso di crescita era rallentato e la popolazione aveva cominciato a spostarsi dai distretti centrali alla periferia e alle comunità adiacenti.
I quartieri residenziali, come Pesterzsébet (Pestszenterzsébet) e Kelenföld a sud, Rákoskeresztúr a est, e Óbuda, Békásmegyer e Újpalota a nord, sono cresciuti man mano che il centro città è stato ristrutturato.
Da sempre città di marcate divisioni sociali, Budapest ha rivelato una volta il profondo contrasto nello stile di vita tra gli aristocratici, che costruirono palazzi nel centro della città, e coloro che vivevano nei quartieri delle baraccopoli e tentacolari insediamenti temporanei di baracche sul perimetro della città.
Durante il periodo stalinista dopo la seconda guerra mondiale, questi contrasti sono in gran parte scomparsi, ma è persistita una grave carenza di alloggi.
La maggior parte degli abitanti continua a vivere in appartamenti relativamente piccoli.
Le riforme economiche dalla fine degli anni ’60 hanno creato nuova ricchezza, che a sua volta ha acuito le differenze tra lo stile di vita più ostentato delle nuove classi medie – i cui membri privilegiati sono in grado di costruire seconde case sulle colline di Buda e sul lago Balaton – e quello dei lavoratori che popolano i giganteschi complessi residenziali anonimi dei monotoni quartieri residenziali periferici.
La capitale, a parte il gran numero di visitatori stranieri, è interamente di lingua ungherese; in passato non lo è mai stato.
Il background etnico notevolmente diverso della popolazione di Budapest è stato uno dei maggiori punti di forza della città.
In passato Buda era gestita da cittadini tedeschi e successivamente tedeschi e ungheresi.
All’inizio del XIX secolo il governo di Pest era nelle mani dei cittadini tedeschi, le spedizioni erano controllate dai serbi ei mercanti erano in gran parte “greci” (cioè greci e altri popoli balcanici).
lavoratori dell’industria di lingua tedesca furono portati dall’ovest e un gran numero di ebrei si trasferì dall’est.
Nel 1900 quasi un quarto degli abitanti di Budapest erano ebrei, ma la comunità ebraica fu in gran parte distrutta durante la seconda guerra mondiale.
La Budapest del dopoguerra divenne culturalmente omogenea e, nonostante la presenza di piccole minoranze di altri gruppi etnici, tra cui soprattutto tedeschi, rumeni, russi e rom, è rimasta tale all’inizio del XXI secolo.
Da sempre città di marcate divisioni sociali, Budapest ha rivelato una volta il profondo contrasto nello stile di vita tra gli aristocratici, che costruirono palazzi nel centro della città, e coloro che vivevano nei quartieri delle baraccopoli e tentacolari insediamenti temporanei di baracche sul perimetro della città.
Durante il periodo stalinista dopo la seconda guerra mondiale, questi contrasti sono in gran parte scomparsi, ma è persistita una grave carenza di alloggi.
La maggior parte degli abitanti continua a vivere in appartamenti relativamente piccoli.
Le riforme economiche dalla fine degli anni ’60 hanno creato nuova ricchezza, che a sua volta ha acuito le differenze tra lo stile di vita più ostentato delle nuove classi medie – i cui membri privilegiati sono in grado di costruire seconde case sulle colline di Buda e sul lago Balaton – e quello dei lavoratori che popolano i giganteschi complessi residenziali anonimi dei monotoni quartieri residenziali periferici.
La capitale, a parte il gran numero di visitatori stranieri, è interamente di lingua ungherese; in passato non lo è mai stato.
Il background etnico notevolmente diverso della popolazione di Budapest è stato uno dei maggiori punti di forza della città.
In passato Buda era gestita da cittadini tedeschi e successivamente tedeschi e ungheresi.
All’inizio del XIX secolo il governo di Pest era nelle mani dei cittadini tedeschi, le spedizioni erano controllate dai serbi ei mercanti erano in gran parte “greci” (cioè greci e altri popoli balcanici).
I lavoratori dell’industria di lingua tedesca furono portati dall’ovest e un gran numero di ebrei si trasferì dall’est.
Nel 1900 quasi un quarto degli abitanti di Budapest erano ebrei, ma la comunità ebraica fu in gran parte distrutta durante la seconda guerra mondiale.
La Budapest del dopoguerra divenne culturalmente omogenea e, nonostante la presenza di piccole minoranze di altri gruppi etnici, tra cui soprattutto tedeschi, rumeni, russi e rom, è rimasta tale all’inizio del XXI secolo.
Nell’ultimo quarto del XIX secolo, la città – che non possedeva né materie prime locali di alcun tipo né lavoratori qualificati (dovevano essere importati dall’Austria e dalla Moravia) – fu trasformata da base commerciale a centro industriale più importante del paese .
Fatta eccezione per alcune fabbriche di ingegneria, la produzione era inizialmente limitata alla lavorazione di materie prime, in particolare cibo, e sul Danubio furono costruiti enormi mulini per il grano.
Presto seguirono i lavori di metalmeccanica e di ingegneria (soprattutto per macchine agricole e navi) e fabbriche di munizioni ed elettronica.
Le automobili sono state prodotte dal 1905, ma le industrie leggere sono cresciute rapidamente solo dopo la prima guerra mondiale.
Possedendo la maggior parte della produzione industriale del paese e nel 1938 circa i tre quinti dei suoi operai, Budapest ha strangolato la crescita economica di tutte le altre città ungheresi.
La posizione della città sul Danubio e in particolare la costruzione delle ferrovie ungheresi rigidamente centralizzate, che avevano preceduto la crescita dell’industria, furono determinanti in questo dominio.

L’afflusso di capitali stranieri, convogliati attraverso le grandi banche e il governo, e il controllo delle grandi fabbriche da parte delle principali banche di Budapest hanno rafforzato il ruolo centralizzante svolto dal sistema dei trasporti.
La perdita di due terzi del territorio ungherese nel 1918 e le direttive di un’economia pianificata centralmente che esisteva dal 1945 fino alla fine degli anni ’80 hanno esacerbato l’ipertrofia di Budapest in relazione al resto del paese, sebbene nel 1969 la quota della capitale del paese la forza lavoro industriale era stata ridotta a circa la metà.
Più della metà degli operai di fabbrica a Budapest sono impiegati nell’industria pesante; il resto è diviso tra industria leggera e trasformazione alimentare.
Entro il secondo decennio del 21 ° secolo, Budapest si era trasformata in una delle economie urbane in più rapido sviluppo al mondo.
Era diventato un importante centro finanziario, bancario e commerciale, nonché il centro di importanti investimenti esteri diretti.
Era anche un importante centro di ricerca e sviluppo. Non sorprende che la maggior parte delle grandi società di software del paese consideri Budapest casa.
I trasporti sono stati la chiave della rapida espansione di Budapest. Famoso punto di passaggio sul Danubio, dove da sempre convergono le autostrade, è diventato il fulcro delle principali arterie stradali del paese e delle principali linee ferroviarie, tutte irradiate dalla capitale.
Ha anche sviluppato il più grande terminal degli autobus dell’Ungheria e il suo più grande aeroporto commerciale, l’aeroporto internazionale Ferenc Liszt di Budapest.
Il porto franco di Csepel, a valle del centro della città sull’isola di Csepel, gestisce merci internazionali sul Danubio ed è attrezzato per gestire il traffico di container.
La sede della Commissione internazionale del Danubio è a Budapest.
Degli otto ponti della capitale, il più antico e famoso è il Ponte delle Catene Széchenyi (Széchenyi Lánchíd), costruito negli anni Quaranta dell’Ottocento e chiamato in onore del riformatore ungherese del XIX secolo István Széchenyi.
I tram trainati da cavalli furono introdotti nel 1866 e, dopo la costruzione dei primi tram elettrici nel 1887, si espansero presto in una vasta rete.
I tram e gli autobus (questi ultimi introdotti nel 1915) soddisfacevano le esigenze di trasporto locale prima degli anni Quaranta, ma non riuscirono a far fronte alla rapida crescita del traffico dopo la seconda guerra mondiale.
Eppure, nonostante la congestione causata dalla colossale espansione dell’uso dell’automobile privata e dalla riduzione del numero di tram, il trasporto urbano è tornato ad essere efficiente.
La metropolitana, un sistema di metropolitana costruito principalmente negli anni ’70, gestisce quattro linee, inclusa una che corre sotto il fiume e collega Buda a Pest; è un pezzo forte che è pulito, veloce e (come gli autobus della città e i tram rumorosi vecchio stile) assurdamente a buon mercato.
Le colline di Buda, con i loro piacevoli sentieri boscosi, possono essere raggiunte facilmente dalla città con una vecchia ferrovia a cremagliera, un autobus o una seggiovia che porta i turisti in cima alla collina János, che, a 527 metri sopra sul livello del mare, è il punto più alto di Budapest.
La ferrovia dei bambini (Gyermekvasút), che si snoda tra le colline, è gestita in gran parte da bambini.
Budapest è la sede del governo ungherese; è anche la sede di Pest megye (contea) e Buda járás (distretto). La città è divisa in 23 distretti amministrativi – 6 dalla parte di Buda, 16 a Pest e l’isola di Csepel – ciascuno con il proprio governo e sindaco, sebbene Budapest abbia anche un sindaco capo.
Il controllo della città è formalmente conferito ai 34 membri dell’Assemblea Generale di Budapest (composta dal sindaco di Budapest, dai sindaci dei 23 distretti e da 9 rappresentanti delle “liste dei partiti di compensazione”).
La città ha una tradizione di buoni servizi pubblici, almeno nel centro (vi fu introdotto il gas per i consumatori privati ​​nel 1856 e l’elettricità nel 1893), come testimoniano i miglioramenti nei trasporti pubblici e il rinnovamento del sistema telefonico intrapreso negli anni ’70 .
Le cure ospedaliere e altri servizi sociali sono adeguati, in particolare nel centro della città.
Le cifre sui suicidi, tuttavia, sono allarmanti a Budapest.
L’ipertrofia economica di Budapest è aggravata dalla sua posizione dominante nella cultura ungherese.
Le trasmissioni radiofoniche e televisive e l’industria cinematografica sono appannaggio della capitale, e l’editoria e la stampa lo sono quasi.

Scrittori e poeti, tradizionalmente considerati eccessivamente preoccupati per la vita rurale e i contadini, sono stati tuttavia attratti da Budapest, così come i compositori ungheresi: Ferenc Erkel, Ernst von Dohnányi, Béla Bartók e Zoltán Kodály hanno vissuto tutti nella capitale.
Le principali scuole di grammatica sono concentrate a Budapest e le sue università e college attirano la maggior parte dei migliori studenti del paese.
Inoltre, l’Accademia delle scienze ungherese e la grande maggioranza dei suoi istituti di ricerca si trovano a Budapest.
La città vanta anche le migliori biblioteche, musei, gallerie d’arte, orchestre, impianti sportivi e teatri in Ungheria. Fondato nel 1802, il Museo Nazionale Ungherese possiede vasti fondi storici e archeologici. L’Accademia Musicale, fondata nel 1875 dal pianista e compositore Franz Liszt, ha acquisito fama internazionale. Il Teatro dell’Opera è stato riportato al suo splendore del XIX secolo nel 1984.
Completato nel 2002 e situato sul Danubio sul lato Pest del ponte Rákóczi, il complesso del Teatro Nazionale comprende un ampio parco e un giardino di sculture.
La porta accanto è il Müpa Budapest (Palazzo delle Belle Arti, Budapest), inaugurato nel 2005. Ospita la Sala Concerti Nazionale Béla Bartók, il Museo Ludwig (che espone arte contemporanea), il Teatro del Festival e altre sale.
Insieme forniscono luoghi per musica classica e popolare, jazz, opera, danza, film e altre belle arti.
Budapest ha più della sua quota di librerie, un numero senza pari di saloni di parrucchiere e piscine (a volte i due sono combinati) e una grande varietà di bagni termali.
Ci sono numerose sorgenti termali sotterranee che contengono radio e altri minerali. Sin dai tempi dei romani, i bagnanti li hanno cercati per le loro presunte proprietà curative.
La posizione di Budapest è un sito privilegiato per l’abitazione a causa della sua geografia e ci sono ampie prove di insediamenti umani sul lato occidentale del Danubio dal Neolitico in poi.
Due miglia a nord di Castle Hill, in quella che divenne Óbuda, un insediamento chiamato Ak-Ink (“Ampia Acqua”) fu fondato dai Celtici Eravisci.
Questo divenne Aquincum quando i romani vi stabilirono un accampamento militare e una città civile alla fine del I secolo d.C.
Divenuta sede della provincia Pannonia Inferior (106 circa) e poi acquisendo lo status di municipium (124) e infine colonia completa (194), Aquincum crebbe fino a diventare un fiorente centro urbano con due anfiteatri.
Dopo il crollo dell’autorità romana in Pannonia all’inizio del V secolo, alcuni dei grandi edifici furono abitati da Unni e in seguito da Visigoti e Avari, ciascun gruppo controllò la regione per un po ‘.
Kurszán, il capo tribù magiare, probabilmente si stabilì nel palazzo dell’ex governatore romano alla fine del IX secolo.
L’insediamento si spostò a sud sulla collina del castello qualche tempo dopo che Stefano I d’Ungheria aveva stabilito un regno cristiano all’inizio dell’XI secolo.
Buda, per il quale l’insediamento prese il nome, fu probabilmente il primo conestabile della nuova fortezza costruita sulla collina del castello, e il vecchio sito a nord divenne noto come Óbuda (“Old Buda”).
Sul lato opposto del fiume, esisteva già un insediamento slavo, Pest (che significa “fornace da calce”, suggerito anche da Ofen, il nome tedesco di Buda).
La Buda medievale prosperò e declinò insieme al suo protettore, la corte reale ungherese. Il comune è stato istituito con carta reale nel 1244, da Béla IV.
Ha concesso ai cittadini di Pest, la cui città era stata devastata dai Mongoli nel 1241, il diritto di stabilirsi in pieno possesso dei loro privilegi nel castello fortificato.
L’amministrazione comunale, basata sulla legge tedesca, era stata dominata dai cittadini tedeschi prima di essere riorganizzata nel 1439. A quel tempo, lo status di parità era conferito agli ungheresi nel governo municipale.
La preminenza di Buda, sviluppata sotto la protezione reale, fu sottolineata dalla sua autorità giudiziaria (come corte superiore) su altre libere città reali, sebbene la vicinanza della corte del re minasse il proprio autogoverno.
Il palazzo fu ricostruito da Mattia I, la cui morte nel 1490 segnò il declino sia del potere reale che della città. I turchi presero Buda tra il 1541 e il 1686.
Dopo un devastante assedio fu liberata da un esercito cristiano organizzato dall’imperatore del Sacro Romano Impero Leopoldo I. Poco Buda di Mattia sopravvisse fino al XVIII secolo.
Sia Buda che Pest furono riconosciute da Leopoldo I come città libere reali nel 1703, mentre Óbuda, un villaggio, apparteneva a Pest megye, la contea autonoma che era nelle mani della nobiltà ungherese locale.
Nel 1720 Buda e Óbuda avevano una popolazione combinata di circa 9.600, mentre quella di Pest era solo 2.600, ma nel 1799 Buda aveva circa 24.300 abitanti contro i 29.870 di Pest, dimostrando che l’equilibrio nelle dimensioni delle due township si era spostato.
Pest, un centro commerciale tedesco in Ungheria e ormai parte dell’impero asburgico d’Austria, aveva iniziato a crescere alla fine del XVIII secolo. Buda, dove all’inizio del XVIII secolo solo i cattolici romani tedeschi potevano stabilirsi, rimase una città di guarnigione imperiale e si sviluppò ancora una volta sotto l’occhio del monarca.
Un nuovo palazzo reale fu costruito nel 1760 durante il regno di Maria Teresa. L’università fu trasferita da Nagyszombat (moderna Trnava, Slovacchia) a Buda nel 1777; dal 1949 è chiamata Università Loránd Eötvös.
Nel 1783 Giuseppe II trasformò Buda nel centro amministrativo del paese; nello stesso anno la Curia (Alta Corte) fu trasferita a Buda e l’università fu trasferita a Pest.
Per secoli le inondazioni furono un problema serio, e una nel 1838 ebbe un tributo particolarmente pesante: più della metà delle case di Pest furono distrutte e anche Buda ne soffrì.
Il carattere di Buda sotto gli Asburgo rimase aristocratico e decisamente alieno. Pest, in cui si trasferirono la nobiltà e l’intellighenzia, si sposò con la causa nazionale; il ponte delle catene Széchenyi, che collegava Buda a Pest, era una metafora dell’unità.
La città di Pest era ancora in parte tedesca, ma la nobiltà di Pest Megye guidò la campagna per il dominio domestico ungherese.
Dopo lo scoppio della rivoluzione a Pest nel marzo 1848, vi fu istituito un ministero ungherese, trasferito da Pozsony (l’attuale Bratislava, Slovacchia) e responsabile della Dieta.
Nella successiva guerra civile Buda fu assediata nel maggio 1849 dall’esercito rivoluzionario del patriota Lajos Kossuth. La repressione seguì la rivoluzione fino al 1867, quando il paese, che divenne l’Austria-Ungheria l’anno successivo, fu posto sotto la doppia monarchia. I governi furono stabiliti a Vienna e Pest.
“Buda-Pest” fu creato nel 1872 quando Pest, Buda e Óbuda furono unite in un unico distretto municipale comprendente 10 distretti.
Nel giro di un anno, però, il trattino era scomparso dal nome della nuova capitale, anche nei documenti ufficiali.
Tra il 1873, quando entrò in vigore la legge che promulgava l’unificazione e l’acquisizione comunista dopo la seconda guerra mondiale, Budapest godette di un autogoverno.
“Buda-Pest” fu creato nel 1872 quando Pest, Buda e Óbuda furono unite in un unico distretto municipale comprendente 10 distretti.
Nel giro di un anno, però, il trattino era scomparso dal nome della nuova capitale, anche nei documenti ufficiali. Tra il 1873, quando entrò in vigore la legge che promulgava l’unificazione e l’acquisizione comunista dopo la seconda guerra mondiale, Budapest godette di un autogoverno.
Dopo l’unificazione iniziò sul serio la crescita spettacolare della città.
Il barocco e il neoclassico Pest fu spietatamente sacrificato alla febbre edilizia che attanagliava i padri della città.
I due edifici più importanti del periodo, il nuovo Parlamento di Pest e il ricostruito Castello di Buda, in piedi faccia a faccia sul Danubio, erano un potente promemoria del secolare conflitto politico tra la monarchia aliena e il Parlamento nazionale.
Nel frattempo, il carattere di Budapest ha subito un grande cambiamento a causa della rapida industrializzazione.
Le tariffe protettive non potevano essere introdotte con il sistema dualista e l’idea del sostegno statale all’industria guadagnò terreno solo alla fine degli anni 1880, ma il risultato fu una crescita incontrollata e la creazione di una città industriale in cui la forza lavoro viveva in condizioni spaventose.
L’esplosiva crescita urbana e industriale creò tensioni sociali e l’emergere di un movimento operaio prima della prima guerra mondiale.
Dopo la disintegrazione dell’Austria-Ungheria nell’autunno del 1918, il Consiglio nazionale, un organo rivoluzionario guidato dal conte Mihály Károlyi e sostenuto da radicali e socialisti contro la guerra, presero il potere a Budapest.
Il marzo successivo il regime di Károlyi è crollato; i comunisti presero il potere nella capitale e lo mantennero per quattro mesi controllando anche le regioni centrali del paese.
Le truppe rumene occuparono e saccheggiarono Budapest prima che il vecchio ordine sociale fosse restaurato da un esercito controrivoluzionario che marciava nella bűnös város (“città peccaminosa”) nel novembre 1919.
Dopo la firma del Trattato di Trianon nel 1920, Budapest, oggi capitale di un’Ungheria indipendente, divenne sproporzionatamente grande rispetto al resto del paese.
Le condizioni sociali sono peggiorate negli anni tra le due guerre.
Il castello di Buda, dove Miklós Horthy, reggente del paese, risiedeva dopo il 1920, ha svolto un ruolo fatale nella seconda guerra mondiale. L’Ungheria, un satellite della Germania durante la guerra, fu occupata dall’esercito tedesco nel marzo 1944.
In ottobre Horthy chiese una pace separata e rinunciò all’alleanza tedesca, ma il colpo di stato fallì.
Tra la fine di dicembre e la metà di febbraio 1945, le unità dell’esercito tedesco oppongono una feroce resistenza all’avanzata sovietica.
Nel processo, i combattimenti ridussero Castle Hill a una grande rovina tentacolare; più di un quarto degli edifici e delle fabbriche della città furono distrutti o danneggiati e tutti i ponti furono fatti saltare in aria.
Ci vollero anni perché la città si riprendesse da questa devastazione, ma, come centro di un sistema economico pianificato, Budapest riprese la sua rapida crescita negli anni del dopoguerra.
La città fu notevolmente ampliata nel 1950, quando sette città satellite e 16 villaggi alla periferia furono fuse nel suo territorio.
Questi sono stati poi suddivisi in 22 distretti amministrativi.
Uno degli eventi più importanti nella storia del dopoguerra della città fu la rivolta dell’ottobre 1956, iniziata come dimostrazione degli studenti per le strade di Budapest.
Per la prima volta, un governo comunista è stato rovesciato dal popolo.
I “13 giorni che hanno scosso il Cremlino” (23 ottobre-4 novembre) si sono conclusi in tragedia: l’esercito sovietico ha ripreso Budapest, la città ha subito nuovamente danni e il paese è stato costretto a rientrare nello stampo comunista.
Dopo sanguinose rappresaglie, la città si assunse il ruolo di fornire un modello per il socialismo “gulasch” (cioè di mercato) e di essere una vetrina per l’Occidente.
In quanto capitale di uno dei paesi più influenzati dall’Occidente del blocco sovietico, Budapest godeva di una misura di libertà di impresa e capitale di investimento dall’Occidente anche durante l’era della Guerra Fredda. Budapest divenne nuovamente il fulcro del dramma politico nazionale alla fine degli anni ’80, quando l’Ungheria guidò il movimento di riforma nel blocco sovietico che ruppe il monopolio comunista sul potere politico e inaugurò la possibilità di una politica multipartitica.
Nonostante la sua relativa prosperità e l’esperienza con le imprese private, la città non è stata immune dai turbamenti derivanti dalla transizione dell’Ungheria verso un’economia di stile più occidentale e dai cambiamenti economici e dai riallineamenti che seguirono la dissoluzione dell’Unione Sovietica e del blocco sovietico.
Durante gli anni ’90 Budapest ha subito cambiamenti drammatici quando la città è passata da una società chiusa a una società aperta.
La borsa valori di Budapest, da tempo defunta, riaprì e divenne un mercato importante nell’Europa centrale, l’architettura mozzafiato della città ei monumenti culturali ne fecero una popolare destinazione turistica e il programma di privatizzazione del governo ungherese trasferì la maggior parte delle industrie e delle imprese dal controllo statale al settore privato e attrasse significativi investimenti esteri.
Nonostante la sua lunga esperienza con il governo comunista, all’inizio del XXI secolo Budapest era emersa ancora una volta come una delle città più vivaci d’Europa.
Inoltre, un sondaggio del 2013 ampiamente citato ha rilevato che Budapest è la “città più accogliente” d’Europa.
Ulteriori informazioni su questo testo di originePer avere ulteriori informazioni sulla traduzione è necessario il testo di origine

Articoli

Giro turistico di Buda

Il secondo giorno a Budapest, la capitale dell’Ungheria, abbiamo fatto un giro sulla collina del Castello di Buda. Ci sono tante cose da visitare sulla collina dove si trova il Castello di Buda, così c’erano…

Ristoranti

l’Elisabeth Bridge ed il ristorante a Buda

Era ora di cena quando siamo scesi dal battello sul Danubio a Budapest, la capitale dell’Ungheria. Abbiamo attraversato il ponte Elisabetta verso Buda alla ricerca del ristorante Aranyszarvas elencato nella guida. Guardando la mappa, ci…

Hotel

Un bellissimo Hotel a Budapest

Abbiamo fatto un breve viaggio da Milano a Budapest, in Ungheria. Per prima cosa, parliamo del volo. Sono rimasta sorpresa quando siamo arrivati ​​al Gate dell’aereoporto. C’erano solo poche persone in attesa. Ero abbastanza sicura,…

Trasporti

Il giro in battello sul Danubio

Dopo aver preso una pausa in un bell’albergo a Budapest, in Ungheria, abbiamo preso la metropolitana per il fiume Danubio, che attraversa la città. Eravamo in difficoltà perché non riuscivamo a capire la lingua, a…