Akita, situata nel nord-ovest del Giappone vicino Aomori, è una prefettura prevalentemente rurale nota per i suoi inverni lunghi e nevosi, la razza di cani Akita (Akita inu), le sorgenti termali onsen, i deliziosi cibi locali, le belle donne (Akita-bijin) e il sakè raffinato.

La città di Akita è la capitale della prefettura e il principale punto di accesso per esplorare il resto della prefettura di Akita.

La città di Akita ha una popolazione di oltre 330.000 persone e ha una serie di luoghi interessanti tra cui alcune superbe gallerie d’arte.
Akita City è anche la sede del festival Akita Kanto Matsuri all’inizio di agosto, con banchi di lanterne portati in alto su pali di bambù.

Akita ha importanti collegamenti di trasporto con Tokyo, Kakunodate e Aomori e da qui si possono prendere treni e autobus locali verso l’entroterra di Hachimantai, Tazawa-ko, Kisataka, la penisola di Oga, Odate, Towada-ko (al confine tra Akita e Aomori prefetture) e Nyuto Onsen.

Cose da vedere e da fare a Akita.

Ci sono alcune cose interessanti da vedere e da fare a poca distanza da Akita Station.

Senshu Park è l’ex sito del castello di Kubota.

L’ampia area boschiva contiene la Porta Frontale restaurata del Castello di Kubota, la Torretta Osumiyagura con un piccolo museo relativo alla storia del Castello di Kubota all’interno, il Santuario di Iyataka, il Santuario di Hachiman Akita, la Senan Tea Ceremony House e il Satake Historical Material Museum con documenti, armi, spade, armature samurai e affascinanti vecchie mappe del periodo Edo di Akita in mostra.

Appena fuori dal viale Hirokoji Dori all’inizio del Parco Senshu, vicino al fossato del castello, si trova l’Akita Museum of Art (ex Akita Prefectural Museum of Art) con la sua collezione Hirano Masakichi e la Biblioteca Centrale Municipale.

Dall’altra parte di Hirokoji Dori si trova l’Atorion Building che contiene il Museo d’arte Akita Senshu con un allegato che espone opere di Okada Kenzo.

Akarenga Red Brick Folk Museum.
Camminando verso ovest verso il fiume Asahi e l’area di intrattenimento e di luci rosse di Kawabata si trovano numerosi musei degni di nota, tra cui il Museo popolare di mattoni rossi Akarenga, ospitato nell’ex filiale centrale della Akita Bank.

Oltre al suo interno elegante e barocco, l’edificio mette in mostra le arti e i mestieri più rappresentativi di Akita, tra cui le stampe a blocchi di legno di Katsuhira Tokushi (1907-1971) e le opere in metallo di Sekiya Shiro (1907-1994).

Camminando verso nord dal Museo Folclorico di Akarenga Red Brick si trova il Akita City Folklore and Performing Arts Centre (ufficialmente parte del Museo Akarenga) dove i visitatori possono assistere alle dimostrazioni degli incredibili equilibri del festival di Kanto Matsuri che coinvolgono lanterne di carta attaccate ai pali di bambù.

Sono inoltre esposti costumi di festival, maschere, strumenti musicali e poster dell’evento.

Numerosi altri festival unici della prefettura di Akita sono presenti al primo piano al piano superiore.

La porta accanto è l’Old Kaneko Family Home, in origine una casa di mercanti in legno del periodo Edo e un magazzino ricostruito negli anni 1880.

L’interno tatami del fronte del negozio ricrea quello che sarebbe stato un negozio tradizionale a quei tempi.

Un Kururin Pass da 500 yen consente l’accesso alla Osumiyagura Turret, al Akita City Folklore and Performing Arts Centre, al Museo Folclorico di Akarenga Red Brick, all’Old Kaneko Family Home, al Satake Historical Material Museum, al Akita Senshu Museum of Art e al Vecchio Kurosawa house.

Akita ha alcuni superbi musei e gallerie d’arte da esplorare che riflettono il ricco patrimonio artistico e culturale della regione.

L’orgoglio del luogo deve andare al Akita Museum of Art, che ha aperto nel 2012 sul sito del vecchio Akita Prefectural Museum of Art ed è stato progettato dall’architetto di fama mondiale Tadao Ando.

L’Akita Museum of Art ospita una vasta collezione di dipinti di Tsuguhara Fujita (Leonard Foujita) dalla collezione della Masakichi Hirano Art Foundation. Hirano Masakichi (1895-1989) era un collezionista d’arte e un amico di Fujita.

Foujita (1886-1968) guidò una colorata vita bohémien a Parigi prima della seconda guerra mondiale e contribuì persino a un libro della Lega delle Nazioni per la pace mondiale nel 1932, ma l’anno successivo tornò in Giappone per diventare un artista di guerra ufficiale e ardente nazionalista . Tornò in Francia dopo la guerra e si convertì al cattolicesimo.

Il pezzo forte dell’opera di Foujita in mostra è l’enorme tela degli eventi di Akita che dettaglia i festival di Akita e le stagioni che cambiano.

Il dipinto misura incredibilmente 3,65 x 20,5 m (12 x 67 piedi) – si dice che sia il più grande dipinto su tela del mondo.

Il museo ha anche molte opere di maestri europei come Goya, Rubens, Rembrandt e Picasso. Ci sono viste incantevoli dal caffè del museo al Senshu Park.

La cucina ad Akita

L’ultima visita ad Akita fu un produttore di Sake

[ May 2019 ] L’ultimo posto che abbiamo visitato durante la nostra vacanza in famiglia nella prefettura di Akita in Giappone era un produttore di sake. Si chiama Suzuki Sake Brewery e produce sakè giapponese…

Mezzi di trasporto ad Akita

Blu sorprendente sul lago Tazawa

[ Apr.2019 ] Questa volta in Giappone, siamo andati con la nostra famiglia nella prefettura di Akita. Era nel mezzo della Golden Week che quest’anno durava piu’ del solito, dieci giorni consecutivi, per questo con…