Popolazione Giappone: 126.860.00

Lingua : Giapponese

Moneta corrente : Yen

Fuso orario : 8 ore indietro, 7 con l’ora legale

Prefisso telefonico : +81

Sigla automobilistica :  J

Presa elettrica : Tipo A (JIS 8303, Classe II)

La bandiera: Un cerchio di colore rosso in campo bianco.

Ambasciata: Ambasciata italiana  2-5-4, Mita, Minato-ku, Tokyo 108-8302 Tel: 0081334535291 / 0081334535292
Voli : Milano-Tokyo, Roma-Tokyo. Volo diretto circa 12 ore.

Stagione adatta per viaggiare: da metà marzo a maggio e in ottobre e novembre

Documenti necessari : Passaporto

Aspetti sanitari: Consigliata assicurazione sanitaria

VIAGGIO IN GIAPPONE E COSE DA VEDERE

L’idea ancora abbastanza diffusa che i costi del viaggio in Giappone siano elevati è legata a un’idea formatasi prima dell’introduzione dell’euro, quando il cambio con la lira era particolarmente svantaggioso.

Oggi come oggi anche a causa delle politiche di svalutazione del governo nipponico la vacanza in Giappone non differisce molto nei costi da una vacanza in Italia.

In ogni caso si consiglia di prenotare con un certo anticipo poiché in determinati periodi dell’anno c’è molto affollamento, poiché il turismo in Giappone è ancora costituito in gran parte da clienti giapponesi, seppure il numero dei turisti stranieri sia cresciuto vertiginosamente negli ultimi anni.

Un tour del Giappone prevede tradizionalmente le tappe di Tokyo e delle importanti città d’arte vicine come Nikko o Kamakura e la zona di Kyoto, Nara e Osaka.

A queste rotte più consolidate si può aggiungere la visita a Hiroshima e, se si ha più tempo, si può scendere più a sud nella mappa del Giappone per visitare alcuni importanti centri dell’isola del Kyushu come Fukuoka e Nagasaki.

Nei viaggi individuali in Giappone cosa vedere quando si è, per esempio, a Tokyo può essere un dilemma, ma anche un’occasione per approfondire di più la conoscenza del luogo.

Tra le cose che più attraggono i giovani turisti, appassionati di anime e manga, è sicuramente il quartiere di Akihabara a Tokyo.

Anche se ora è annoverato nell’elenco delle curiosità del Giappone per i suoi maido cafe e per il suo essere una specie di paradiso degli otaku, fino a pochi anni fa era conosciuto maggiormente per la presenza dei numerosi negozi in cui si potevano trovare tutte le ultime novità dell’elettronica e della tecnologia.

Altri luoghi imperdibili a Tokyo sono Ueno, Shibuya o anche rotte meno battute come Shimokitazawa il quartiere alternativo dove, anche  se per molti la musica giapponese famosa è ancora solo quella dei cartoni animati, scoprirete un interessante panorama underground.

Per maggiori consigli su posti da visitare e cose da fare vi consigliamo di visitare la sezione delle destinazioni su questo sito.

CLIMA E PERIODO MIGLIORE PER LA VISITA

Il clima del Giappone è abbastanza vario a causa dell’estendersi dell’arcipelago in latitudine.

Mentre infatti l’isola più a nord, Hokkaido, si trova al 45° parallelo, le parte più a sud delle isole Ryukyu, quelle di cui fa parte Okinawa, si trova poco più sopra del tropico del Cancro.

Da ottobre a maggio nel Giappone centrale e meridionale il clima non differisce molto da quello italiano.

Nello Hokkaido e nel nord dello Honshu, spazzati dalle correnti siberiane, le temperature medie invernali sono sotto lo zero.

I tour operator consigliano come periodo migliore per la visita la primavera, infatti la maggior parte dei viaggi organizzati si concentra in questo periodo.

A partire dall’ultima settimana di marzo fino a metà aprile si può assistere alla fioritura dei ciliegi. Maggio per la temperatura è forse il mese ideale.

A giugno inizia il periodo della pioggia detta dei susini (tsuyu): il cielo spesso nuvoloso e la pioggia sottile accompagnano i giapponesi fino a metà luglio. A questo punto un caldo torrido li sorprende insieme al verso assordante delle cicale.

Chi sceglie di fare una vacanza in Giappone in questo periodo tenga presente che il caldo dura fino a fine agosto, per fare posto a settembre a frequenti piogge e venti causati dai tifoni.

L’autunno è ancora un periodo buono per la visita e a novembre si potranno contemplare bei paesaggi tra le rosse foglie autunnali.

GEOGRAFIA E NOME

Il Giappone è uno stato insulare formato da più di 3000 isole.

Osservando la cartina del Giappone notiamo che è costituito da 4 isole principali: lo Hokkaido, lo Honshu, lo Shikoku e il Kyushu.

La capitale del Giappone, Tokyo, e l’altro importante centro economico, Osaka, più a sud, si trovano entrambe nello Honshu.

L’arcipelago nipponico forma un arco rivolto alle coste siberiane, coreane e cinesi e delimita al suo interno il Mar del Giappone.

Il suo trovarsi a est della Cina è connesso al significato della parola “nipponico” che deriva dal giapponese Nihon, Paese del Sol Levante (cioè nella direzione da cui i cinesi vedevano sorgere il sole).

L’origine del nome Giappone deriva dalla pronuncia cinese ripen (pron. jipen), riportata per la prima volta nel Milione di Marco Polo.

LA STORIA DEL GIAPPONE

Ci sono varie teorie riguardo alle origini della popolazione giapponese.

Quello che emerge anche dagli studi più recenti è che gli attuali abitanti del Giappone sono il frutto di una commistione avvenuta nel corso dei secoli di popoli provenienti da aree diverse, principalmente dall’area siberiana e da Corea e Cina, ma si trovano molte affinità linguistiche con popolazioni austronesiane del sud est asiatico e Taiwan.

I primi giapponesi tra cui erano inclusi anche gli attuali Ainu, successivamente ritiratisi nell’isola di Hokkaido diedero vita alla cultura jomon che durò fino al 3 sec. a. C.

In questo periodo detto Yayoi un forte afflusso di popolazioni coreane che portano la conoscenza dei metalli e la coltura del riso produce un notevole cambiamento nella cultura e nella società, portando gradualmente alla costituzione di uno stato centralizzato su modello cinese, costruito attorno alla figura dell’imperatore.

Questo processo inizia nel periodo Kofun (250-538 d.C.) e si completa durante il periodo di Nara (710-794), caratterizzandosi con l’affermarsi del buddhismo e della scrittura.

Durante il periodo Heian (794-1185) una raffinata cultura di corte e una diffusione più capillare del buddhismo iniziano a delineare il profilo originale di alcuni aspetti della cultura giapponese che perdurano ancora oggi.

Durante il periodo Kamakura (1185-1333) inizia un processo di decentramento del potere centrale e il corrispondente emergere di gruppi fortemente legati alle realtà territoriali. In questo periodo e nel successivo il potere è in mano a tre attori fondamentali.

Questi sono gli aristocratici, l’emergente classe militare e i grandi templi buddhisti spesso interconnessi tra loro con una fitta rete di rapporti.

Il delicato equilibrio tra questi gruppi di potere si incrina più volte dando luogo a numerosi conflitti che determinano l’emergere di una classe militare estremamente potente i bushi.

Con la presenza massiccia di monaci guerrieri anche i grandi monasteri rappresentano una forza militare temibile.

In questo contesto l’istituzione imperiale perde gran parte del suo potere effettivo, ma conserva l’autorità legata ai suoi aspetti simbolici e religiosi.

I secoli successivi sono caratterizzati da continui conflitti tra questi gruppi di potere che hanno il culmine nel periodo sengoku o “degli stati in guerra”  alla fine del quale carismatiche figure di capi militari riescono a riunificare il paese sotto il controllo di un governo centralizzato.

E’ l’inizio dell’era Tokugawa, o di Edo (1603-1868), vecchio nome dell’attuale Tokyo.

L’era di Edo è caratterizzata da due secoli e mezzo di relativa pace, ma le ripetute crisi economiche e la pressione dell’occidente portano a un cambio di potere al vertice che segna, l’inizio dell’era Meiji (1868-1912), caratterizzato dalla corsa alla modernizzazione e dalla ricerca sistematica di costruire uno stato basato sui modelli occidentali.

Il processo di modernizzazione porta il Giappone in pochi decenni nelle condizioni di poter rivaleggiare con le potenze Occidentali, di cui continua a seguire il passo, seppur cercando una mediazione al suo interno con la cultura tradizionale.

L’espansionismo giapponese degli anni precedenti il secondo conflitto mondiale finisce per portare il Giappone allo scontro diretto con gli Stati uniti, con cui l’attacco al porto di Pearl Harbor segna l’entrata in guerra.

Il conflitto Nippo-Americano si conclude con la sconfitta del Giappone segnata dallo sganciamento delle bombe atomiche sulle città di Hiroshima e Nagasaki.

Lo sforzo della ricostruzione post-bellica culmina in un nuovo miracolo economico che porta il Giappone tra i giganti dell’economia mondiale, ponendolo all’avanguardia in diversi settori industriali e nella ricerca scientifica.

RELIGIONE IN GIAPPONE

La religione del Giappone è caratterizzata da varie fasi legate ad apporti dall’esterno che si fondono con elementi preesistenti.

Agli occhi di chi va in vacanza in Giappone questo appare un paese caratterizzato dalla presenza di due principali componenti: lo Shinto e il Buddhismo.

Troviamo infatti due tipi principali di edifici religiosi: i santuari ed i templi. I primi riconoscibili per alcuni aspetti caratteristici come il portale (torii).

I santuari, detti anche jinja, sono sedi del culto shintoista, mentre i templi, o-tera, sono le sedi del culto buddhista.

L’immagine che la maggior parte dei giapponesi hanno della loro religione corrisponde a questa divisione in due principali correnti: una autoctona più antica e l’altra, il buddhismo, importata dall’esterno.

Bisogna, però, dire che queste realtà erano fino all’inizio del periodo Meiji strettamente connesse tra loro e il panorama religioso che appariva a chi intraprendeva un viaggio in Giappone a fine ottocento era completamente diverso.

Nei luoghi di culto non vi era infatti separazione tra gli elementi buddhisti e autoctoni e molte divinità, poi classificate come shinto, nascevano proprio dall’incontro e dallo sviluppo comune delle due correnti religiose.

La separazione tra buddhismo e shinto ebbe luogo nel periodo Meiji, con un intervento dall’alto volto a creare un’immagine coerente di una religione nazionale che potesse essere più accettabile agli occhi occidentali e nello stesso tempo a consolidare il governo costruito attorno alla figura imperiale di cui vengono esaltati gli aspetti mitici e identitari (la più antica dinastia del mondo).

In ogni caso la popolazione del Giappone ha continuato nella sua maggioranza a essere fedele a entrambe le religioni.

Mentre “l’offerta del sacro” dei santuari shinto si è legata ai riti annuali legati alle fasi della vita come le feste dei bambini, i matrimoni, la vendita di amuleti, etc., l’attività delle istituzioni del buddhismo, pur non escludendo la vendita di amuleti e immagini protettive, è legata maggiormente allo svolgimento dei riti funebri e delle pratiche religiose legate al culto degli antenati.

Storicamente lo sviluppo del buddhismo vede la creazione nell’arco della storia giapponese di numerosi correnti religiose per cui è più corretto parlare di “buddhismi” che di buddhismo.

Tra questi oltre alle antiche sette di Nara occupano un posto preminente il buddhismo Shingon e Tendai, lo Zen e le scuole legate al buddhismo della Terra Pura e a quello di Nichiren.

Una corrente religiosa importante durante il periodo medievale e moderno è lo Shugendo, a cui appartengono  gli asceti di montagna detti yamabushi.

Questa corrente religiosa in cui elementi della religione autoctona e dello shinto erano strettamente legati venne abolita a fine ‘800 (nel dopoguerra è stata ricostituita, senza che però raggiungesse di nuovo l’antico splendore).

Dopo il periodo Meiji in un processo che continua tutt’oggi assistiamo al sorgere e allo svilupparsi di nuove sette sia create ex-novo, sia che sorgano all’interno di scuole più antiche del buddhismo  o dello shinto.

Una grande importanza rivestono le feste tradizionali, o matsuri, che in diversi periodi dell’anno scandiscono la vita della popolazione giapponese.

CURIOSITA’ SUL GIAPPONE

I Taxi giapponesi

I tassisti giapponesi indossano uniformi blu e guanti bianchi.

A differenza che altrove , i tassisti giapponesi non scendono ad aprirti lo sportello: usano invece una leva accanto al sedile per aprire e chiudere lo sportello posteriore della macchina (solo sul lato sinistro).

Quindi mantieniti a distanza e non toccare la portiera .

E non vi aiuteranno neanche con i bagagli.

In Giappone non si usa dare la mancia al tassista.

Bacchette e galateo a tavola

Un pasto tradizionale giapponese consiste in piccole porzioni di numerosi piatti colorati, serviti insieme su uno stesso vassoio.

I giapponesi usano le bacchette per mangiare e il cibo viene servito in pezzetti della grandezza di un boccone, in modo da essere facilmente sollevati.

Non c’è bisogno di tagliare niente: se c’è qualcosa di grosso, questo si può spezzare con le bacchette.

Si usa una mano per tenere le bacchette e l’altra per prendere ciotole e piatti per portare il cibo più vicino alla bocca, in modo che non cada.

Mai lasciare le bacchette conficcate nel riso o in altri cibi. E’ considerato un gesto molto maleducato; si lasciano le bacchette infilate nel riso solo quando lo si offre su un altare quale offerta per un defunto.

Quando non si usano, le bacchette si appoggiano su un piatto o sul portabacchette (hashioki).

Nel caso di un buffet, di solito ci sono delle bacchette sui vassoi e sulle ciotole per servirsi. Se così non fosse, si usa un’estremità delle bacchette per servirsi e l’altra estremità per mangiare.

E se amate la cucina giapponese potete trovare tanti indirizzi utili nelle nostre pagine dedicate ai ristoranti giapponesi in Italia.

Inchinarsi

I giapponesi si inchinano l’un l’altro nelle occasioni in cui li occidentali invece si stringono la mano, quando salutano qualcuno o dicono arrivederci e anche quando esprimono tratitudine o rammarico.

Quando vi inchinate, piegatevi all’altezza della vita e non cambiate l’angolo della testa: i vostri occhi devono essere rivolti leggermente in basso.

Le gambe vanno tenute dritte e i talloni uniti.

L’uomo tiene le braccia vicine al corpo e la donna tiene le mani davanti, leggermente poggiate l’una sull’altra.

La persona di rango più basso (l’età, lo stato sociale, le relazioni d’affari ecc. determinano il rango) mantiene l’inchino più basso e più a lungo della persona di rango più alto.

Quando i giapponesi parlano faccia a faccia, non tengono un contatto visivo diretto.

Lo ritengono un comportamento intimidatorio: è interpretato non come un segno di interesse e di rispetto, ma come in’indicazione di sfida da parte di chi parla.

Talvolta i giapponesi sorridono non solo quando sono felici o divertiti, ma anche quando sono tristi o imbarazzati.

Generalmente evitano di mostrare emozioni negative in pubblico perchè non vogliono fare in modo che gli altri si sentano a disagio.

Hai

Quando parli a un giapponese, probabilmente sentirai dire hai dopo ogni tua frase.

Se pensi che stia confermando tutto quello che dici perchè “hai” significa “si” probabilmente hai frainteso.

Hai in questo caso significa “ti sto ascoltando”.

Alcune persone potranno annuire o emettere suoni di approvazione invece di dire hai.

Natale e Capodanno

La maggior parte dei giapponesi non celebra il Natale.

Per loro il Natale è un giorno qualsiasi.

Celebrano invece il Capodanno e la preparazione per i festeggiamenti del nuovo anno è molto accurata.

L’intera nazione si dedica a particolari rituali quando si avvicina la fine dell’anno.

Alla vigilia di Capodanno si mangia soba (sottili tagliolini giapponesi di grano saraceno) sia con salse fredde che n brodo caldo.

Ci si aspetta che tu li ingurgiti rumorosamente.

Ci si aspetta che nell’anno nuovo tutto andrà liscio proprio come quesi tagliolini scendono attraverso la gola.

La celebrazione di Capodanno può durare da tre a sette giorni e, durante quel periodo, tutte le case vengono aperte (eccetto quelle in lutto).

I giapponesi visitano i loro superiori e quelli con cui lavoreranno nel nuovo anno, così come le loro famiglie, parenti, amici.

Mandano anche speciali cartoline di auguri per il nuovo anno, proprio come in Occidente si inviano cartoline di Natale.

A Capodanno vengono visitati i templi shintoisti per pregare le varie divinità per un prosperoso anno nuovo.

Le vacanze di Capodanno sono un bellissimo periodo per i bambini che ricevono denaro da tutti i parenti che incontrano.

Indirizzare lettere e cartoline

In Giappone sono molto diffusi gli hagaki (cartoline postali semplici).

Si scrive l’indirizzo ed il nome sia del mittente che del destinatario sul fronte della cartolina: si usano caratteri più grandi per il destinatario e più piccoli per il mittente.

Il messaggio si scrive sul retro della cartolina.

Ci sono cartoline speciali ogni anno per gli auguri di Anno Nuovo e quelli per la stagione estiva.

Per quanto riguarda le lettere, si scrivono l’indirizzo e il nome del destinatario sul fronte della busta con caratteri più grandi, l’indirizzo e il nome del mittente sul retro con caratteri più piccoli.

Gli uffici postali sono contraddistinti dal simbolo 〒

Oltre ai servizi postali svolgono anche servizi bancari ed assicurativi.

Devi rivolgerti allo sportello per francobolli, cartoline e altri servizi postali comuni.

Timbri personali

In Giappone la gente non firma con il proprio nome come in Occidente, usa invece timbri personali “hanko” che hanno esattamente lo stesso significato della firma.

Ogni volta che si deve ritirare o depositare denaro in banca è necessario usare il proprio timbro personale.