Cosa mangiare a Skopje, capitale della Macedonia

Cosa mangiare a Skopje, capitale della Macedonia

Skopje, la capitale della Macedonia, può apparire bizzarra con i suoi stili architettonici eredità del passato contrapposti a un’arte moderna frutto di una ricostruzione letteralmente “in grande”. E la commistione di stili che la caratterizza non riguarda solo l’architettura: anche la sua cucina è un pot-pourri di tradizioni differenti e almeno apparentemente lontane.

In effetti i macedoni combinano aspetti della cucina mediterranea a elementi della tradizione balcanica. Le radici del loro modo di mangiare sembrano però ben chiare, e affondano nel gusto turco ereditato dal lungo periodo di dominazione ottomana di questa regione.

Gli ingredienti sono semplici e facilmente riconoscibili anche dalle papille gustative di chi è abituato alla cucina italiana: pomodori, carote, lattuga, cipolla, aglio e prezzemolo. Non manca nemmeno la frutta fresca, soprattutto angurie, meloni, ciliegie, albicocche, pesche e uva.

Quello che potrebbe spiazzare i palati non abituati alla cucina internazionale è l’uso delle spezie e delle erbe provenienti dalle campagne e dalle regioni montane, rinomate proprio per il loro profumo e il loro sapore.

Ma cosa mangiare, in pratica, durante un soggiorno nella capitale della Macedonia? Ecco alcuni dei piatti che si possono assaggiare sui tavoli di Skopje oltre al classico kebab.

Tavche gravche

È un piatto tradizionale a base di fagioli bolliti mescolati a cipolle, peperoni, pomodoro e spezie varie.

Burek

È una torta salata di origine turca portata nella regione dei Balcani dagli Ottomani. Nella capitale della Macedonia viene farcita con carne trita stufata, formaggio o spinaci, ma non manca nemmeno la versione senza ripieno.

Simit pogacha

Il burek in un panino. O, per essere precisi, un burek senza ripieno utilizzato per farcire un panino. È considerata la vera specialità di Skopje; c’è chi consiglia di mangiarlo accompagnato dallo yogurt macedone (che non è uno yogurt da mangiare ma uno yogurt da bere).

Turli Tava

Si tratta di un’altra ricetta portata nei Balcani dagli Ottomani. I suoi ingredienti sono carne, verdure e patate insaporiti da aglio e spezie. Le prime sono piccoli pezzi di maiale, agnello e manzo mescolati insieme; come verdure vengono utilizzati invece pomodori, peperoni e cipolle.

Sarma

È un involtino di foglie di vite o di cavolo ripieno di carne macinata (manzo, vitello o maiale), cipolle e spezie varie, incluse le famose erbe locali.

Ajvar

È una salsa a base di peperone rosso, melanzane, aglio e peperoncino che viene consumata spalmata su fette di pane, all’interno di panini o anche come condimento per le insalate. È tradizione prepararla in casa all’inizio della stagione autunnale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *