Sakè in Giappone

Sakè in Giappone

Questo post è del mio amico Bangly.

[Aprile, 2013] In Italia la parola sakè indica una particolare bevanda alcolica tipica del Giappone, in realtà non è proprio così.

Infatti, in Giappone la parola “sakè” si usa per designare ogni bevanda alcolica.

Tra queste ovviamente esistono delle differenze.

Ad esempio il Nihonshū è una bevanda ottenuta dall’unione dell’alcol etilico con il liquido derivato dalla fermentazione del riso ed ha una gradazione alcolica di circa 15°.

Invece, lo Shochu è sempre una bevanda alcolica che però si ottiene tramite distillazione di riso, grani, cereali o patate ed ha una gradazione alcolica che oscilla tra i 20° e i 25°.

E’ interessante notare che, come il Nihonshū, anche lo Shochu viene bevuto durante i pasti (generalmente con ghiaccio) e non solo dopo, come la gradazione alcolica suggerirebbe.

Ambedue per un palato occidentale sono al quanto beverini e bisogna fare attenzione perché mangiando non ci si accorge di quanto si sta bevendo… Senza accorgervene potreste sentirvi decisamente brilli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati