Ho visitato da sola un villaggio nella regione della Balagne

Ho visitato da sola un villaggio nella regione della Balagne

Covid Italia

Parlero’ ancora del tour a piedi in Corsica, Francia, questa volta della regione della Balagne..

Il giorno successivo ho lasciato il gruppo e ho visitato da sola i villaggi della regione della Balagne.

All’inizio sono salita in cima alla montagna che avevamo scalato il primo giorno tutti insieme, ma il vento era troppo forte, quindi il leader del tour, John, ha cambiato programma.

Le montagne molto alte del GR20
Le montagne viste da Calvi

Ha deciso di non camminare in montagna a causa della possibilità di un incendio boschivo con forti venti e di godersi un piccolo assaggio del percorso chiamato GR20, che è una mecca per gli escursionisti.

Il GR20 è una strada di 180 km che corre lungo il crinale che collega da sud-est a nord-ovest della Corsica, e si dice che sia il percorso più difficile da conquistare anche tra le persone che amano camminare come sport.

Le montagne rocciose dell’entroterra viste da Calvi dove alloggiavamo sono alte circa 2500 metri e volevano camminare senza fine su quelle montagne.

Il campanile di Eglise St-Blaise nella regione di Balagne
Il campanile di Calenzana

Quando ho sentito la decisione di John, mi sono sentita a disagio, ma John l’ha notato e ha detto: “Penso che sia un po ‘troppo per Miranda, quindi oggi riposati a Calvi”.

Mi sentii sollevata e scesi da sola dalla montagna.

È bello al momento avere una sensazione di liberazione, ma poi non sapevo cosa fare durante la giornata.

Dopo aver letto la mia guida, pensavo di vedere più villaggi nella regione della Balagne, che non ho potuto godere abbastanza durante la passeggiata del giorno precedente, quindi ho deciso di noleggiare un taxi.

Non parlo affatto francese, quindi ho avuto difficoltà a far capire all’autista le mie intenzioni, ma alla fine sono riuscita e ho trascorso più di un’ora a visitare i tre villaggi.

Il primo paese è stato Calenzana.

Si dice che sia il paese all’ingresso del GR20, e da qui parte un altro percorso a piedi, “Mare e Monti Nord (la strada che collega il mare e le montagne settentrionali)”.

Nel villaggio c’era una chiesa chiamata Eglise St-Blaise con un campanile prominente.

Neogioz di olive a Montemaggiore nella Balagne
Montemaggiore famoso per olio di oliva

Secondo la guida, iniziarono a costruire questa chiesa nel 1691 e ci vollero 16 anni per finirla.

Volevo dare una sbirciatina all’interno ma purtroppo era chiuso.

La prossima è Zilia, una zona di produzione di acqua minerale.

Non c’era niente di particolare da vedere nel villaggio stesso e l’autista si fermò davanti a un bel panorama.

Il paese che abbiamo potuto vedere, Montemaggiore, era la nostra prossima meta.

È un villaggio con case su una collina, e credo che lo avessimo visto come una vista in lontananza durante il cammino del giorno prima.

Questo villaggio è famoso per la produzione di olio d’oliva e l’autista mi ha portato al negozio prima di entrare in questo villaggio nella Balagne.

Mi ha fatto una foto con un asino davanti al negozio.

Gli asini sembravano occupare una posizione importante nella vita di tutti i giorni su quest’isola montuosa.

Asini davanti a negozio a Montemaggiore
Gli asini sono parte della loro vita

Vorrei aver potuto parlare con questo autista locale e chiedere piu’ informazioni, ma è stato un peccato non poter capire la sua lingua.

Non era che non avesse voglia di offrire un buon servizio, ma sembrava non avere familiarità con gli stranieri.

I nomi dei paesi suonavano tutti italiani.

Dopotutto, la Corsica era stata governata da Genova per molto tempo.

Si dice che sia diventato territorio francese perché Genova ha avuto problemi con il movimento di indipendenza dell’isola nel XVIII secolo e ha chiesto sostegno alla Francia.

A proposito, è famoso il fatto che Napoleone sia nato in Corsica, anche se il suo nome non è uscito affatto durante questa vacanza.

Pesce a Calvi
Un pranzo delizioso a base di pesce

Nacque ad Ajaccio, nella parte sud-orientale dell’isola, a quanto pare poco dopo che l’isola divenne territorio francese.

Ora che il mio giro del villaggio era finito ed ero tornata a Calvi.

Ed e’ ora di pranzo.

Ero un po ‘riluttante ad andare in un ristorante da sola in un resort del genere, ma pensavo che fosse noioso mangiare panini ogni pranzo con le persone del tour, quindi questa era una buona opportunita’.

Calvi dalla spiaggia, Bologne
La spiaggia di Calvi

Sono entrata in uno dei ristoranti che si affacciano sul porto.

Ho mangiato una casseruola di pesce con birra e panna cotta per dessert.

Sì, volevo mangiare qualcosa del genere.

Dopo il pasto, ho fatto una passeggiata sulla spiaggia di Calvi e ho trascorso un momento di relax come in una vera vacanza.

[Sett. 2007]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *