Il magnifico panorama del Castello di Dunnottar

Il magnifico panorama del Castello di Dunnottar

Dopo aver pranzato in un ristorante nella campagna di Stonehaven nel sud dell’Aberdeenshire, durante la nostra escursione da Edimburgo, la capitale della Scozia, abbiamo preso un taxi per visitare il castello di Dunnottar, meta della giornata.

Cielo e mare di fronte al castello
Il Cstello di Dunnottar sul mare

Scesi dal taxi al parcheggio, ci siamo incamminati verso le rovine del castello.

Il panorama era semplicemente fantastico!

Fortunatamente, il tempo era perfetto e il terreno del promontorio verde che si allargava davanti a noi in contrasto con il cielo azzurro intenso e il mare azzurro intenso era così interessante che ho scattato molte foto.

Mio marito ha sottolineato: “È un po’ come Civita di Bagnoregio in Italia“, ed è esattamente cosi’.

L'entrata
L’entrata

C’era un ponte laggiù a Bagnoregio e potevamo salire direttamente alla cittadina, ma qui è più naturale.

Prima scendi un po’, poi sali e arrivi dove si trova il castello.

Devi avere il tuo biglietto pronto quando entri nel sito del Castello di Dunnottar.

Non vendono i biglietti sul posto.

I tipi di biglietti sono divisi in sezioni mattutine e pomeridiane e noi avevamo acquistato prima del viaggio i biglietti per l’ingresso dopo le 13:30 , li abbiamo stampati e portati con noi.

Questo fa parte delle misure Covid, quindi penso che sia una situazione temporanea.

Lo spazione all’interno del castello era più grande di quello che sembrava da lontano, e valeva la pena vederlo perché molti edifici erano ancora in piedi.

Mi chiedevo chi avesse costruito dal niente il castello in un luogo del genere, ma sembra che esistesse già una cittadella nel IX secolo.

Donald II, che si dice sia stato il primo re di Scozia, fu ucciso qui e il castello fu parzialmente distrutto e dal 14° secolo fu di proprietà della famiglia Keith, un importante clan scozzese.

Il mare di fronte al Castello di Dunnottar
Panorama dal Castello

Il clan fu promosso Conte, ma l’ultimo conte del clan, George Keith, fu condannato per tradimento nel 1715 perché era un giacobita, e il castello fu venduto a una compagnia mineraria.

Ma nella realta’ sembra che George Keith sia fuggito nel continente europeo, e dopo aver trovato un buon lavoro ha vissuto una lunga vita.

Il panorama sul mare dalle rovine del castello era meraviglioso.

C’era una parte che riproduceva gli interni di quel periodo.

Dove apparve il fantasma
E’ possibile vedere una donna in verde in questo posto

Inoltre, c’era una parte simile a una grotta dove appare il fantasma di una donna in abiti verdi che cerca i bambini perduti.

Non l’abbiamo vista, però.

C’erano molti turisti che visitavano il castello.

Ho sentito parlare spagnolo, francese, tedesco e sorprendentemente per questo periodo anche molti cinesi.

Erano tutti giovani, quindi probabilmente erano studenti che studiavano in Scozia.

In questo momento in cui le normative Covid sono ancora in vigore, dovrebbero esserci pochissimi viaggiatori dall’estero.

Tante rovine
Tante rovine del Castello

Dopo aver visitato l’interno del castello di Dunnottar, siamo andati su e giù per la terraferma e abbiamo guardato il castello da un’altra angolazione.

Anche se è una destinazione turistica così bella, non c’era un centro visitatori né souvenir e c’era solo un semplice venditore di cibo e bevande nell’angolo del parcheggio.

Inoltre c’era una sola persona a servire ed il servizio era lento creando una lunga coda.

[Giugno 2021]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *