Shopping a suk

Shopping a suk

[Dic.

2008] In Tunisia, dopo aver organizzato un tour per il giorno successivo, abbiamo fatto shopping in un suk (mercato).

Sappiamo quanto sia difficile far scendere i prezzi, ma è stato un grande divertimento.

L'atmosfera del Suk era simile a quella del Marocco, ma mi ha sorpreso il fatto che i commercianti non fossero così persistenti.

Abbiamo incontrato un uomo con un cappello di lana che ci voleva fare da guida e ci ha portato sul tetto delle case di 4 quattro mogli di un re dei tempi antichi.

Nel caffé in cui siamo andati dopo esserci stancati, c'erano solo uomini che stavano fumando il narghilè.

Le persone ci fissavano e spesso si rivolgevano a noi dicendo “Konnichiwa, Samurai o Sarabaja (arrivederci in gispponese classico)” ma non ci siamo sentiti per niente in pericolo.

Un giovae alla stazione della “metro” che in realtà era un tram, si è rivolto a noi dicendo: “Salam Alaykum” così io gli ho risposto “Alaykum Salam”.

Gradualmente la sua espressione è cambiata, da seria a sorridente, il che mi ha suscitato una forte impressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *