Una magnifica chiesa che abbiamo notato a Milano

Una magnifica chiesa che abbiamo notato a Milano

[ Mar.2019 ] L’ultimo giorno del nostro soggiorno a Milano, avevamo proprio voglia di mangiare una buona  Cotoletta alla Milanese, così siamo andati al ristorante chiamato La Pesa 1902.

cotoletta-milanese-la-pesa-1902-ristorante
Cotoletta alla milanese molto buona.

È stato un buon pasto, come al solito.

Abbiamo scelto l’antipasto di prosciutti e salami assortiti.

Nel menu abbiamo visto molti altri piatti interessanti, la prossima volta verremo a provarli.

Dopo aver mangiato, avevamo ancora un sacco di tempo prima del volo di rientro a Londra, quindi abbiamo deciso di andare nella zona dei Navigli, dove non andavamo da un po ‘di tempo.

I Navigli sono una zona piena di vita notturna sopratutto per i giovani, a dire il vero noi non l’abbiamo trovata così speciale durante il giorno.

L’unica cosa che abbiamo notato è stata una grande chiesa di bell’aspetto, ci siamo entrati.

Secondo la scheda informativa di fronte all’edificio, questa chiesa si chiama Basilica di Sant’Eustorgio e si dice che sia stata fondata nel IV secolo da S. Eustorgius, che era il vescovo di Milano.

Tuttavia, è più probabile che sia stata fondata nel VI ° secolo da Eustorgius II, che fu il suo successore.

interno-basilica-sant-eustorchio-milano
Basilica di Sant’Eustorgio

Apparentemente, è una delle chiese più antiche di Milano.

Nei primi tempi, questa chiesa aveva le reliquie dei Tre Re, fino al Barbarossa (Sacro Romano Imperatore, Federico I) poi trasferito a Colonia.

Nel 13 ° secolo, l’Ordine domenicano prese il potere e la modificò radicalmente nel 13-14esimo secolo, aggiungendo il campanile e altre cose.

Gli ultimi lavori di restauro sono stati eseguiti tra il 1953 e il 1966 e sono state ripristinate le forme originali longobardo-romaniche.

Dopo aver letto questo, siamo entrati e abbiamo scoperto che era enorme, spaziosa e buia.

In fondo, c’era una cappella che sembrava una rovina.

cappella-portinari-milano
Cappella Portinari

Nel corridoio da un lato c’era un bancone con una donna di mezza età.

Chiamò mio marito e gli disse: “La cappella alla fine di questo corridoio è la più importante: è importante come Santa Maria delle Grazie dove si trova” L’Ultima Cena “di Da Vinci. C’è anche un antico cimitero qui sotto”.

Era entusiasta, come fosse commessa.

Entrare costava € 6, e grazie del suo entusiasmo, abbiamo comprato i biglietti.

Questa è la Cappella Portinari.

tomba-san-pietro-verona
La tomba di San Pietro di Verona

Il volantino che ci ha dato afferma che la costruzione della cappella fu iniziata nel 1462 quando Pigello Portinari, un ricco banchiere che lavorava per la famiglia Medici, che si offrì di creare la tomba di San Pietro di Verona.

San Pietro di Verona era un monaco dominicano che fu martirizzato da un colpo di spada alla testa quando lavorava a Milano.

In effetti, c’era una statua di un santo fuori dalla chiesa con una spada in testa e mi chiedevo cosa fosse.

Ne è valsa veramente la pena vederla.

Era colorata e bellissima.

statua-san-pietro-verona
Statua di San Pietro da Verona

La bara di San Pietro è stata decorata magnificamente.

È apparentemente realizzato in marmo di Carrara e le colonne di sostegno sono in marmo di Verona.

Poi siamo andati nell’antico cimitero nel seminterrato.

È stato trovato durante gli scavi negli anni ’50 ed è il cimitero misto di tombe pagane, cristiane e tedesche.

Questa grande basilica fu costruita su un cimitero.

tomba-donna-100-anni-milano-sant-eustorgio
La tomba della donna di 100 anni, Varicia Asteria

Ora il cimitero è di fatto un museo, una parte di una tomba era appesa al muro.

All’interno abbiamo visto anche una pietra tombale di un esorcista, nonché quella di una donna che ha vissuto per più di 100 anni.

Con mia sorpresa, la pietra di questa donna di 100 anni mi era familiare, quindi l’ho esaminata più tardi e ho scoperto che uno dei miei “amici” del social network aveva scritto a riguardo.

Secondo lui, il suo nome è Varicia Asteria.

Sulla pietra sembra ci sia scritto “una madre e una moglie fedeli. Visse con il marito più o meno 80 anni, 6 mesi e 21 giorni “.

Interessante ed emozionante, non è vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *