La natura sull’isola dell’Asinara

La natura sull’isola dell’Asinara
Sardegna-Asinara-piante-velenose
Piante senza foglie ma velenose

Questa è la seconda parte del tour dell’isola dell’Asinara, che si trova sulla punta della parte nord-occidentale della Sardegna.

L’Asinara è una riserva naturale.

Dopo avre visitato una prigione, ci hanno parlato della natura sull’isola.

Durante il viaggio su un autobus turistico, abbiamo visto piccoli alberi rasati sembrava una scena dopo un incendio boschivo.

Sardegna-Asinara-altre-piante-velenose
Un altra pianta velenosa

Queste sono piante rare senza foglie e, poiché sono velenose, crescono senza essere mangiate dagli animali.

Ci siamo fermati a lato della strada e la guida ha parlato delle varie piante.

C’era una graziosa pianta molto spessa, ma anche questa era velenosa.

Un’altra pianta era apparentemente buona per la gola, e quando l’ho toccata e ho annusato il mio dito, aveva un odore abbastanza piacevole.

E c’era una pianta chiamata “cuscino della suocera“, ed era un cespuglio spinoso.

Gli animali selvatici più famosi che vivono sull’isola sono gli asini bianchi dell’Asinara.

Sardegna-Asinara-capra
La capra che abbiamo visto dal trenino
Sardegna-Asinara-cinghiale
Il cinghiale che non sono riuscita a fotografare bene

Sono asini albini, sopravvissuti nell’ambiente limitato dell’isola e aumentati con l’accoppiamento, ma sono fondamentalmente animali deboli, quasi senza occhi e con la pelle delicata.

Oltre a questi ci sono anche normali asini grigi.

Il nome dell’isola, Asinara, si dice provenga da Agino (asino in italiano), quindi si può dire che sia l’isola degli asini.

Inoltre vi vivono anche capre e cinghiali.

Abbiamo visto asini, capre e cinghiali lungo la strada.

asini-bianchi-asinara
Il triste asino bianco

Ciò che è particolare su quest’isola è una capra i cui artigli crescono costantemente (ho dimenticato il nome).

Per questo motivo, si spazzolano costantemente le unghie andando su e giù per le rocce.

Volevo vederne una, ma queste capre erano così timide che raramente uscivano per le strade mentre le attraversavamo.

La tappa successiva è stata Cala Reale (cala reale).

Il nome deriva dal fatto che nel XIX secolo non solo i prigionieri ma anche i re venivano e vi soggiornarono.

Abbiamo visto asini bianchi anche qui.

Sembrava che non ci vedessero bene come ci aveva detto la guida, e mi dispiaceva molto.

Sardegna-Asinara-macheroni
Semplice pasto di mezzogiorno

Nel mondo normale in cui i più forti predano i più deboli, sarebbero stati eliminati molto tempo fa.

La barca con la quale eravamo arrivati su quest’isola si era spostata in questa baia ed era ormeggiata, abbiamo pranzato a bordo.

I nostri nomi vennero controllati e fummo portati tutti al nostro posto designato.

Hanno servito un piatto di maccheroni molto semplice.

Era semplice, ma la salsa di pesce era deliziosa e mio marito ha chiesto una seconda porzione.

Tutto era incluso nel prezzo del tour.

Dopo aver mangiato, ci siamo diretti verso la collina alle spalle dell’unico paese dell’isola, Cala d’Oliva.

Sardegna-Asinara-prigione
Era una prigione “aperta”

Abbiamo visitato il luogo dove c’era una prigione aperta.

C’era l’ampio cortile e le stanze della prigione lo circondavano, il che mi ricordava in qualche modo il Sud America, in particolare la città di Villa de Leiva in Colombia.

C’era un piccolo museo dove erano esposti gli strumenti usati in passato ed anche la storia del museo.

Si dice che i prigionieri qui fossero impegnati nell’agricoltura.

C’è anche una sala medica e un barbiere.

Sardegna-Asinara-panorama
Il panorama dalla collina

Il cielo, che all’inizio del tour tendeva ad essere nuvoloso, qui si è completamente schiarito e, probabilmente per questo motivo, questa prigione sembrava luminosa e felice.

C’era anche un piccolo negozio di souvenir dove venivano collocate le opere degli artigiani locali, e c’erano anche opere di una persona che si ritirò da guardia carceraria e divenne scultore.

Anche il panorama dalla piccola collina era meravigliosa.

[Sept. 2020]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *