verso Misaki utilizzando lo sconto del Misaki Maguro Kippu

verso Misaki utilizzando lo sconto del Misaki Maguro Kippu

[ Dic.2019 ] I nostri amici che incontriamo ogni volta che torniamo in Giappone hanno scoperto un biglietto molto scontato chiamato “Misaki Maguto Kippu“, quindi abbiamo fatto un’escursione insieme usando questo biglietto.

Misaki è la città che si trovava all’estremità meridionale della penisola di Miura nella prefettura di Kanagawa, ma ora fa parte della città di Miura.

Giappone-Kanagawa-Miura-Misakiguchi-Keikyu-piattaforma-treni
Un’ora e 15 minuti di viaggio in treno

C’è ancora un porto con il nome di Misaki e lì vengono portati molti Maguro (tonno) pescati in tutto il mondo, così è diventata un’attrazione turistica del luogo mangiare Maguro.

Ci siamo incontrati alla stazione di Shinagawa a Tokyo e abbiamo acquistato questo biglietto.

Costa 3570 yen (£ 28, € 30, $ 32) a persona e include la tariffa di treno e autobus, più un coupon per un pranzo chiamato “Maguro Manpuku Ken” ed un coupon per attività ricreative chiamato “Miura Misaki Omoide Ken“, quindi penso che sia davvero un buon affare.

Innanzitutto, abbiamo preso il treno Keikyu da Shinagawa a Misakiguchi, che ha impiegato circa 1 ora e 15 minuti.

Quindi siamo andati a Jogashima in autobus.

Jogashima è un’isola sulla punta della penisola di Miura ed è collegata alla terraferma con il ponte Jogashima Ohashi.

Siamo stati molto fortunati con il tempo. Era sempre bello.

Sebbene il vento fosse forte, era così bello e caldo che non sembrava dicembre.

Giappone-Kanagawa-Miura-Jogashima-Umiu-Scogliere
Le scogliere dove vivono tantissimi uccelli

Dopo essere scesi dall’autobus sull’isola di Jogashima, ci siamo diretti in un posto chiamato “Umanose Domon” che una figlia dei nostri amici aveva già visitato e consigliato.

Sulla strada, ci siamo imbattuti in un posto con un panorama meraviglioso.

Secondo le indicazioni sul posto, si chiama “Umiu Observation Platform” e la costa sottostante si chiama “Akabane Coast“.

La scogliera che abbiamo visto da qesta postazione era larga 300 metri e alta 30 metri e poiché le persone non possono arrivarci facilmente, è l’habitat di uno stormo di cormorani.

Quei cormorani arrivano qui in inverno dalle Isole Curili a nord.

E a quanto pare le danze selvagge di ben 1000 di questi uccelli sono un’attrazione locale in questa stagione .

Era inverno, ma non abbiamo visto le loro danze, il che è stato un bene per me perché in genere gli uccelli non sono i miei preferiti.

Giappone-Kanagawa-Miura-Jogashima-Umanose-Domon-scale
Lunghe scale molto ripide

Poi sempre camminando siamo arrivati ​​a Umanose Domon.

Mentre il vento soffiava fortissimo, dovevamo scendere una ripida scala verso la riva.

L’attrazione principale qui è un’enorme roccia con un buco al centro.

Questo mi ha ricordato la roccia di Dwejra sull’isola di Gozo a Malta che perè non esiste più perchè è crollata recentemente.

Umanose Domon è una grotta marina con un’altezza di 8 metri, una larghezza di 6 metri e uno spessore di 2 metri.

Il cartello lì dice “questa bellissima forma è stata creata dall’erosione delle onde, il vento e la pioggia ed hanno impiegato molto tempo”.

Giappone-Kanagawa-Miura-Jogashima-Umanose-Domon-Mt.Fuji-oceano
Mt. Fuji e l’oceano

Secondo le informazioni online, prima che accadesse il grande terremoto di Kanto nel 1923, le persone potevano attraversare il buco con una piccola barca quando la marea era alta.

Il terreno è cresciuto fino a 1,4 metri a causa del terremoto, quindi ora è un tratto roccioso accidentato.

A proposito, sembra che la penisola di Miura stia ancora salendo di 0,3 ~ 1,0 millimetri ogni anno.

La vista da qui è meravigliosa con il Monte Fuji oltre il profondo mare blu sempre increspato.

Nelle acque poco profonde, ho potuto vedere molti piccoli pesci.

Non c’erano molte persone ed era così bello e rinfrescante.

Uno dei nostri amici stava diceva “Questo non è molto lontano da Tokyo, ma possiamo già sentirci come in un viaggio”.

Giappone-Kanagawa-Miura-Jogashima-Umanose-Domon-pesciolini
Tantissimi pesciolini

Questo era vero.

Ci siamo sentiti come se avessimo viaggiato molto lontano dalla città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *