Con il treno

Con il treno

[ Sett.2006 ] Continuo il mio racconto del nostro viaggio in India.

Il terzo giorno, ci siamo alzati molto presto e abbiamo preso un treno dalla caotica stazione di Delhi verso Amritsar al nord.

Nel vagone, i sedili erano disposti come sullo Shinkansen in Giappone, e cioe’ tre su una fila e due su un’altra separati da un corridoio centrale.

Servivano il cibo gratuitamente, quindi era la prima classe.

I vagoni normali erano senza aria condizionata e c’erano delle sbarre sulle finestre come se fossero prigioni.

Lungo il tragitto, un uomo e’ entrato nel nostro vagone e ha iniziato a lucidare il pavimento con stracci.

Aveva molte rughe, quindi doveva essere abbastanza anziano.

Ad un certo punto ha alzato lo sguardo verso di me e ha sogghignato.

Ho percepito un certo servilismo in lui e ho distolto lo sguardo.

Quando vengo in contatto con culture diverse, dopo l’eccitamento iniziale, qualche volta provo un senso di negativita’.

Quando mi trovo in quello stato, non riesco a trovare interessante nulla e mi innervosisco facilmente.

Dopo questo periodo temporaneo, generalmente ritorno in me e mi godo la differenza culturale.

Ho come la sensazione che quando ero su quel treno mi trovavo proprio in uno di questi stati negativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *