Grattacieli a Hong Kong

Grattacieli a Hong Kong

[Agosto 1998] La mia famiglia è venuta a trovarmi all’aeroporto di Narita in Giappone e sono volata a Hong Kong.

Fu l’inizio del mio grande viaggio attraverso la Cina.

Non ero da sola, ma con un compagno di viaggio.

Hong-Kong-City One-grattacieli
Il panorama dal 27° piano del City One

A quel tempo, Hong Kong era ancora una colonia britannica.

Alcune cose come le targhe automobilistiche erano simili a quelle nel Regno Unito.

A quei tempi, dei miei amici vivevano lì e siamo rimasti nel loro appartamento per un paio di giorni.

Si trovava all’interno di un complesso residenziale chiamato City One dove erano in piedi ben 52 grattacieli.

Un edificio aveva 32 piani e il loro appartamento era al 27° e c’erano 8 appartamenti su un piano.

Il mio amico mi aveva avvertito in anticipo che si tratta di un appartamento molto piccolo, ma in realtà siamo rimasti sorpresi nel vedere quanto fosse piccolo.

Ma la vista dalla finestra era fantastica ed era futuristica.

Il giorno successivo al nostro arrivo, abbiamo preso alcune disposizioni per il viaggio, come richiedere il visto cinese, quindi abbiamo preso il traghetto per l’isola di Hong Kong.

Il tempo è stato perfetto.

I colori del cielo, del mare e degli edifici erano meravigliosi.

Ma faceva caldo, non solo, ma era MOLTO umido.

Hong-Kong-Island-grattacieli-montagne
I grattacieli davanti alle montagne

L’aria era molto pesante, il che mi ricordava la Thailandia.

Sull’isola di Hong Kong abbiamo preso un autobus e un tram per arrivare a Victoria Peak.

Il tram andava su e giù sui ripidi pendii, quindi non riuscivo a trovare la posizione comoda per il mio collo.

Il panorama dall’alto era eccezionale.

Apparentemente, la vista notturna è ancora più spettacolare.

In effetti, il panorama notturno in generale era molto bella a Hong Kong.

Probabilmente a causa sopratutto dei numerosi grattacieli.

A proposito, tra i cibi mangiati a Hong Kong, il più memorabile era il piccione.

Hong-Kong-ristorante-piccione-arrosto
Il piccione arrosto con la testa

Mangiano serpenti solo in inverno, quindi invece (?) abbiamo preso il piccione.

Era la prima volta per me.

L’abbiamo mangiato in un ristorante locale vicino a City One.

A Hong Kong potevamo mangiare alcuni cibi occidentali quando ne cercavamo uno in particolare, ma la maggior parte dei ristoranti serviva cibo cinese.

Il piccione è stato arrostito compresa la sua testa, il che mi ha fatto spaventare.

Ma il gusto è stato meraviglioso, che non posso dimenticare come il suo aspetto scioccante.

I camerieri di Hong Kong lanciano piatti sui tavoli.

Hong-Kong-Mong-Kok-caratteri-cinesi
Così tanti cartelli con caratteri cinesi

Fanno un rumore orribile come se lo stessero facendo deliberatamente.

La gente del posto parlava ad alta voce, quasi ulrando, ma persino le loro voci venivano attenuate dal rumore dei piatti lanciati.

Ad Hong Kong abbiamo visitato anche altri luoghi e uno di questi era Mong Kok, vivace area commerciale nella penisola di Kowloon.

Questa era la Hong Kong vintage.

C’erano così tanti cartelli con caratteri cinesi, quasi a coprire la strada.

Abbiamo visitato il mercato degli uccelli all’interno dell’area.

Un gran numero di uccelli venivano venduti, messi in gabbia in una stradina e tutti piangevano.

Gli uccelli non sono i miei preferiti, quindi ho scattato alcune foto rapidamente e sono andata oltre.

Vendevano anche molti insetti che sembravano locuste.

Mi chiedo se fossero cibo per uccelli?

Abbiamo anche camminato nella zona chiamata “Ladies Market“, ma vendevano roba molto economica, il che non mi ha impressionato.

Ho sentito che la qualità dell’aria era pessima da quelle parti.

Mercato-hong-kong
Mercato degli uccelli di Hong Kong

Siamo anche andati al mercato all’interno di City One.

L’angolo di frutta e verdura era carino e colorato, ma quando arrivammo nell’area della carne, ero piuttosto nervosa.

Le rane non erano niente a confronto con il pollo vivo, i piccioni, i fagiani e altri che venivano spinti in alcuni piccoli cestini.

E qui, ho visto……

Il venditore prese un pollo, piegò il collo all’indietro e gli tagliò la gola con un coltello.

Lo mise in un secchio di plastica contenente acqua.

Ero scioccata naturalmente, ma se non fossi stato io ma mia sorella a vederlo, sarebbe svenuta sul posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *