Il foglietto della fortuna a Kashiwa

Il foglietto della fortuna a Kashiwa

[ Gen.2020 ] Siamo andati al tempio di Koryuzan Fusebenten Tokaiji a Kashiwa nella prefettura di Chiba per Hatsumode (una tradizione giapponese, la prima visita dell’anno in un tempio o in un santuario durante il nuovo anno) con la nostra famiglia.

Dato che mia mamma si era fatta male, su Internet abbiamo cercato un posto dove poter raggiungere direttamente il tempio in macchina ed abbiamo trovato questo posto.

Giappone-Chiba-Kashiwa-Tokaiji-tempio
La pagoda del Tempio

Ma quando siamo arrivati, abbiamo scoperto che dovevi salire le scale per attraversare il cancello del tempio.

Così mio cognato è salito al tempio ed ha chiesto come potevamo fare, per fortuna nessun problema loro ci hanno permesso di salire in auto arrivando da un altro punto.

Era già sera e il sole stava tramontando, quindi non c’era quasi nessuno.

Questo tempio è situato su una collina che si affacciava sul fiume Tone e la gente lo chiama amabilmente “Fuse no Benten-sama” (Benten-sama è una dea buddista giapponese).

Ha una lunga storia che risale al 823 d.C., ma l’attuale tempio principale dipinto di vermiglio fu completato nel 1717.

Era un magnifico tempio molto fotogenico.

Giappone-Chiba-Kashiwa-Tokaiji-tempio-Waniguchi
Waniguchi, le campana

Abbiamo pregato qui.

Uno dei processi della preghiera in un tempio è quello di suonare il Waniguchi, una specie di campana sospesa.

Usi la lunga corda per suonarla, ma hai bisogno di una certa abilità per suonarla bene, cosa che non riuscivo a fare.

Questo mi ha fatto preoccupare un po ‘a quel punto.

Quel brutto sospetto si rivelò giusto quando provammo l’Omikuji, la cartella della fortuna.

Mio marito e mia sorella hanno estratto entrambi “kyo (sfortuna)“.

Fortunatamente il mio era “daikichi (molto molto positivo) così come i nostri cognati e mia mamma capitò ” kichi (positivo) “.

Il loro modo di estrarre era insolito.

Giappone-Chiba-Kashiwa-Tokaiji-tempio-ragazze
Ragazze in kimono nel negozio del Tempio

Non ne conosco il motivo, ma la ragazza che indossa il kimono  durante il servizio ha chiesto ogni volta la nostra data di nascita e ha scosso il cilindro che conteneva i bastoncini con il numero e uno di essi usciva dal cilindro.

C’era un grande scaffale con i numeri dietro di lei e c’erano dei veri e propri bigliettini Omikuji.

Guarda il numero del bastoncino e prende lo slip dallo scaffale con lo stesso numero.

Quindi non siamo stati noi ma lei a scegliere le carte.

Inoltre, un Omikuji costava 200 yen.

Di solito sapevo costasse 100 yen.

Giappone-Chiba-Kashiwa-Tokaiji- tempio-luna
La luna sopra di noi

Sono sicura che quello nel tempio Senso-ji di Tokyo sia costato 100 yen.

A peggiorare le cose, mio ​​marito e mia sorella hanno estratto Omikuji per la seconda volta per riprovare e, ahimè, entrambi estrassero di nuovo “kyo”!

Poi mi chiesi se fosse normale avere così tanti “kyo” in un tempio, così lo cercai su Internet.

In primo luogo, Omikuji, le carte di fortuna ci sono arrivate dalla Cina.

Ricordo di aver visto molte persone estrarre Omikuji sul serio dopo un complicato processo a Taiwan.

Secondo le informazioni online per gli Omikuji dei santuari, la percentuale media è la seguente: “daikichi” 22,2%, “kyo” 11,5% e il più comune è “kichi” che è il 25,2%.

Ryogen fu il monaco buddista del X secolo che iniziò Omikuji in Giappone e la sua proporzione di Omikuji era apparentemente “daikichi” 16%, “kichi” 35% e “kyo” 29%.

È possibile che questo tempio di Tokaiji abbia copiato questa proporzione originale ed è per questo che hanno avuto così tanti “kyo”.

Per quanto riguarda il prezzo di Omikuji, è vero che la maggior parte di loro costa 100 yen ora, ma alcune costano fino a 500 yen.

Immagino che gestire il tempio sia un affare redditizio…

A proposito, il costo reale di un Omikuji, carta e manodopera e così via, è apparentemente di soli 3,5 yen.

Dopo aver estratto gli Omikuji,ormai stavano chiudendo il negozio di Omikuji.

Giappone-Chiba-Abiko-ristorante-sushi-cuochi
Il nostro ristorante di Sushi preferito

Quando alzai lo sguardo, c’era una luna adorabile.

Per cambiare il nostro umore, siamo andati in un ristorante di sushi a nastro scorrevole ad Abiko chiamato “Sushi Sei” e abbiamo mangiato molti sushi così abbiamo concluso la giornata con soddisfazione.

Sono passati un paio di mesi da allora e il Covid-19 sta imperversando in tutto il mondo ora.

Solo “kyo” sembrava essersi dimostrato giusto e mi chiedo cosa sia successo al mio “daikich”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *