Il Monastero do Jerónimos, World Heritage UNESCO a Lisbona

Il Monastero do Jerónimos, World Heritage UNESCO a Lisbona

[ Feb.2019 ] Nel nostro ultimo giorno a Lisbona, capitale del Portogallo, ci siamo diretti verso il Monastero di Jerónimos, uno dei siti Patrimonio dell’Umanità Unesco che desideravo visitare da molto tempo.

Questo monastero si trova nel distretto di Belém, a circa 6 km a ovest del centro della città.

In questo quartiere, c’è il Monumento dedicato alle scoperte, e la Torre di Belém, che è stata costruita per controllare a fini difensivi le barche sul fiume Tago.

monastero-jeronimos-lisbona-portogallo
Il Monastero di Jerónimos

Ci eravamo già stati, ma non avevamo avuto la possibilità di visitare il Monastero di Jerónimos.

È un enorme edificio bianco, difficile non vederlo.

Secondo il pieghevole che ci hanno dato, è stato costruito per ordine di Manuel I, il re portoghese, tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo.

Iniziarono la costruzione il 6 gennaio 1501.

Scelse questo luogo particolare perché in precedenza esisteva una piccola chiesa dove Vasco De Gama si era fermato a pregare con il suo equipaggio prima della partenza alla scoperta dell’India.

Lo scopo di costruire questo monastero era quello di commemorare la grande conquista pionieristica del principe Enrico, nonché di lodare la nuova linea della famiglia reale, chiamata Aviz Beja.

entrata-monastero-jeronimos-lisbona
Una delle entrate del Monastero di Jerónimos

Per questo è molto diverso dai monasteri ordinari, che sono luoghi in cui i monaci vivono lontano dal mondo.

I mausolei della famiglia reale sono molto importanti qui, e per proteggerli, il re scelse i monaci dell’Ordine di San Girolamo.

Il nome, Jerónimos, proviene da San Girolamo.

Originariamente, era stato pianificato per essere completato entro 8 anni, ma alla fine ha richiesto circa 100 anni.

La scala del monastero divenne sempre più grande in proporzione alla ricchezza del paese.

A quei tempi esisteva una tassa chiamata “Pepper Tax“, che rappresentava il 5% del profitto derivante dal commercio con paesi africani e mediorientali e che era stata utilizzata per costruire questo monastero.

Quando siamo arrivati ​, abbiamo notato due code: una era per la chiesa e l’altra era per il chiostro.

Abbiamo deciso di entrare prima nella chiesa dato che l’entrata era libera.

L’ingresso era sul lato sinistro dell’edificio, ma c’era un altro ingresso, chiamato Ingresso Sud, con splendide sculture in pietra.

Questo era un esempio dello stile costruttivo manuelino.

tomba-vasco-de-gama-lisbona-portogallo
La tomba di Vasco da Gama

In effetti, il Monastero di Jerónimos è apparentemente un capolavoro del manuelino.

Quando entrammo in chiesa, notammo due tombe.

Una di queste è la tomba di Vasco da Gama, il famoso navigatore che raggiunse l’India attraverso il Capo di Buona Speranza.

L’altra è di Luís Vaz de Camões, il poeta le cui parole sono incise sul monumento di Cabo da Roca, il punto più occidentale del continente Eurasia.

L’attuale cappella principale fu costruita nel 1572, dove sono custoditi Manuel I e sua moglie, così come suo figlio e sua moglie.

colonna-sagrestia-monastero-jeronimos-lisbona
Colonna centrale della sagrestia

Alla fine sul lato sinistro della cappella principale c’è la sagrestia e abbiamo pagato € 1,50 a persona per entrare.

L’elegante colonna centrale è la caratteristica principale della sagrestia ed è in stile rinascimentale.

C’erano immagini  della vita di San Girolamo, dipinto nel 17 ° secolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *