Profondamente immersi nella natura delle montagne dei Carpazi

Profondamente immersi nella natura delle montagne dei Carpazi

[Settembre 2018]

Il giorno successivo siamo andati da Lviv (Leopoli) nell’Ucraina occidentale nelle montagne dei Carpazi e abbiamo passato un giorno intero nella natura. 

Per fortuna il tempo era ottimo.

Quel giorno si è unita a noi anche la migliore amica di Alina, così eravamo in quattro nella macchina con Alexander, la guida del posto.

Il primo luogo che abbiamo visitato è stato la Fortezza di Tustan.

C’erano delle rocce che si stagliavano nell’aria che mi hanno ricordato Bastei in Germania, dove siamo stati alcuni anni fa.

Era stata una fortezza, costruita sfruttando queste formazioni rocciose, tra il IX e il XIV secolo.

Abbiamo visto una tabella con un disegno della fortezza come si immagina avrebbe potuto essere.

Non c’era più la  struttura in legno, ma c’erano buchi e delle fenditure, circa 4000, pare.

Alexander ha detto che ci sono in questa regione 7 posti con rocce di questo tipo.

Un tempo una strega che viveva nel villaggio decise di far sposare le sue 7 figlie con 7 bei fratelli che vivevano qui.

Invitò i fratelli e organizzò una festa.

Alla fine presentò loro le sue figlie, ma i fratelli si rifiutarono.

La strega disse: “Volete sposarvi o diventare rocce?”

Loro scelsero di divenire rocce.

Perciò ci sono 7 rocce nei paraggi.

Questa storia me ne ha ricordata un’altra ce abbiamo sentito in Scozia, dove delle ragazze diventavano montagne.

Tustan era animata con sposi che facevano foto e alunni in gita scolastica.

Mentre eravamo là Alexander ci ha detto che l’acqua della sorgente là vicino era buona per gli occhi, così ci siamo sciacquati la faccia.

Poi siamo andati a mangiare.

Abbiamo mangiato una semplice bistecca di maiale nel ristorante di un motel chiamato Svyatslav.

La cameriere era una giovane ragazza di campagna senza esperienza e non era molto attenta, ma il posto era bellissimo, con il fiume a fianco.

Dopo pranzo siamo andati con la seggiovia su una montagna alta 1241 metri chiamata Vysokyi.

La seggiovia era molto lunga e ci abbiamo messo 40 minuti.

Sembra sia lunga 2800 metri.

La vista era bella come quella delle montagne del Caucaso che avevamo visto a luglio, ma la stagione era ottima per osservare i colori autunnali che si stagliavano nel cielo azzurro.

Come a Tustan sulla montagna c’erano bancarelle che vendevano carne arrosto e alcuni facevano dei pic nic.

Alexander ci ha detto che durante la guerra le persone del posto avevano un patto con i sovietici che se li avessero pagati avrebbero ucciso i nazisti. 

Il prezzo iniziale era 15 copechi a corpo, ma dopo la battaglia i corpi erano così tanti che i russi iniziarono a contrattare.

Gli chiesero se potevano pagare 10 copechi per corpo, ma i locali risposero che davano già 10 copechi ai bielorussi e cosi’ non avrebbero guadagnato nulla.

Questa storia ci ha fatto ridere.

Alexander ci ha detto che ci sono funghi di Psilocybe in questa montagna.

L’ultimo posto dove siamo stati è stata la cascata di Kamianka.

Normalmente il volume delle acque rende questa cascata molto impressionante, ma in autunno l’acqua non era molta.

Comunque questo giorno ci è piaciuto molto.

Tra l’altro tornati a Lviv e andati in un ristorante georgiano abbiamo fumato la hookah in un caffè.

Alina dice che è stata introdotta in Ucraina dai lavoratori turchi e si è diffusa tra i giovani.

Ogni caffè in pare città ne abbia una.

Per me è stata la prima volta che la fumavo da quando l’avevo fumata in Iran tanti anni fa.

Mentre stavamo fumando è iniziato a piovere, sebbene durante il giorno era stato sempre sereno.

Alina ci ha detto che quell’area dell’Ucraina è famosa per il cattivo tempo, perciò siamo stati fortunati ad avere una splendida giornata quel giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *