Verso l’isola di Ikema

Verso l’isola di Ikema

Il quarto giorno a Miyako-jima, una delle isole della prefettura di Okinawa in Giappone, abbiamo noleggiato di nuovo un taxi e questa volta siamo andati all’Isola di Ikema, che si trova a nord di Miyako-jima.

Questo perché qualcuno aveva detto che li il mare era più bello.

giappone-Miyakojima-Hiraracho-Pyarumizu-Utaki
Pyarumizu Utaki

Prima di andare a nord, il nostro autista, il signor Nohara, ci portò a Pyarumizu-Utaki a Hirara-cho, la città principale di Miyako-jima.

Questo Utaki sembrava un normale santuario giapponese, ma è un luogo religioso unico per le persone di Okinawa.

Secondo il signor Nohara, c’è una donna divina in ogni Utaki che collega questo mondo e l’altro mondo.

Ascolta i desideri e le preghiere della gente.

Ci sono anche alcuni santuari ordinari su Miyako-jima , ma ci sono più Utaki, perche’ sono più popolari. Poi, ci siamo diretti a nord.

giappone-Miyakojima-Hiraracho-Pyarumizu Utaki-due-gatti-bianchi
Due gatti bianchi a Utaki

Il signor Nohara era molto loquace.

Era nato a Naha, la capitale della prefettura di Okinawa e aveva 70 anni.

Viveva a Miyako-jima perché era stato trasferito per lavoro e aveva raggiunto l’età della pensione qui.

Poi era tornato a Naha , ma la gente di Miyako-jima lo aveva invitato a tornare, dicendo che c’era carenza di tassisti.

Era tornato sull’isola e ha lavorato come autista per otto anni.

Adora l’Awamori, la bevanda forte locale. E la beve in un modo particolare.

Aggiunge ghiaccio e acqua e aggiunge un caffè. “Bevo 4-5 bicchieri di questo cocktail tutti i giorni“, ha detto.

Nohara è preoccupato anche per la Bubble Economy su Miyako-jima, proprio come l’altro autista che avevamo incontrato in precedenza, e ha detto che teme la scarsità d’acqua.

Abbiamo attraversato il ponte Ikema Ohashi per l’isola di Ikema.

Il ponte Ikema Ohashi è il più antico dei tre ponti che collegano Miyako-jima e le isole circostanti.

giappone-Miyakojima-Ikema-Ohashi-lungo-ponte
Ikema Ohashi Bridge

Ha aperto nel 1992 e la sua lunghezza è di 1.425 metri.

L’isola di Ikema è paludosa ed è piena di fauna selvatica.

Nohara ci ha detto “La gente di Ikema è famosa per la sua testardaggine, ha rifiutato ogni progetto che li avrebbe resi più ricchi, ad esempio, costruendo il sentiero naturale nella palude”.

Anche se è molto vicino a Miyako-jima, la lingua è leggermente diversa e l’industria principale dell’Ikema Island è la pesca del bonito.

C’è un’enorme barriera corallina, che la gente chiama “la terra fantasma”, nel mare a nord di quest’isola.

Il vero nome di questo posto è Yabiji e la gente fa snorkeling .

C’era un servizio di barche con fondo di vetro sull’isola di Ikema e pensavamo che la barca che avevamo scelto sarebbe andata a Yabiji, così ci siamo uniti a loro, ma in realtà, non è andata lì.

Invece, la barca è andata a un’altra barriera corallina vicino all’altra piccola isola, chiamata Ogami Island, che si trova a circa 4 km da Miyako-jima e non e’ collegata da un ponte.

Il barcaiolo era un uomo di mezza età piuttosto eccentrico che poteva essere uno degli isolani testardi descritti da Nohara. Abbiamo attraversato Kuroshio Current.

giappone-Miyakojima-Ikema isola-coralli
Mondo sottomarino dalla barca a vetri

Kuro significa nero in giapponese ed era davvero nero, ed era chiaramente diverso dall’altra parte del mare. Qui si pescano tonno e graticcio.

Lo scopo principale di questo tour in barca di vetro era vedere il corallo, non il pesce.

Ci sono molti tipi e forme di coralli, ma qui abbiamo visto principalmente quelli ramificati, chiamati coralli di Staghorn, e molti di loro erano blu.

Ricordo di aver visto coralli simili sull’isola di Ishigaki due anni fa.

Sfortunatamente, il tempo non era particolarmente bello durante il giorno ed il colore del mare era poco interessante, quindi quando il barcaiolo ripetuto “Sarà molto bello nuotare qui tra i coralli“, ma non mi sentivo per niente di farlo.

Mio marito, che ha qualche conoscenza del mare, ha chiesto “I coralli sono cambiati di recente?“.

L’uomo annuì gravemente e disse che sono cambiati molto negli ultimi 7 anni.

giappone-Miyakojima-Ikema-isola-marinaio-tour
Il marinaio del tour

Ci ha detto che in passato quest’area aveva più coloratissime barriere coralline e diceva “Erano come pietre preziose“.

È cambiata a causa del riscaldamento globale. Ha anche detto che in passato , c’erano molte celebrità in visita qui, tra cui l’attrice, Ruriko Asaoka che ci veniva molto spesso.

Questo tour impiegò circa un’ora perché ci volle un tempo piuttosto lungo per arrivare alla zona della barriera corallina e costava 3.000 yen (£ 21.8, € 24.7, $ 27.7) ciascuno, il che non era economico.

[ Apr.2019 ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *