Vino Retsina

Vino Retsina

[Agosto, 2013] Il nostro hotel a Santorini aveva una terrazza ad uso esclusivo, così abbiamo deciso di trascorrere una serata tranquilla sorseggiando una bottiglia di vino.

In generale Santorini è costosa, ma ci sono anche supermercati con prezzi normali.

Dato che qui si produce vino, numerose qualità erano vendute, ma dato che non ero sicura di avere un apribottiglie in camera ho scelto una bottiglia con il tappo avvitato.

Questo vino aveva un sapore molto strano.

Sembrava una medicina.

Sull’etichetta c’era scritto Retsina.

Dopo la vacanza ho cercato su internet e ho scoperto che è un tipo di vino che viene prodotto da più di 2000 anni.

Sembra che molto tempo fa la resina del pino veniva usata per sigillare i contenitori di vino e finiva anche per mischiarsi con il vino stesso dando origine a questo sapore.

Anche dopo che la resina non è stata usata più per sigillare le botti, dato che alle persone piaceva questo vino, si è iniziato a produrne uno con direttamente la resina dentro.

Forse se ne avessi bevuto un po’ di più, questo sapore avrebbe potuto conquistarmi…

Comunque, Quando sono ritornata ho realizzato che il ristorante greco dove ogni tanto andiamo a Londra si chiama “Retsina & Moussaka”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati