Ceausescu ed il parlamento di Bucarest

Ceausescu ed il parlamento di Bucarest

Si dice che questo palazzo del Parlamento a Bucarest, sia il secondo Palazzo più grande del mondo dopo il Pentagono in USA.

E’ stato costruito nel 1984 dall’allora presidente Ceausescu, ma non è stato ancora completato del tutto.

Sono entrata dentro il Palazzo 9 anni fa, quando per la prima volta ho visitato la Romania ed in particolare la sua Bucarest , e l’unica cosa che mi ricordo è che era molto grande e che la guida parlava del peso del candeliere, della grandezza del tappeto e di cose di questo tipo, ma non era molto bello.

Ora lì si trova il senato

Comunque, i nostri amici ci hanno detto che la persona che aveva realmente il potere negli anni 80’ non era Ceausescu, ma sua moglie Elena.

Questa coppia è stata uccisa di fronte alla gente nel 1989, ma si dice che questa esecuzione sia stata una farsa.

I nostri amici ci hanno detto: “Ho visto un programma in TV in cui hanno scavato le loro tombe e hanno scoperto che i corpi non c’erano loro potrebbero vivere ancora felicemente in Cina”.

La scomparsa dei corpi dalle tombe suona esattamente come Dracula, non è vero?

Nicolae Ceaușescu, (nato il 26 gennaio 1918, Scornicești, Romania – è morto il 25 dicembre 1989, vicino a Bucarest), funzionario comunista che fu leader della Romania dal 1965 fino a quando fu rovesciato e ucciso in una rivoluzione nel 1989.

Membro del movimento giovanile comunista rumeno durante i primi anni ’30, Ceaușescu fu imprigionato nel 1936 e di nuovo nel 1940 per le sue attività del Partito Comunista.

Nel 1939 sposò Elena Petrescu, un’attivista comunista. Mentre era in prigione, Ceaușescu divenne un protetto del suo compagno di cella, il leader comunista Gheorghe Gheorghiu-Dej, che sarebbe diventato l’indiscusso leader comunista della Romania a partire dal 1952.

Fuggito dalla prigione nell’agosto 1944 poco prima dell’occupazione sovietica della Romania, Ceaușescu prestò servizio come segretario dell’Unione della Gioventù Comunista (1944-1945).

Dopo la piena ascesa al potere dei comunisti in Romania nel 1947, è stato il primo ministro dell’agricoltura (1948-1950) e dal 1950 al 1954 è stato viceministro delle forze armate con il grado di maggiore generale.

Sotto Gheorghiu-Dej, Ceaușescu finì per occupare la seconda posizione più alta nella gerarchia del partito, ricoprendo incarichi importanti nel Politburo e nel Segretariato.

Con la morte di Gheorghiu-Dej nel marzo 1965, Ceaușescu è succeduto alla guida del Partito comunista rumeno come primo segretario (segretario generale dal luglio 1965); e con l’assunzione della Presidenza del Consiglio di Stato (dicembre 1967) diventa anche Capo di Stato.

Ben presto ottenne il sostegno popolare per il suo corso politico indipendente e nazionalista, che sfidò apertamente il dominio dell’Unione Sovietica sulla Romania.

Negli anni ’60 Ceaușescu pose praticamente fine alla partecipazione attiva della Romania all’alleanza militare del Patto di Varsavia e condannò l’invasione della Cecoslovacchia da parte delle forze del Patto di Varsavia (1968) e l’invasione dell’Afghanistan da parte dell’Unione Sovietica (1979). Ceaușescu è stato eletto alla carica di presidente della Romania di nuova creazione nel 1974.

Pur seguendo una politica indipendente nelle relazioni estere, Ceaușescu aderì sempre più strettamente all’ortodossia comunista dell’amministrazione centralizzata in patria.

La sua polizia segreta ha mantenuto rigidi controlli sulla libertà di parola e sui media e non ha tollerato alcun dissenso o opposizione interna.

Nella speranza di aumentare la popolazione della Romania, nel 1966 Ceaușescu ha emesso il decreto 770, una misura che ha effettivamente messo fuorilegge la contraccezione e l’aborto.

I medici hanno monitorato le donne in età fertile per assicurarsi che non stessero adottando misure per ridurre la loro fertilità, ma i tassi di mortalità materna sono saliti alle stelle mentre le donne cercavano mezzi non sicuri e fuorilegge per interrompere le loro gravidanze.

Nel tentativo di ripagare il grande debito estero che il suo governo aveva accumulato attraverso le sue imprese industriali mal gestite negli anni ’70, Ceaușescu nel 1982 ordinò l’esportazione di gran parte della produzione agricola e industriale del paese.

La conseguente estrema carenza di cibo, carburante, energia, medicinali e altri beni di prima necessità abbassò drasticamente il tenore di vita e intensificò i disordini.

Ceaușescu istituì anche un vasto culto della personalità e nominò sua moglie, Elena, e molti membri della sua famiglia allargata ad alti incarichi nel governo e nel partito.

Tra i suoi piani grandiosi e poco pratici c’era un piano per demolire migliaia di villaggi rumeni e trasferire i loro residenti nei cosiddetti centri agrotecnici.

Il regime di Ceaușescu è crollato dopo che il 17 dicembre 1989 ha ordinato alle sue forze di sicurezza di sparare sui manifestanti antigovernativi nella città di Timişoara.

Le manifestazioni si sono estese a Bucarest, e il 22 dicembre l’esercito rumeno ha disertato davanti ai manifestanti.

Lo stesso giorno Ceaușescu e sua moglie fuggirono dalla capitale in elicottero, ma furono catturati e presi in custodia dalle forze armate.

Il 25 dicembre la coppia è stata frettolosamente processata e condannata da un tribunale militare speciale con l’accusa di omicidio di massa e altri crimini.

Ceaușescu e sua moglie sono stati poi fucilati da un plotone di esecuzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *