Il Castello della Mandria era il nido d’amore del Re d’Italia

Il Castello della Mandria era il nido d’amore del Re d’Italia

[ Apr.2019 ] La persona alla biglietteria di La Venaria Reale in Piemonte, ci ha detto: “Il castello ha solo 20 stanze mentre il palazzo ne ha 52, ma nel castello ci sono mobili originali quindi vale la pena visitarlo”. Abbiamo visitato i giardini, e poi ci siamo diretti verso il castello.

Il castello dista circa 2 km dal palazzo ed abbiamo preso un autobus per arrivarci.

Ci avevano detto che è un bus navetta, quindi abbiamo immaginato che si trattasse di un autobus che corre solo tra il palazzo e il castello, ma in realtà era un autobus locale che collega Torino a La Venaria Reale.

parco-castello-della-mandria-venaria
Il parco visto dal Castello della Mandria

Il servizio non è così frequente, quindi è sempre meglio controllare l’orario in anticipo.

Perché è un autobus locale, è necessario pagare per la corsa, ma i conducenti (sia all’andata che al ritorno) non ci hanno fatto pagare, all’andata avevano finito i biglietti ed al ritorno per altri motivi.

Il castello si trova tra alcuni edifici di mattoni e si affaccia sull’enorme parco.

Questo parco chiamato La Mandria è stato creato per la famiglia reale come territorio di caccia ed apparentemente c’è un recinto di 30 km che circonda questo parco.

Ci sono cervi, volpi, ed altri animali selvatici che vivono qui.

specchio-castello-della-mandria
Uno specchio nel Castello

Il castello fu costruito nel 1859 come residenza di caccia per Vittorio Emanuele II, il primo re del Regno d’Italia.

Dopo la sua morte, il castello fu venduto ad un’altra famiglia e poi il governo locale lo comprò nel 1976 ed iniziarono i restauri.

Ora ci sono più di 100 opere d’arte, 1200 metri quadrati di decorazioni, 60 mobili, 130 metri quadrati di tessuti e 80 metri quadrati di carta da parati tutti completamente restaurati. Così la gente può vedere il gusto del re.

pavimento-castello-della-mandria
Il pavimento all’interno del Castello

Nella prima sala c’era un’armatura di un samurai giapponese.

Ogni stanza era piuttosto piccola e piena di mobili.

C’era un corridoio chiamato “corridoio degli uccelli” con molti esemplari imbalsamati, che mostravano che questo castello era stato costruito come una tenuta di caccia.

Ma a quanto pare questo castello aveva un altro utilizzo, era il nido d’amore per il re e la sua amante chiamata Rosa Vercellana.

Questa donna che è conosciuta come ” Rosina ” conobbe il futuro re quando aveva 14 anni, mentre suo padre comandava una guarnigione.

Vittorio si era già sposato a quel tempo e il re e la regina avevano 8 figli, ma amava Rosina sinceramente, così dopo la morte della regina, si sposarono.

Ma poiché fu un matrimonio “morganatico” (tra due persone di rango diverso), non fu mai riconosciuta come una regina. Dal 1860 in poi, Rosina visse in questo castello di La Mandria.

castello-della-mandria-palazzo-hotel
Lavori sospesi per la costruzione di un hotel

A proposito, gli altri edifici in mattoni vicino al castello sembravano tutti abbandonati.

Sembrava che avessero provato a convertire uno di loro in un hotel ed era vetrato, ma i lavori sembravano sospesi da molto tempo, forse hanno abbandonato il progetto.

A parte il palazzo di Venaria, tutti i lavori di restauro non sembravano ancora completati.

Aspettammo il ritorno dell’autobus su una panchina, c’erano dei glicini in fiore e c’erano molte api.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *