Il giro turistico di Alghero in Sardegna : costumi tipici, il quartiere ebraico

Il giro turistico di Alghero in Sardegna : costumi tipici, il quartiere ebraico

Continuo a parlare del nostro tour a piedi ad Alghero, la città della Sardegna.

L'Isola del Torrone
Una confezione del buonissimo Torrone

Eravamo in piazza Sventramento e abbiamo provato un pezzo de L’Isola del Torrone venduto in un angolo della piazza.

Il Torrone è il Nougat.

Non è stato usato zucchero e la dolcezza proveniva dal miele.

Era bello e morbido, anche se non lo abbiamo acquistato ma solo assaggiato

Poi abbiamo proseguito su via Gilbert Ferret e svoltato a destra in via Principe Umberto.

Alla fine di questa strada, si poteva vedere il campanile della cattedrale, Cattedrale Santa Maria.

Italia-Sardegna-Alghero-fotografia-anziana
Una fotografia di una donna anziana in costume

Abbiamo raggiunto l’ingresso del campanile e abbiamo svoltato a sinistra e quando ci siamo guardati indietro, abbiamo potuto vedere un’altra fotografia di una vecchia signora che aveva più di 100 anni.

Indossava un costume popolare verde e rosso.

Guardando questo, la nostra guida, Sabrina ha detto: “Viene dal centro della Sardegna. Il nostro costume al nord è nero”.

L’apprendista che camminava con noi ha detto “Il nostro nel sud è rosso e oro“.

Indossano questi costumi solo occasionalmente nei festival.

L’unica tradizione ancora seguita è che le vedove indossino abiti neri, dissero.

Accadde così che una di loro passasse in quel momento.

“Ma probabilmente anche questa tradizione finirà presto” ha detto Sabrina.

Dopodiché, siamo andati al mare e abbiamo camminato un po ‘sul lungomare.

Sabrina fece notare che la riva era rocciosa ed era ben difesa da una fila di archi e cannoni.

cannoni
Cannoni che puntano al mare

La piccola torre in fondo alla passeggiata era la polveriera.

Da lì siamo rientrati nell’entroterra in piazza Santa Croce.

Da queste parti era la città ebraica di Alghero.

Ora circondano la piazza gli edifici di una biblioteca e della facoltà di architettura dell’università.

Secondo Sabrina, quando la Sardegna era sotto la Spagna nel XV secolo, il re di Aragona e la regina di Castiglia si sposarono e formarono il Regno di Spagna.

Italia-Sardegna-Alghero-lungomare
Il lungomare

Ha detto “Hanno dichiarato che il Paese era cattolico, quindi le persone con altre religioni dovevano convertirsi o andarsene, anche da Alghero”.

Quella fu la fine della città ebraica, ma alcuni degli ebrei che avevano fatto fortuna qui non si convertirono né se ne andarono.

La città ebraica qui non era un ghetto, ma solo un’area in cui vivevano molti ebrei.

“Proprio come gli immigrati musulmani che ora vivono insieme in una zona della citta'”, ha detto.

Italia-Sardegna-Alghero-decorazioni
Le decorazioni fate con materiale di scarto

A proposito, vicino a questa zona in una strada con la targhetta Carrero ‘Dels Hebreus, c’erano molte decorazioni sul muro.

A quanto pare, le donne che vivono qui hanno iniziato a realizzare ornamenti utilizzando materiali di scarto.

Sabrina ci ha raccontato che questo movimento si è diffuso in altri paesi della Sardegna, ad esempio a Bosa nel sud.

Sì, ricordo che quando abbiamo visitato Bosa due anni fa, avevamo visto tanti fiori nei barattoli vuoti colorati sui muri.

[ Aug.2020 ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *