Jim Marshall, il negozio e la targa a Ealing (Londra)

Jim Marshall, il negozio e la targa a Ealing (Londra)

A causa del Covid in questi mesi, ormai da quasi un anno, esco ogni giorno al mattino presto per fare una lunga passaggiata nel mio quartiere, Ealing a Londra.

Questa volta ho deciso di cambiare direzione e camminare in una zona che conosco meno.

Mentre camminavo sul marciapiede di sinistra (arrivando da Ealing Broadway) ho notato una targa sul pavimento e con mia grande sorpresa era dedicata a Jim Marshall. Negozio di Jim Marhsall

Ho poi scoperto in internet che in quel punto aveva aperto il suo secondo negozio, sapevo che il primo negozio che apri’ Marshall era ad Ealing ma sapevo anche che era in un altra zona del nostro quartiere. Piu’ che un quartiere in Italia sarebbe una citta’ di medie dimensioni, siamo circa 400,000 abitanti.

Ho scattato un paio di foto, una alla targa ed una la piccolo negozio che adesso e’ un parrucchiere da uomo.

Nel mio passato professionale c’e’ un lungo periodo passato nel settore strumenti musicali, e molti molti anni fa’ quando vivevo ancora in Italia fui invitato da Jim Marshall nella sua villa in Inghilterra.

Una bella coincidenza, adesso vivo vicino ai suoi vecchi negozi.

Chi era Jim Marshall:

Oltre alla sua umile educazione della classe operaia, ciò che rende la storia di Jim Marshall un esempio del classico racconto “dalle stalle alle stelle” è il fatto che soffriva di ossa tubercolari da bambino – una sfortunata afflizione che ha reso le sue ossa così fragili che una semplice caduta o un forte urto provocherebbe invariabilmente una o più fratture.

Per questo motivo, il povero Jim trascorse la maggior parte dei suoi anni scolastici letteralmente avvolto in un calco di gesso. “Ero ingessato dalle caviglie alle ascelle“, ha ricordato con una smorfia. Di conseguenza, Jim non ha ricevuto alcuna istruzione formale.

Per fortuna, Jim è cresciuto dalla malattia all’età di 13 anni ed è stato in grado di condurre una vita senza cast. A causa della conseguente atrofia muscolare, iniziò a ballare il tip tap per rafforzare le gambe.

E così facendo non solo scoprì rapidamente di avere un innato senso del ritmo, ma anche di saper cantare – molto bene. E a causa di quest’ultimo, è stato rapidamente reclutato come cantante principale di un’indaffarata big band di 16 elementi.

Anche se gli piaceva cantare, a causa del suo naturale senso del ritmo Jim era attratto dalla batteria, e quando il batterista della band si arruolò per la seconda guerra mondiale, Jim prese il sopravvento e divenne rapidamente un batterista molto richiesto.

Ha anche iniziato a insegnare – molto – ed è stato bravo, molto bravo. Tanto che i suoi allievi includevano Mitch Mitchell, che ha continuato a suonare con Jimi Hendrix, e anche Micky Waller, che in seguito ha suonato sia con Little Richard che con Jeff Beck. Jim vendeva anche la batteria a molti dei suoi studenti.

All’inizio degli anni ’60, Jim aprì un negozio di batteria alla periferia di Londra, in Inghilterra, e mentre i suoi concorrenti evitavano l’allora neonata comunità rock, Jim li accettò.

Tanto che il leggendario batterista degli Who Keith Moon ha effettivamente lavorato lì come “Saturday boy”!

A causa del suo atteggiamento socievole e socievole, il negozio di Jim è diventato rapidamente un ritrovo regolare per gruppi rock e chitarristi emergenti come Pete Townshend, che lo supplicava di rifornirsi anche di chitarre, archi, plettri e amplificatori.

Così ha fatto. Jim ha anche ascoltato quello che i giovani musicisti come Pete volevano veramente sentire da un amplificatore per chitarra. Anzi, ascoltava molto attentamente.

Quando Jim ha capito il suono che i chitarristi rock desideravano e se l’è tenuto saldamente in testa, ha messo insieme una squadra di 3 persone per realizzarlo.

Ha rifiutato i loro primi cinque tentativi, e poi è arrivato il prototipo numero sei. Quel prototipo si è rivelato essere quello giusto. “Questo è il suono che ho nella testa”, proclamò Jim.

E così è nato il leggendario suono Marshall – semplicemente perché Jim era abbastanza intelligente da ascoltare, capire e poi sforzarsi non solo di soddisfare, ma anche di superare le aspettative dei chitarristi rock!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *