L’Asinara era una prigione

L’Asinara era una prigione

L’Asinara, un’isola situata all’estremità nord occidentale della Sardegna in Italia, è famosa come riserva naturale, ma ciò che è stato ancora più interessante per me e’ che era un’isola prigione.

Asinara-prigione-Fornelli
La struttura carceraria di Fornelli

C’erano 12 prigioni sull’isola.

La prima cosa che abbiamo visitato nel tour sul Trenino sono state le rovine della prigione.

Era un carcere chiamato Fornelli, che si dice fosse “il carcere più sicuro del mondo”.

L’isola divenne un’isola prigione nel 1885 e circa 500 abitanti che vi avevano vissuto fino a quel momento furono espulsi dall’isola.

Durante la prima guerra mondiale, i prigionieri di guerra austro-ungarici furono portati qui a piedi.

Inizialmente c’erano 70.000 prigionieri di guerra ma moltissimi di loro morirono lungo la strada, e 24.000 arrivarono fino a qui.

Si diceva che quando arrivarono sull’isola, avessero poco cibo e mangiassero piante tossiche che assomigliavano a cipolle, che uccisero altre 8.000 persone.

In anni più recenti Fornelli ha ospitato prigionieri politici.

Sardegna-Asinara-Fornelli-porta-blu
L’altro lato della prigione di Fornelli

Inoltre, qui sono stati imprigionati anche i boss mafiosi e membri delle “Brigate rosse” terroristi di sinistra.

Ad un certo punto, le intelligenti “Brigate rosse” fecero esplodere delle macchine da caffè e cercarono di scappare dal soffitto, ma non ci riuscirono perché anche il soffitto era doppio e impossibile da distruggere.

A quel punto hanno abbattuto i muri tra le celle per creare una grande stanza, si sono chiusi dentro e hanno combattuto contro la polizia e l’esercito, ma alla fine è stato usato molto gas lacrimogeno e la ribellione è stata repressa.

Questo è stato l’unico incidente grave e, alla fine, nessuno è scappato da questa prigione, quindi è rimasta la prigione più sicura del mondo.

Asinara-porta-arruginita
Una porta arruginita del carcere

Alla fine è stato chiuso nel 1997 a causa della crescente protesta dei residenti sulla terraferma di fronte all’isola che non gradivano la raccolta dei peggiori criminali e gli alti costi di manutenzione.

C’è una stanza con una sedia in questo edificio, e i turisti che l’hanno vista pensvano che fosse una stanza delle esecuzioni con una sedia elettrica, ma in realtà questa stanza era un barbiere.

Non abbiamo potuto entrare perché l’edificio è ormai vecchio e pericoloso, il che è stato un peccato.

Non tutte le 12 prigioni dell’isola erano così severe e alcune erano prigioni aperte per i prigionieri che lavoravano, producendo vino e formaggio o lavoravano come pastori, e c’era anche una prigione dedicata ai criminali sessuali.

Asinara-castello
Le rovine del Castello

Sembra che sia ancora così in tutto il mondo, i criminali sessuali sono spesso aggrediti da altri criminali, per questo c’era un edificio separato per proteggerli.

C’erano dei prigionieri che fuggirono da una prigione relativamente poco sorvegliata e cercarono di scappare su una piccola isola tra l’Asinara e la Sardegna, ma la marea qui intorno era così forte che furono trovati tutti morti.

A proposito, ho visto qualcosa come le rovine di un castello sulla montagna.

Questo è un castello costruito intorno al 1100 d.C., ed era una base per le guardie quando c’erano le prigioni.

[Sett. 2020]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *