Il Palazzo degli Zingari in Romania

Il Palazzo degli Zingari in Romania

[ Apr.2014 ] Quando viaggi in Romania, qualche volta incontri queste case decorate.

Sono le case degli Zingari.

Generalmente loro hanno numerosi figli, e in una casa vivono circa 20 persone.

Stando a ciò che ci hanno detto i nostri amici, il loro lavoro principale è vendere rottami o altre cose metalliche, ma anche “andare all’estero e fare soldi con furti e prostituzione per costruire questo tipo di case”.

Gli Zingari sono spesso chiamati Rom ed è anche come si definiscono loro stessi.

Niente a che vedere con Romania o Roma, e Rom sembra significh semplicemente “persone”.

Il numero di Rom in Romania si dice sia di 620000 o di 1850000, ma “loro spesso non registrano i loro figli, quindi è impossibile sapere la cifra esatta”.

Quando vanno all’estero, ottengono passaporti rumeni e si fanno chiamare Rom, che è simile a Rumeni, quindi “All’estero spesso si confondono con i Rumeni, il che è per noi fastidioso” ci hanno detto i nostri amici rumeni.

Hanno aggiunto anche che ci sono casi in cui Rumeni e zingari vivono nello stesso paese, ma non hanno nessun contatto gli uni con gli altri.

Rom, singolare Rom, chiamato anche Romany, o Gypsies (considerato peggiorativo), un gruppo etnico di persone tradizionalmente itineranti originarie dell’India settentrionale ma che vivono in tempi moderni in tutto il mondo, principalmente in Europa.

La maggior parte dei Rom parla una qualche forma di romanì, una lingua strettamente correlata alle moderne lingue indoeuropee dell’India settentrionale, nonché la lingua principale del paese in cui vivono.

È generalmente accettato che i gruppi Rom abbiano lasciato l’India in ripetute migrazioni e che fossero in Persia entro l’XI secolo, nell’Europa sud-orientale all’inizio del XIV secolo e nell’Europa occidentale entro il XV secolo.

Entro la seconda metà del XX secolo si erano diffusi in tutti i continenti abitati.

Molti Rom si riferiscono a se stessi con un nome generico, Rom (che significa “uomo” o “marito”), e a tutti i non Rom con il termine Gadje (scritto anche Gadze o Gaje; un termine con una connotazione peggiorativa che significa “bumpkin”, “Yokel” o “barbaro”).

Il gruppo è conosciuto con una varietà di nomi in tutta Europa – tra cui Zigeuner e Sinti (Germania), Gitans (Francia), Cigány (Ungheria), Gitanos o Calo (Spagna) e Ciganos (Portogallo) – Medio Oriente e Nord Africa , dove sono conosciuti con una grande varietà di nomi, soprattutto Dom.

Molti Rom considerano il nome Gypsy peggiorativo.

Altri preferiscono il proprio etnonimo e si oppongono all’essere chiamati Rom.

A causa della loro natura migratoria, della loro assenza nei rendiconti dei censimenti ufficiali e della loro classificazione popolare con altri gruppi nomadi, le stime della popolazione mondiale Rom totale variano da due milioni a cinque milioni.

Nessun quadro statistico significativo può essere ricavato dalla segnalazione sporadica in diversi paesi.

La maggior parte dei Rom era ancora in Europa all’inizio del XXI secolo, specialmente nelle terre di lingua slava dell’Europa centrale e dei Balcani.

Molti vivono in Romania, Bulgaria, Serbia, Montenegro, Macedonia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Slovenia, Repubbliche ceca e slovacca e Ungheria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *