Una grotta calcarea chiamata Grotta di Nettuno

Una grotta calcarea chiamata Grotta di Nettuno

[Maggio 2018] Il secondo giorno ad Alghero città della Sardegna secondo le previsioni del tempo sarebbe stato nuvoloso e col rischio di piogge. In ogni caso abbiamo fatto di nuovo una passeggiata al nel centro storico e nel porto.

Quando il tempo è brutto anche il colore del mare è grigio.

Questa città sembra molto interessante dal punto di vista storico, ma non ci sono né walking tour, né si vendono guide in inglese.

Ci sono tipo dei libri fotografici, però.

Al porto c’erano varie barche che conducevano a una visita alle grotte calcaree e siamo saliti su uno di questi.

Il prezzo del battello era di 15 euro r poi ci volevano 13 euro per entrare nelle grotte.

La destinazione erano le Grotte di Nettuno che si trovano alle estremità’ di Capo Caccia,  di fronte ad Alghero.  

Le grotte sono abbastanza distanti, la barca ci ha messo 45 minuti.

Arrivati vicino alla grotta ho visto una scalinata  che si inerpicava tra le rocce e la gente che scendeva da questa.        

Guardando le informazioni su internet ho visto che questa scala è chiamata “scala delle capre” ed è formata da 656 gradini.

A scendere si potrebbe anche fare, ma  a salire non credo ce l’avrei fatta.

La guida descrive la discesa delle scale come un’esperienza divertente. Ma per me e mio marito che abbiamo paura dei luoghi alti, potrebbe essere un’esperienza terribile.

le grotte sono tra le più grandi d’Italia.

Abbiamo fatto bene a venire in barca. Ogni visitatore faceva il walking tour di 30 min. entrando nelle grotte con una guida. 

La parte mostrata è un percorso di circa 580 metri, ma ci sono molte parti non aperte al pubblico.

Appena entrati subito abbiamo visto un lago formato dall’acqua del mare profondo 10 metri. c’era anche una colonna alta 18 metri.

C’è anche una stanza chiamata Grotta di Smith, dal nome dello speleologo inglese che nel 1800 esplorò completamente le grotte.

Le stalattiti presenti sono il frutto del lavoro artistico di una pioggia calcarea di 200 milioni di anni.  Un tempo che comparato col corso della vita umana la fa apparire molto breve. Questo grotte per i non specialisti come me sono tutte uguali in tutto il mondo, ma era un pezzo che non ne visitavo una e mi sono divertita.

Usciti dalla grotta il tempo era cambiato.   

Il cielo era sereno e il mare sembrava tornato a vivere, mostrando un bel colore azzurro.

Siamo tornati ad Alghero godendoci la vista della costa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *