Gilgit, la città di soli uomini

Gilgit, la città di soli uomini

Pakistan-Karakoram-Highway-Karimabad-Gilgit
Sulla strada per Gilgit

[ Sett.1996 ] Lasciammo Karimabad, “l’utopia” nel nord del Pakistan noleggiando di nuovo una jeep con l’uomo britannico con cui avevamo iniziato a viaggiare dopo aver varcato il confine e proseguimmo lungo l’autostrada del Karakoram fino a Gilgit, la capitale di questa regione.

Sulla strada, ci siamo arrivati in un punto dal quale si poteva vedere il ghiacciaio di Rakaposhi la cui altezza è di 7788 metri, nonché il bordo della scogliera con il fiume a poche centinaia di metri più in basso.

Ma ad essere sincera, poiché i miei occhi si erano abituati ai magnifici panorami di queste zone, non mi sorpresi più.

Il momento più interessante è stato quando abbiamo attraversato il fiume sul ponte sospeso in legno dopo aver attraversato uno stretto tunnel.

Pakistan-Gilgit-ponte-sospeso
Il ponte che abbiamo attraversato con la nostra Jeep

È stato più scioccante è stato dopo la traversata quando ho guardato indietro verso il ponte per scoprire che era così alto e così fragile rispetto all’attraversamento stesso.

Arrivati ​​a Gilgit, visitammo alcuni hotel e decidemmo di alloggiare al North Inn, che era abbastanza lontano dal centro città.

L’uomo britannico voleva stare più vicino al centro, quindi ci separammo.

Dopo aver riposato, andammo nel centro della città con una specie di autobus, era un mini-camion modificato e la gente lo chiamava “Suzuki” (3 rupie per tratta a persona: $ 1 = 37,53 rupie in quei giorni).

Pakistan-Gilgit-sla-te-proprietario
L’uomo nella sala da tè

Gli altri passeggeri e quelli a cui abbiamo chiesto indicazioni erano gentili, ma le persone in città erano tutti uomini un pò “grigi“.

Alcuni di loro avevano i capelli e occhi chiari, ma tutti avevano la barba che li faceva sembrare spaventosi.

Erano gentili solo quando si rivolgevano al mio compagno che era un uomo e raramente mi parlavano.

Ho iniziato a sentirmi un pò a disagio.

Era così diverso dall’adorabile Karimabad dove tutti chiamavano con un “Ciao!”.

Dopo aver sistemato un pò di cose visitammo una sala da tè che era riportata nella nostra guida.

Un vecchio era seduto e lavorava da solo, bollendo l’acqua, lavando le tazze e così via.

Pakistan-Gilgit-strada-centro
Una strada a Gilgit

Tutto era organizzato in modo che potesse preparare il te con tutto l’occorrente vicino a lui.

Sul muro c’erano foto di lui con i turisti e alcune lettere.

E mentre aspettavamo, ci mostrò le sue lettere che sembravano i suoi tesori.

Apparentemente il tè era una specie di tè verde, ma non avevo mai assaggiato niente del genere.

Il gusto era particolare e dolce e mi è piaciuto.

Grazie a questo vecchio e al tè, finalmente mi sono rilassata e ho iniziato a divertirmi anche qui.

Con questa sensazione felice, abbiamo fatto un po ‘di shopping.

Pakistan-Gilgit-capre-strada
Panorama con capre vicino alla strada

All’incrocio di Hunza, dove c’erano una manciata di negozi di souvenir, ho trovato un gilet fatto di kilim.

Sembrava abbastanza robusto e mi sarebbe piaciuto indossarlo sopra una giacca.

In realtà avrebbe potuto essere per un uomo.

Immaginavo che fosse molto costoso, ho chiesto il prezzo e ha detto che era di 500 rupie.

Oh, è così economico!” ero felice per questo motivo, ma ho dimostrato che stavo esitando, così il prezzo è sceso a 470 rupie, quindi l’ho comprato.

Il mio compagno ha acquistato un pullover in lana Hunza per 240 rupie.

Salimmo su un’altra “Suzuki“, ma anche qui ci fù un episodio che mi buttò giù di morale.

Dopo aver viaggiato per un pò, un uomo seduto di fronte a noi disse al mio compagno che era seduto alla fine del sedile di scambiare il posto con me, ed aveva un’espressione arrabbiata.

C’era un altro uomo seduto sul lato opposto al mio e apparentemente a quell’uomo non piaceva che una donna fosse seduta accanto a un uomo.

Abbiamo fatto ciò che ci ha detto senza alcuna discussione, ma mi sono sentita molto arrabbiata e disgustata.

Dopodiché, andammo al ristorante dell’hotel, ma ancora una volta tutti i clienti erano uomini e mi sentivo a disagio.

Dicono “A Roma, fai come fanno i romani” che è la verità, ma questa società mi ha fatto indignare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *