Giro turistico nella zona di Gilgit

Giro turistico nella zona di Gilgit

Pakistan-Gilgit-Kargah Buddha
Kargah Buddha

[ Sett.1996 ] Il secondo giorno a Gilgit, la città nel nord del Pakistan, abbiamo fatto colazione con alcune frittelle e abbiamo chiacchierato con il direttore del nostro hotel, il North Inn.

È stato molto gentile e intelligente e ci ha raccontato dei problemi che stava vivendo a causa della situazione attuale in quest’area: prevalgono le tangenti, quest’area non si è sviluppata bene perché non c’erano membri del Parlamento provenienti da questa zona, per i ricchi non era un problema, ma la vita della gente comune era stata dura a causa della corruzione del governo e così via.

Secondo lui, molti hotel privati ​​venivano costruiti a Karimabad, ma quest’anno il numero di turisti era inferiore agli anni precedenti.

Al momento, l’equilibrio tra domanda e offerta era quasi giusto, ma senza pianificare bene, l’equilibrio sarebbe cambiato e sarebbe stato disastroso in pochi anni, era molto preoccupato.

Essendo una donna, ero a disagio da quando eravamo arrivati ​​a Gilgit, ma parlare con lui mi faceva sentire un pò più rilassata.

Ci ha detto che Gilgit non era troppo severa riguardo alla separazione di genere rispetto a Islamabad.

La cosa era allarmante …

Ci ha consigliato di noleggiare una “Suzuki” per visitare alcune attrazioni da queste parti, così abbiamo fatto.

“Suzuki” erano i mini-camion prodotti dalla Suzuki, la casa automobilistica giapponese.

Gilgit-pakistan-bambini-parco
Bambini nel parco giochi

Questi camion venivano solitamente usati dagli agricoltori in Giappone, ma qui mettevano dei sedili passeggeri nell’area di carico e venivano usati come piccoli autobus.

Il noleggio di un “Suzuki” per circa 2 ore e mezza costa 300 rupie ($ 1 = 37,53 rupie in quei giorni).

Il primo posto in cui siamo andati è stato Kargah Buddha.

Apparentemente il Buddha fu scolpito sulla parete rocciosa nel VII secolo.

Sebbene fosse un’attrazione significativa da queste parti, non c’erano negozi di souvenir ed era bello e tranquillo.

Successivamente siamo andati in un parco lungo il fiume.

Pakistan-Gilgit-rocce-antiche-incisioni
Rocce con antiche incisioni

I bambini giocavano con le attrezzature del parco giochi e qui finalmente abbiamo visto donne che dovevano essere le loro madri.

E vicino al ponte sospeso di legno che avevamo attraversato il giorno prima in jeep, c’era un’area in cui c’erano delle rocce con intaglio in sanscrito e altre immagini incise casualmente un pò dappertutto.

Questo mi ha ricordato che Gandhara, l’antico regno era da queste parti, giusto?

Abbiamo anche visitato la tomba commemorativa di 88 cinesi morti durante la costruzione dell’autostrada Karakoram.

Ci doveva essere un custode, ma era via per fare shopping nel bazar, quindi abbiamo dovuto scavalcare il muro di cinta.

Pakistan-Gilgit-Karakoram-Highway-Chinese-tomba-cinesi
Il monumento in onore dei lavoratori cinesi

L’autostrada del Karakoram che seguivamo da quando abbiamo attraversato il confine dalla Cina faceva parte originariamente della via della seta.

Fu aperta al traffico nel 1978.

Questa strada correva ai margini di una profonda valle, emolti operai morirono cadendo dalla montagna.

Successivamente siamo andati in un posto con un bel panorama vicino al Sarena Lodge e li finiva il tour.

Ci separammo dall’autista della “Suzuki” e tornammo al nostro North Inn quando il sole stava tramontando e si stava facendo buio, il che non era tranquillizzante per me.

Per questo motivo le persone che abbiamo incontrato erano amichevoli, salutandoci con un “Ciao”, come quelle che avevamo incontrato a Karimabad.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *