Isola di Iona, l’isola spirituale

Isola di Iona, l’isola spirituale

Covid Italia

Durante il nostro giro delle isole nelle Highlands in Scozia, e dopo aver ottenuto il 120% di soddisfazione sull’isola di Staffa, abbiamo visitato l’isola di Iona.

Una casa isolata sull'isola di Iona
Una casa nel verde dell’isola di Iona

Ricordo che una mia vecchia collega trascorreva le sue vacanze qui, esprimendo la sua impressione dell’isola come “un luogo dove si lava il cuore“.

Iona è conosciuta come un’isoletta spirituale e deve esserci qualcosa per le persone sensibili.

Si dice che San Colombano, che nacque in Irlanda e diffuse il cristianesimo in Scozia, arrivò per la prima volta su quest’isola nel 563 d.C. e vi costruì un monastero.

Una antica croce Celtica sull' isola di Iona Celtic Cross on the Isle of Iona
Una croce celtica che e’ qui da centinaia di anni

Le rovine del monastero che possono essere viste dal mare sono state il fiore all’occhiello di quest’isola.

L’edificio che potevamo vedere ora era più nuovo e si diceva risalisse al XIII secolo, ma c’era la croce celtica dell’epoca di San Colombano.

Inoltre, c’è un vecchio cimitero e 48 antichi re scozzesi riposano qui.

Nella guida c’era scritto che uno di loro era Macbeth.

Non sapevo che il “Macbeth” di Shakespeare esistesse davvero.

Per fortuna il tempo si è mantenuto buono e l’azzurro del cielo, il verde dell’erba e il verde smeraldo del mare erano vividi e rinfrescanti.

Vicino alle rovine del monastero c’era un negozio specializzato nella produzione e vendita di accessori con la croce celtica come soggetto.

A quanto pare, tutte le croci d’argento erano modellate su croci vere, e la signora che le stava realizzando mi disse che quella che avevo scelto era quella “sul lato sinistro dell’ingresso dell’Abbazia“.

Il blu bellissimo del mare
Il colore del mare era bellissimo

Questo è stato un bel souvenir per ricordare quest’isola.

Poi abbiamo pranzato con hamburger in uno dei pochi ristoranti (che era piuttosto uno snack bar).

Il lento scorrere del tempo sulle remote isole di Okinawa in Giappone è chiamato “ora dell’isola“, ma forse è lo stesso per le remote isole della Scozia, ci è voluto molto tempo prima che lo servissero.

Lo mangiammo in fretta quando finalmente fu servito e tornammo al porto.

Il colore del mare in questo momento era migliore.

Era un profondo blu-verde che mi ha fatto pensare ai paesi tropicali.

Quindi l’azzurro del mare e la temperatura dell’acqua non sono collegati.

Ora che il tour dell’isola era finito, siamo tornati a Oban.

Quella sera, abbiamo cenato in un ristorante chiamato EE USK, con una deliziosa cena a base di ostriche crude e orata.

E’ vero che Oban è la capitale scozzese dei frutti di mare.

Dopo il pasto, siamo andati a vedere uno spettacolo di canti e balli consigliato dalla nostra guida turistica, Michael.

Lo show a Oban
Lo spettacolo molto divertente a Oban

Le performance sono state molto buone, il pubblico è stato coinvolto e ci siamo divertiti tutti.

E soprattutto, un ragazzino che ballava in kilt era una super star.

Ha ballato al ritmo della musica e si è persino inchinato, quindi ha ricevuto un grande applauso.

Abbiamo comprato due CD che vendevano nel locale.

La musica è anche un bel ricordo di questo viaggio.

[Ago. 2010]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *