A Tabriz ed a Maragheh

A Tabriz ed a Maragheh

[ Mag,1999 ] Il giorno in cui abbiamo incontrato la gente di Shahsavan in Iran, siamo stati a Tabriz, una città non lontana dal confine turco.

Iran-Tabriz-Blue Mosque-piastrelle-decorate
Un pilastro della Moschea Blu

Questo è un altro luogo famoso per la fabbricazione di tappeti avrei voluto visitare il loro bazar, ma poiché avevo un forte mal di testa al mattino, non ho fatto richieste particolari e ho seguito il piano originale che prevedeva una visita al Museo dell’Azerbaigian e la Moschea Blu.

Questa zona è chiamata provincia dell’Azerbaigian orientale e la maggior parte delle persone che vivono qui sono azere.

Parlano normalmente la lingua azera che è più vicina al turco piuttosto che al persiano.

Il Museo dell’Azerbaigian esponeva manufatti ritrovati da queste parti in Iran.

Dato che il mio interesse era limitato ai tappeti, non ero molto interessata e sono passata alla Moschea Blu.

Sebbene si chiamasse “blu”, a prima vista aveva un colore piuttosto terroso.

Quando ho guardato attentamente le piastrelle, che erano in parte  sui muri, ho potuto vedere che erano blu.

Questa moschea fu costruita a metà del 15 ° secolo e la ragione per cui aveva perso il colore blu era che fu gravemente danneggiata dal terremoto del 1779.

Dopo la Moschea Blu, abbiamo lasciato Tabriz e siamo passati alla nostra prossima destinazione, Maragheh che si trova a circa 130 km a sud di Tabriz.

Sia Khalil, la nostra guida che Ali, il nostro autista ci hanno detto “Non c’è niente a Maragheh. È una città noiosa“.

Comunque, quello era il nostro itinerario e dopo essere arrivati ​​in città, abbiamo pranzato in un ristorante dell’hotel.

Ancora una volta era una specie di kebab, ma alcune verdure erano avvolte dall’agnello e ben grigliate, è stato il miglior pasto fatto finora in questa vacanza.

Iran-Maragheh-giardiniere
Il giardiniere sulla destra

Il cameriere serio e tranquillo diede la ricetta a Khalil.

In questo ristorante, un gruppo di persone arrivate dopo di noi è stato servito per primo e non ne fui molto contenta, ma era perché erano membri dell’assemblea di questa provincia.

Dopo il pasto, abbiamo parlato un po ‘con loro.

Khalil gli chiese di migliorare i segnali stradali.

Uno di loro mi ha detto che era stato a Shibuya a Tokyo.

Nel pomeriggio, abbiamo visitato alcuni posti in città con un giovane dagli occhi blu.

Poiché Khalil non aveva familiarità con questa città e la lingua era diversa, avevamo bisogno di un’altra guida.

Come avevano detto Khalil e Ali, qui non c’erano attrazioni memorabili.

Iran-Maragheh-giovani-uomini
Tifosi del Maragheh

A un certo punto, un giardiniere ha regalato una rosa al mio compagno di viaggio.

Non era chiaro, se voleva darmela tramite lui essendo difficile per un uomo in Iran contattare direttamente una donna, o il mio compagno era particolarmente apprezzato dal giardiniere.

Intorno a quell’area, c’erano studenti dappertutto.

Anche ai giovani in Iran piace il calcio e hanno cercato di farci capire nel loro inglese che il Manchester United aveva vinto una partita qualche giorno prima e una volta saputo che ero giapponese, hanno ripetuto il nome “Nakata”.

Sfortunatamente non sono appassionata di calcio, quindi la nostra conversazione non si è sviluppata molto, ma questo tipo di piccola comunicazione fù più memorabile delle rovine.

Iran-Maragheh-Moschea-venerdì-tappei
Moschea del Venerdì a Maragheh con i suoi bellissimi tappeti

Successivamente siamo andati alla moschea del venerdì di questa città, che era piuttosto impressionante per i suoi deliziosi tappeti che coprivano l’enorme pavimento.

Ne avrei voluto prendere uno da portare a casa.

C’era un vecchio seduto vicino alla moschea e ha iniziato a parlarci in russo.

Apparentemente aveva studiato a San Pietroburgo quando era ancora Leningrado.

Ancora una volta, mi dispiacque che la conversazione non potesse andata oltre perché non potevo parlare abbastanza bene il russo malgrado l’abbia studiato in università.

Dopo aver lasciato Maragheh, scendemmo più a sud.

Iran-Maragheh-panorama-pecore
Un bel panorama subito fuori Maragheh

Il paesaggio era secco con alcuni spazi verdi, a volte più e talvolta meno.

Non era magnifico come il giorno prima, ma la vista dell’altopiano era comunque incantevole.

Sembrava che fossimo entrati nell’area curda e gli abiti della gente cambiarono.

Gli uomini indossavano una sciarpa che si avvolgeva intorno alla testa come turbanti e le donne indossavano il Salwar.

I pastori erano scuri a causa del sole e della polvere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *