Le grotte di calcare ed il bazaar di Hamadan

Le grotte di calcare ed il bazaar di Hamadan

[ Mag. 1999 ] Sulla strada per Hamadan in Iran, ci siamo fermati per pranzo nella città chiamata Bijar.

Bijar è un altro luogo famoso per la tessitura di tappeti.

Iran-Hamadan-Alisadr-Cave-pedalo
Girare nella grotta in padalò

Per me, il nome della città era così familiare eppure sentivo come se fosse un posto immaginario, quindi ero molto emozionata per il solo fatto di essere qui.

In realtà, come città non era speciale, per questo le altre persone non potevano capire la mia eccitazione, però.

Ad Hamadan abbiamo visitato una grotta calcarea chiamata Alisadr che si trovava fuori città.

Apparentemente è la più grande grotta d’acqua del mondo.

C’erano alcuni laghi all’interno della grotta ed erano collegati dai fiumi, quindi la gente la visitava su un pedalò.

Iran-Hamadan-Alisadr-caffe-grotta
Ali nel Caffè nella grotta

Il nostro autista, Ali era seduto sul sedile di guida del pedalò e muoveva ritmicamente il suo corpo verso la pagaia, il che era piuttosto comico.

Come molte altre grotte calcaree in tutto il mondo, durante il tour ci sono state segnalate alcune rocce simili agli animali.

Eravamo con due olandesi in questo tour, che gestivano una propria agenzia di viaggi ed erano qui in Iran per le loro ricerche.

Erano arrivati ​​nel paese solo pochi giorni prima, e non avevano ancora deciso di aggiungere l’Iran ai loro programmi, ma fino a quel momento avevano detto che avevano un buon feeling.

Ma allo stesso tempo, hanno detto che per eliminare la brutta opinione della popolazione occidentale sull’Iran, ci sarebbero voluti 2 ~ 3 anni.

C’era un caffè all’interno della grotta e ci siamo riposati un pò.

Era bello, l’atmosfera era interessante e mi è piaciuto molto.

Il nostro hotel ad Hamadan si chiamava Baba Taher Hotel.

Iran-Hamadan-Baba-Taher-Hotel
L’interno del Baba Taher Hotel

Baba Tahel è il nome di un poeta locale.

L’interno dell’hotel aveva molti specchi e colori argento che gli iraniani adoravano, come avevamo già appreso nel museo di Teheran.

Questo era un hotel a 4 stelle e tra gli hotel in cui siamo stati in questa vacanza, è stato uno dei migliori.

Mentre eravamo ad Hamadan, abbiamo avuto la possibilità di visitare il loro bazar.

Il tappeto che avevo comprato a Londra per la prima volta era stato realizzato ad Hamadan, quindi mi aspettavo di vedere molti tappeti nel bazar, ma non ne ho visto nessuno.

Che delusione!

Il bazar non sembrava affatto per i turisti, ma in un negozio un commesso parlava giapponese.

In un altro posto, un uomo che aveva vissuto a Omiya in Giappone ha iniziato a parlarmi.

Iran-Hamadan-bazaar-bambini
Bambini nel bazaar

All’inizio di questa vacanza, avevo incontrato anche un uomo che parlava fluentemente il giapponese ad Astara.

Ciò significa che un gran numero di iraniani erano stati in Giappone, il che è stata una sorpresa.

In questo bazar, ho cercato un cambio della mia sciarpa, ma tutti quelle che ho visto non erano di mio gusto.

Alla fine ho trovato un panno che era carino, ma era uno straccio per pulire chiamato Longheh (o una pronuncia simile).

Era adorabile con un motivo a quadri rossi, ma la nostra guida Khalil mi ha implorato di non indossarlo in testa, quindi ho rinunciato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *