Una visita alle tende del popolo Qashqai

Una visita alle tende del popolo Qashqai

[ Giu.1999 ] L’ultimo posto che abbiamo visitato a Isfahan, la vecchia capitale dell’Iran, è stato il Palazzo Chehel Sotoon.

Iran-Isfahan-Chehel-Sotoon-Palace
Il soffitto del palazzo Chehel Sotoon

Questo palazzo fu costruito da Abbas II, pronipote di Abbas il Grande e completato nel 1643.

L’edificio del palazzo si trovava alla fine di un laghetto rettangolare e il riflesso sull’acqua, quella era la cosa speciale.

Anche l’interno era stupendo.

Quasi dimenticavo, ma prima di lasciare Isfahan ho comprato una piccola miniatura in legno.

Ad essere onesti, non ero particolarmente interessato, ma mi hanno convinto dicendo che i dipinti in miniatura erano una importante arte tradizionale in Iran.

Quindi, dopo aver fatto il pieno di nuove esperienze, abbiamo lasciato Isfahan e ci siamo diretti a sud verso una piccola città chiamata Semirom.

Iran-Semirom-Qashqai-popolo-tenda
Incontro in una tenda Qashqai

Intorno a Semirom vivevano i nomadi chiamati Qashqai.

Qui abbiamo visitato una tenda.

Ci hanno servito tè e pane e abbiamo scattato alcune foto.

Ma la famiglia che ci viveva diceva che questo era l’ultimo anno per loro a condurre una vita nomade e per questo non erano molto allegri.

Non conosco le statistiche, ma il numero di nomadi continua a diminuire.

Dopodiché, siamo andati nella città di Semirom e abbiamo pranzato.

Lì abbiamo appreso che le famiglie Qashqai si stavano radunando intorno alla diga di Hanna, così ci siamo andati.

E abbiamo visitato un paio di tende anche lì.

Iran-Semirom-Hanna-diga
L’acqua blu della Diga

Nella prima tenda c’erano solo donne, quindi solo io potevo entrare.

E anche nella seconda c’erano principalmente donne, ma c’era anche un adolescente, così abbiamo potuto entrare tutti insieme.

Quindi sembrava che se c’era un maschio anche se era un bambino, gli estranei maschi potevano visitarli.

Un’usanza interessante, no?

Mi chiedo se il caso opposto sia lo stesso.

Se ci fossero solo uomini nella tenda, potrei visitarla?

Non ho avuto alcuna possibilità di sperimentarlo.

Poi hanno servito il tè anche per noi.

Iran-Semirom-tenda-Qashqai
I tappeti all’interno della tenda

Penso che i Qashqai siano i nomadi più conosciuti in Iran.

Tessono tappeti chiamati Gabbeh, molto diversi dagli altri.

Di solito i loro motivi sono semplici con colori vivaci.

C’era anche un film chiamato “Gabbeh”, che descriveva la vita delle persone di Qashqai con delle bellissime immagini colorate.

Guardando le fotografie, avevo pensato che la loro tenda fosse grezza e non raffinata e il loro livello culturale fosse basso, ma mi sbagliavo.

La tenda era realizzata con un panno di pelo di capra e abilmente costruita con perni di legno.

Avevano recinzioni e tappeti per terra ed era bello e pulito.

Sembrava che fossero i nomadi più avanzati in Iran.

Iran-Semirom-Qashqai-donna-tessitura
Una donna Qashqai che tesse la lana

I tappeti delle tende che abbiamo visitato non erano come i Gabbeh che conoscevo, però.

Le donne qui filavano la lana come quelle di Bakhtiaris che avevamo incontrato pochi giorni prima.

Abbiamo dato loro del sapone dall’Inghilterra per ringraziarli, poi ci hanno dato tante palline di yogurt con cui fare la zuppa.

Di fatto, a pensarci bene, siamo stati piuttosto invadenti a visitare quelle famiglie senza alcun appuntamento.

Immagina che alcuni turisti stranieri bussino alla nostra porta senza preavviso dicendo che vogliono vedere come viviamo.

Mi sentirei insicura e non aprirei la porta.

Tuttavia, tutte quelle persone nomadi che abbiamo incontrato erano gentili e molto amichevoli.

Il giorno dopo, ci siamo trasferiti a sud, nella città chiamata Yasuj, per restarci una notte.

A tavola, ho appreso che molti iraniani bevevano alcolici a casa, anche se era proibito.

Dopo aver bevuto, escono nei parchi per vagabondare.

Mi l’ha detto il mio amico che era stato in Iran appena prima di me come backpacker.

Mi ha detto che una famiglia iraniana ha invitato lei e la sua amica e li ha trattati con una bevanda alcolica fatta in casa che era molto molto forte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *