Fare amicizia con la gente Shahsavan nel nord dell’Iran

Fare amicizia con la gente Shahsavan nel nord dell’Iran

[ Mag. 1999 ] Abbiamo lasciato Ardabil in Iran e siamo andati verso il Monte Sabalan la cui altezza è superiore a 4800 metri.

Gli altopiani ai piedi di questa montagna erano la zona in cui vivevano i nomadi Shahasavan.

Iran-Monte Sabalan-cane-montagna
Panorama del Monte Sabalan

Adoro i tappeti tessuti da loro e ho sempre desiderato vedere che tipo di persone fossero.

Lungo la strada, abbiamo cambiato il nostro veicolo dall’auto ordinaria con cui avevamo viaggiato a una jeep malconcia guidata da un uomo chiamato Naser.

E ci siamo diretti verso Ghotorsorei, una base per le persone che scalano la montagna.

Quest’uomo, Naser aveva un bel sorriso ed era un uomo amichevole, sebbene avesse un forte odore di sudore secco.

Presto apparve di fronte a noi il magnifico panorama dell’altopiano, che avevo visto in tante fotografie.

Ed eccoli, il popolo Shahsavan.

Come avevo visto nelle foto, vivevano in una tenda a forma di emisfero con pecore, mucche e galline.

Ne abbiamo visitato una.

Una donna di mezza età mi si avvicinò con un ampio sorriso e mi strinse la mano, il che mi rese molto felice.

Iranvicino--MonteSabalan-Shahsavan-gente
Una famiglia Shahsavan

Entrando nella loro tenda, ho scoperto che il loro tessuto tridimensionale chiamato Mafrash era fatto di tessuto annodato piuttosto che di kilim a trama piatta (so che è un po ‘maniacale, ma mi interessava di più questo Mafrash).

Ci hanno mostrato il vitello appena nato, era nato solo un’ora prima.

Poi siamo andati avanti e prima di arrivare a Ghotorsoei, abbiamo visto il panorama con questo tipo di tende sparse nel verde con lo sfondo dell’innevato Monte Sabalan. Ero emozionata.

Lo stesso Ghotorsoei era una città malandata che sembrava un luogo abbandonato con magazzini abbandonati, ma avevano un bar e un negozio di kebab.

E quello che non sapevo era che questa era una regione termale calda.

Poco dopo che siamo scesi dalla jeep, mi è stato chiesto se volevo fare un bagno perché era il momento delle donne.

Senza esitazione, ho iniziato a camminare verso il bagno, che si è rivelato essere qualcosa come una piscina circondata da tende in modo che la gente non potesse sbirciare.

Alcune donne e bambini nudi erano nell’acqua della piscina.

Iran-vicino-Monte-Sabalan-mucche
Un vitello appena nato

Così ho iniziato a togliermi i vestiti.

E proprio in quel momento, una di loro è uscita dall’acqua e ho scoperto che indossava i pantaloni.

Poiché non mi aspettavo questo evento, non avevo pantaloni di riserva, così sono appena entrata in acqua con i pantaloni che avevo addosso.

L’acqua del bagno era perfetta.

E ovviamente ero al centro dell’attenzione.

Una delle giovani donne con un seno notevole mi venne incontro allegramente e cominciò a parlarmi.

È stato davvero frustrante non riuscire a capire la loro lingua.

Iran-Ghotorsoei-cafe-tappeti
Una Cafè a Ghotorsoei

Anche così, sembrava che capisse che ero giapponese.

Inoltre, ho capito che aveva alcune figlie e veniva a Ghotorsoei solo per fare un bagno e abitava di solito in una tenda.

Si capiva che era orgogliosa di avere già alcuni figli.

Aveva una faccia piccola e corti capelli castani.

Ho avuto l’impressione che fosse una donna insolitamente estroversa all’interno della famiglia.

Iran-Ghotorsoei-bambini
Due bei bambini a Ghotorsoei

Durò poco tempo, ma ero molto soddisfatta di avere intrappreso una relazione stretta con la gente di Shahsavan (esiste un’espressione in giapponese, Hadaka no Tsukiai, che significa letteralmente relazione nuda, ma il vero significato è “relazione stretta”).

Indossare i pantaloni bagnati era orribile, però.

Dopo il bagno, abbiamo pranzato in un bar.

Servivano molti kebab, che avevano un odore selvaggio e fresco.

In realtà non erano male con un gusto salato.

Dopo pranzo, il bagno era aperto per gli uomini, quindi il mio compagno di viaggio e Ali, l’autista decisero di fare un bagno anche loro.

Khalil, la nostra guida era troppo snob per quello, probabilmente era preoccupato di prendere qualche malattia.

Mentre passeggiavo per Ghotorsoei, alcuni bambini amichevoli mi sorridevano e mi sentivo di nuovo frustrata perché potevo solo ricambiare il sorriso.

Il tempo sulla montagna era variabile e, a causa delle raffiche di vento occasionali, si sollevavano nuvole di polvere si sollevava ed ogni tanto pioveva anche un pò.

Alla fine quando lasciammo il posto e ci separammo con Naser, l’autista sudato della jeep, dopo aver stretto le mani, il mio compagno fu baciato da lui tre volte sulle guance.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *