Le rovine dell’Impero Sasanian vicino a Takab

Le rovine dell’Impero Sasanian vicino a Takab

[ Mag 1999 ] Siamo stati una notte in una città chiamata Takab nella provincia dell’Azerbaigian occidentale nel nord ovest dell’Iran.

Iran-Takab-hotel-tappeti
La lobby dell’Hotel con i suoi tappeti

Si trova a circa 250 km a nord ovest di Hamadan, la città più grande in questa zona.

Sulla strada il nostro autista Ali ha fermato la macchina più volte e ha chiesto la strada ai passanti, chiamando “Agah, Takab?“.

Questa “Agah” era caratteristica.

Il suono di “ga” era una nota più alta e il suono persistente di “ah” era ondulato.

Suppongo significhi “Mi scusi!”, Ma a quanto pare la parola significa “signore” in inglese.

L‘hotel in cui abbiamo alloggiato a Takab aveva alcuni tappeti incantevoli e volevo chiedere dove potevo trovarli e quanto costavano, anche se non ero abbastanza coraggiosa da chiederlo.

A Takab andammo a vedere Takht-e Soleyman, le rovine dell’Impero sasaniano (226-651 d.C.).

L’Impero sasaniano mi era familiare e mi ricordavo di averlo imparato a scuola e la sua religione era lo zoroastrismo.

Quindi questo posto era famoso anche come rovine dello zoroastrismo.

Apparentemente Takht-e Soleyman significa “il trono del re Salomone” e questo perché esiste una leggenda secondo cui il re Salomone imprigionò un mostro all’interno del lago del cratere che è al centro delle rovine.

Per me la cosa più impressionante è stata l’archeologo che ci ha guidato.

Iran-Takab-Takht-Soleyman-lago
Il cratere ed il lago

Ha detto che aveva lavorato su questo sito per 4 anni.

Il suo modo di parlare era carino, tranquillo ed elegante.

Il suo viso mi ricordava un attore che aveva interpretato il ruolo del capitano nel vecchio film tedesco “La barca” e i suoi occhi erano di un blu trasparente.

Poiché altre parti del suo viso erano così scure, compresa la barba, gli occhi blu erano eccezionali.

L’unico difetto era che aveva perso parecchi denti.

C’era un altro uomo che sembrava il capo di questo sito e anche questo vecchio aveva una faccia straordinaria.

Iran-Takab-Takht -Soleyman-auto-collina
Vicino alle rovine con la nostra Kia

Le sue rughe erano molto profonde e la sua pelle era motlo ruvida.

Anche se faceva molto caldo, indossava un maglione lavorato a maglia, un cappello lavorato a maglia e Salwar.

Mi dispiace di non aver scattato foto a queste persone interessanti.

Avrei dovuto essere un po ‘più sfacciata.

Anche lo scenario intorno alle rovine era incantevole.

Le normali case residenziali erano fatte di fango e sembravano già in rovina.

C’erano donne con vestiti colorati che lavoravano intorno a quelle case, il che era pittoresco.

A Takab andammo a comprare della lana.

Quei gomitoli di lana servivano per tessere tappeti, ma pensavo di poterli usare anche per lavorare a maglia.

In effetti ho scoperto che le persone in questa città erano generalmente molto gentili.

Iran-Takab-negozio-lana
Gestori del negozio di lana

Se avessi avuto più tempo, mi sarebbe piaciuto rimanere più a lungo e passare il tempo a passeggiare per la città.

A proposito, il modo tradizionale di fare shopping in Iran è interessante.

Innanzitutto, l’acquirente e il venditore negoziano semore il prezzo.

Quando l’acquirente paga il prezzo concordato, il venditore fa il gesto del rifiuto come per dire “Non posso ricevere così tanti soldi”.

Avevo già sentito parlare di questa tradizione da Khalil, la nostra guida, ma sono rimasta sorpresa quando l’uomo del negozio di lana ha fatto esattamente questo.

Khalil rise e disse: “Te l’ho detto” e alla fine ho pagato l’importo come concordato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *