Masuleh ed una deviazione

Masuleh ed una deviazione

Iran-Masuleh-case
Case collegate tra di loro a Masuleh

[ Mag. 1999 ] Dopo esserci goduti la laguna di Anzali nell’Iran settentrionale, il primo posto in cui siamo andati il ​​giorno dopo è stato un villaggio chiamato Masuleh.

Questo villaggio fu costruito sulla montagna e le case color ocra erano costruite l’una sull’altra, sembrava uno dei villaggi dell’Europa meridionale ma di colore diverso.

Era pittoresco.

Sfortunatamente quando siamo arrivati ​​stava piovendo, però.

Le case erano tutte interconnesse e, ad esempio, il tetto di una casa copriva la strada pedonale.

Le strade erano strette e apparentemente nessun veicolo a motore poteva entrare nel villaggio.

A causa della recente forte pioggia, alcune parti erano state danneggiate dall’alluvione, ma molte parti erano intatte e ho potuto scattare molte foto anche se era piuttosto buio.

In qualche modo l’atmosfera rilassata mi ricordava Karimabad in Pakistan.

Sembrava un posto speciale anche per il popolo iraniano, quindi era un luogo turistico e c’erano alcuni negozi di souvenir in questo piccolo villaggio.

Iran-Masuleh-tre-donne
Donne a Masuleh

Non c’erano edifici o rovine particolari che necessitavano di spiegazioni, quindi mentre camminavamo, Khalil e Ali, la guida e l’autista erano seduti in un bar e fumavano un narghilè.

Da quando sono arrivato in Iran, ho provato a volte il narghilè.

È stato piacevole con il suo aroma dolce.

L’altitudine di Masuleh è di circa 1000 metri, e il tempo non era così bello, quindi era abbastanza fresco lassù, ma quando scendemmo in pianura, c’era un clima subtropicale.

Faceva così caldo e di nuovo ero infastidita dalla mia sciarpa e cappotto che non dovevano essere rimossi.

Iran-Masuleh-souvenir
Un negozio di souvenir a Masuleh

Avevo pensato che lo scenario delle risaie fosse come in Giappone il giorno prima, ma questa volta mi ha ricordato il panorama in Tailandia.

C’erano parecchie case con i tetti di paglia e sebbene i pavimenti non fossero sopraelevati, potevo vedere che gran parte della loro vita era passata sul balcone al piano superiore.

Il nostro viaggio è andato bene fino a qui, ma poi la nostra guida e autista hanno detto “Le condizioni della strada non sono buone, quindi vorremmo deviare”.

Ci sarebbe voluto più tempo, ma non sembrava così irragionevole, quindi abbiamo lasciato la decisione a loro.

Si fermarono in una città di confine chiamata Astara e iniziarono a fare shopping nel grande mercato del posto.

Soprattutto Ali, l’autista era visibilmente eccitato.

Quindi quello era lo scopo della deviazione …

Tuttavia, era un mercato che sembrava aver raccolto i beni più insipidi del mondo.

Non mi interessava per niente questo mercato e girovagavo senza meta, quando un uomo mi chiamò in giapponese “Gokurosama (grazie per il tuo duro lavoro)”.

Sono rimasta stupita nel sentir parlare in giapponese ad Astara.

Apparentemente questo iraniano viveva in Giappone da 7 anni e sua moglie era una boliviana di terza generazione di origine giapponese.

Abbiamo chiacchierato un po ‘in giapponese.

Viveva in una zona termale nella prefettura di Nagano in Giappone e ha detto “Il resort termale è il migliore” in giapponese.

Iran-Astara-mar-caspio
Mar Caspio ad Astara

Questo è stato sicuramente un incontro inaspettato e mi è piaciuta questa conversazione che è avvenuta negli angoli più remoti della terra in Iran, ed è diventato uno dei ricordi più interessanti di questa vacanza.

Astara è sul Mar Caspio e se vai un po ‘più a nord, c’è l’Azerbaijan dove mi piacerebbe andare una volta.

Ho potuto vedere il mare dalla fine del mercato, quindi sono andata il più vicino possibile ed ho fatto una foto.

Quindi questo è il Mar Caspio!

Sebbene non fosse particolarmente bello o non vedessi storioni o il colore del mare non fosse come il petrolio greggio, ero stranamente commossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *