Un giorno a Isfahan (parte 2)

Un giorno a Isfahan (parte 2)

[ Giu.1999 ] A Isfahan, l’antica capitale dell’Iran, dopo pranzo ci siamo diretti verso la chiesa di Vank dal nostro hotel.

Lungo la strada, ci siamo imbattuti in un negozio di tappeti.

Iran-Isfahan-negozio-tappeti
Negozio di tappeti

Sono entrata solo per vedere che tipo di tappeti avevano e per avere un’idea dei prezzi, ma ho finito per comprarne due.

Uno era un tappeto annodato tessuto da persone di Baloch, nomadi che vivevano nel sud-est dell’Iran e l’altro era un Sofreh tessuto piatto dagli Shahsavan che avevamo incontrato in precedenza in questa vacanza.

Li ho pagati 400 dollari dopo una lunga negoziazione.

Sofreh è una tovaglia quadrata che i nomadi posano quando mangiano e vi vengono serviti tutti i cibi, quindi è una sorta di tovaglia.

Di norma, i turisti stranieri possono acquistare un tappeto annodato a persona (a partire dal 1999).

Gli antichi tappeti annodati potevano essere un investimento visto che il prezzo saliva sempre più.

Secondo la nostra guida, Khalil, anche un esperto non è  necessariamente in grado di dire quanti anni hanno i tappeti e da dove provengono.

Comunque, non li ho acquistati per investimento.

Sono rimasta molto soddisfatta solo perché mi piacevano i colori e il motivo e il prezzo era ragionevole.

Così ho visitato la chiesa di Vank sentendomi felice.

Iran-Isfahan-Vank-Church
Esterno di Vank Church

La chiesa di Vank è una chiesa cristiana per gli armeni che furono costretti a venire qui per aiutare a costruire la città quando Isfahan divenne la capitale alla fine del XVI secolo e iniziarono a costruirla nel 1606.

All’interno la chiesa era ricca di affreschi e nel suo museo c’erano molti tesori storici, ma la cosa più interessante per me era la scritta su un capello, sembra impossibile ma avevano scritto su un capello umano.

Mi chiedevo se i cristiani fossero oppressi in quei giorni ed era per questo che costruivano segretamente questo tipo di artefatto, ma in realtà, a quanto pare, Abbas il Grande che ha portato qui gli armeni li ha protetti.

Dopo la chiesa, siamo tornati in Piazza Imam e abbiamo visitato il Palazzo Ali Qapu, che non avevamo visitato la mattina.

Iran-Isfahan-Ali-Qapu-Palace
Decorazioni del palazzo

Questo palazzo c’era già prima che la piazza fosse costruita e Abbas il Grande lo ampliò.

La sala da musica del palazzo era splendidamente decorata in rosa pallido, mi ha dato un’ottima impressione.

Poi ci siamo riposati in un caffè di fronte alla piazza.

C’era un gruppo di vecchi turisti tedeschi e dietro di loro c’era un giovane in piedi da solo, che sembrava un giapponese.

Gli ho parlato.

Mi ha detto che stava viaggiando via terra dall’India a Istanbul in Turchia per tre mesi.

Ha detto che la sua immagine dell’Iran è migliorata molto da quando è arrivato qui.

Le strade in Iran erano in buone condizioni, quindi poteva dormire bene durante i suoi viaggi sugli autobus notturni.

Iran-Isfahan-Square-Imam-moschea
Imam Square vista dal cafè

Apparentemente nel suo hotel c’erano circa 15 giapponesi che viaggiavano da soli come lui.

Più tardi, ho incontrato una ragazza che potrebbe essere una di loro.

È già in Iran da circa due mesi e mezzo e a Isfahan da tre settimane.

Potrebbe essere che Isfahan sia un altro punto di ritrovo per backpackers come Turpan in Cina o Marrakesh in Marocco.

Mentre stavamo facendo gli ultimi acquisti, si stava facendo buio.

Siamo andati a vedere i due ponti sul fiume Zayandeh Rud.

Sembrava che la riva del fiume fosse il punto più importante per la gente del posto per trascorrere le serate.

Iran-Isfahan-Zayandeh-Rud-River-Khaju Bridge
Il ponte di Khaju di notte

C’erano molte persone che gironzolavano nell’oscurità.

Abbiamo ascoltato un flauto sul ponte Khaju e ascoltato il canto ad alto volume sotto il ponte.

E abbiamo mangiato una scodella di zuppa con fagioli, noodles e alcune spezie per cena in un caffè all’interno del ponte.

L’interno del bar era incantevole con mobili popolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *