Cominciamo a navigare

Cominciamo a navigare

[Agosto 2017]

Durante la nostra crociera in Russia dopo essere stati attraccati per due giorni a San Pietroburgo il terzo giorno dopo le 7 di sera siamo finalmente partiti.

L’acqua del fiume Neva aggiungendosi la torbidezza del brutto tempo al fatto che sono acque basse e si vede il fondo , erano nere come l’inchiostro.

Ma tutto il panorama intorno era color cenere.

Il giorno prima Lev, la nostra guida ci ha detto che a San Pietroburgo in tutto l’anno ci saranno circa 60-70 giornate di sole e ci sono molte persone depresse  e molti suicidi.

Essendo una zona paludosa anche le condizioni del suolo non sono buone.

Malgrado tutte questi fattori contrari, Pietro il Grande decise di costruire qui la città per la sua vicinanza geografica all’Europa.

Tra le due più grandi città della Russia, Mosca e San Pietroburgo ho sempre avuto un’immagine di maggiore raffinatezza e bellezza riguardo alla  seconda, ma  Lev ci ha detto che se uno decidesse di traslocare da Mosca a San Pietroburgo ci andrebbe a perdere.

Dopo aver guardato il panorama color cenere di San Pietroburgo, che era bello a suo modo, alle 7,15 siamo andati a un cocktail party.

Pare i membri dell’equipaggio fossero 64 persone inclusi un dottore i musicisti, etc, ma noi abbiamo visto solo pochi di questi.

Ho detto fiumi, ma in realtà non abbiamo attraversato solo fiumi ma anche laghi e canali.

Per esempio la prima notte della nostra navigazione dopo le 10,30 siamo entrati dal fiume Neva nel lago Ladoga, il più grande d’Europa.

All’entrata del lago ci hanno detto che avremmo potuto vedere la Fortezza di Oreshek a Shlisselburg costruita agli inizi del quattordicesimo secolo e facente parte del patrimonio UNESCO. Così siamo saliti sul ponte della nave per vederla.

La fortezza si stagliava nell completa oscurità grazie alla luce della nostra nave.

Il lago Ladoga è famoso non solo per essere il più grande d’Europa, ma anche perché era l’unica via attraverso cui si potevano  portare i viveri a Leningrado durante l’assedio della seconda guerra mondiale.

La nostra nave ha attraversato la parte sud del Lago Ladoga, così quando ci siamo svegliati la mattina successiva eravamo già sul fiume Svir.

I lati del fiume erano verdi con case di legno colorate che mi hanno ricordato i paesaggi lungo i fiordi norvegesi.

Durante la navigazione, al mattino, abbiamo partecipato a una lezione di russo e di canzoni russe.

C’erano molte cose che si organizzavano ogni giorno sulla nave.

Abbiamo anche imparato danze di villaggio russe  e abbiamo assistito a lezioni sulla storia russa.

In seguito abbiamo dovuto anche ballare e cantare durante il viaggio nell’evento chiamato “Talent Show”.

Quando c’è stata la “Notte russa”vi abbiamo partecipato vestendo il sarafan e la rubashka che avevamo preparato a Londra.

C’erano anche dei concerti.

Non ci siamo annoiati per niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *