Il fiordo Sognefjord ed il primo pasto a base di balena di mio marito

Il fiordo Sognefjord ed il primo pasto a base di balena di mio marito

Sto scrivendo dei miei viaggi passati perché ho finito le nuove storie di viaggio a causa del Covid-19 e dell’impossibilita’ di viaggiare.

Torno a parlare del Norway in Nutshell Tour, a cui abbiamo partecipato in Norvegia nell’agosto 2009.

Nutshell Tour The Nærøyfjord montagne
Anche il cielo nuvoloso creava una bella atmosfera

Siamo saliti a bordo di una barca da Flåm, un villaggio sulla costa del Sognefjord.

Il Sognefjord è il fiordo più lungo della Norvegia e il secondo più lungo del mondo, con una lunghezza totale di 204 chilometri.

Siamo partiti lentamente su un battello.

Per essere precisi, quello che abbiamo visto è stato il Nærøyfjord, un affluente dell’enorme Sognefjord una parte bellissima, è elencato come uno dei siti del patrimonio mondiale Unesco.

C’era il tipico cielo coperto scandinavo, ma anche questo faceva parte della straordinaria atmosfera.

Abitanti di un piccolo villaggio nello Sognefjord
Le case colorate sulla costa

Tra i passeggeri che erano saliti a bordo, c’era un gruppo molto rude che potrebbe essere discendente dai Vichinghi.

Lo scenario delle case colorate nei dintorni di colore chiaro era incantevole.

Circa un mese prima di questo viaggio, eravamo saliti su un’altra barca sul Lago di Como in Italia, quindi ho detto a mio marito: “È una versione selvaggia del Lago di Como, non è vero?”

Questo non era un lago, ma il mare, però.

Era molto tranquillo e sembrava che questi villaggi fossero poco popolati.

Panorama dal pullman in Norvegia nel Sognefjord
Il panorama dall’autobus

Di tanto in tanto si potevano vedere delle colline con una sola casa in cima.

Siamo scesi dalla barca in un porto chiamato Gudvangen e siamo saliti sull’autobus che ci aspettava.

Sembra che l’autobus abbia attraversato una montagna, ricordo che scendeva sul ripido pendio di un tornante con un magnifico panorama sul fianco.

Ricordo anche che l’autista parlava correntemente l’inglese e mi piaceva il modo in cui ci guidava con calma.

Siamo scesi dall’autobus a Voss e abbiamo preso il treno di Bergen, lo stesso che abbiamo preso all’inizio del tour e siamo tornati a Bergen.

Mercato del pesce di Bergen
Il piccolo mercato del pesce

Lo scenario lungo la strada era fantastico e bellissimo.

Siamo arrivati ​​a Bergen mentre era ancora un giorno, così abbiamo dato una sbirciatina al mercato del pesce, che e’ uno dei luoghi da visitare piu’ famosi della citta’.

La caratteristica principale era che vendevano prodotti a base di carne di balena, cosa impossibile da trovare in altri paesi europei.

La cena della giornata era in un ristorante chiamato To Kokker nella zona storica chiamata Bryggen.

C’era un’atmosfera molto calda e piacevole nell’edificio in legno.

Ristorante To Kokker
Carpaccio di balena

Entrambi abbiamo mangiato 3 portate con menu fisso incluso il carpaccio di balena.

Il carpaccio non era particolarmente saporito, ma l’ho mangiato con piacere perché non mangiavo carne di balena da molto tempo.

È stata la prima carne di balena per mio marito.

Sembrava che gli piacesse un po ‘e disse: “Voglio mangiarla di nuovo se sara’ possibile”.

To Kokker interno del ristorante
All’interno del ristorante a Bergen

Personalmente ho pensato che i piatti di balena giapponesi fossero più deliziosi.

Ero cosi’ distratta dalla carne di balena e purtroppo non ricordo nessun altro cibo.

Questo pasto costava circa 75 sterline a persona e ricordo di aver pensato: “Dopo tutto, sappiamo che la Scandinavia è costosa”.

[Ago. 2009]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *