Il Pesce d’Oro il nostro ristorante preferito ad Alghero

Il Pesce d’Oro il nostro ristorante preferito ad Alghero

Il giorno in cui abbiamo fatto un tour dell’Asinara, una remota isola della Sardegna, siamo tornati alla città di Alghero dopo le 19:00.

Eravamo così stanchi che abbiamo deciso di cenare in città.

Sardegna-Alghero-ristorante-Il Pesce D'Oro
Zuppa di cozze

Senza esitazione siamo andati in un ristorante chiamato Il Pesce D’Oro, dove eravamo stati pochi giorni prima e ci era piaciuto molto.

Quando siamo entrati, ci è stato chiesto: “Volete lo stesso tavolo dell’altro giorno?”

Sembrava che il cameriere si ricordasse di noi.

Beh, non ho visto asiatici durante questa vacanza, quindi suppongo che fossimo certamente facili da ricordare.

Questa volta abbiamo preso la zuppa di cozze come antipasto, e l’abbiamo condivisa.

Sardegna-Alghero-ristorante-Il Pesce D'Oro-branzino
Una spigola molto saporita

La quantità era abbondante e la zuppa era molto buona.

Come portata principale ho chiesto la spigola, il pesce del giorno, da cuocere Al Sale (cuocere il pesce dentro una crosta di sale).

Prima di tutto, mi ha mostrato il pesce, poi lo ha mostrato di nuovo quando la cottura è stata completata, lo ha pulito per renderlo piu’ presentabile e lo ha servito.

Più tardi, quando ho guardato il conto, ho scoperto che costava 33 €, ma era assolutamente delizioso e ne valeva la pena.

Poiché era fresco, il sapore del pesce era forte e sono rimasta molto soddisfatta.

Alghero-Seades Mirto
Seades Mirto, un dolce locale

Mio marito ha scelto un piatto di pasta con vongole, capperi e salsa di olive chiamato Spaghetti di Alghero.

Per dessert, abbiamo condiviso un dolce locale chiamato Seades Mirto.

Questa era una pasta con formaggio e liquore Mirto sopra.

La dolcezza era giusta ed era deliziosa.

Infine, abbiamo ordinato ancora Mirto come digestivo, ma in quel momento ci è stato chiesto se lo volevamo rosso o bianco.

Alghero-mirto-rosso-bianco
Mirto rosso e bianco

Questa è stata la prima volta che abbiamo bevuto Mirto bianco.

Quello bianco è apparentemente fatto dalle foglie della pianta chiamata Mirto ed era meno dolce del Mirto rosso che ero abituata a bere, e aveva un gusto forte di erbe.

Quello rosso qui aveva un sapore piu’ ricco di quello che conoscevamo.

Eravamo così soddisfatti e così pieni, il conto totale era di € 75, ed era un prezzo eccezionalmente buono.

[Sett. 2020]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *