Un giorno a Isfahan (prima parte)

Un giorno a Isfahan (prima parte)

[ Giu.1999 ] Siamo arrivati ​​a Isfahan dove ogni turista in Iran avrebbe visitato.

Iran-Isfahan-Imam-piazza-Imam-moschea
La spettacolare entrata della Moschea di Imam

Questa era la capitale stabilita da Abbas il Grande della dinastia Safavide alla fine del XVI secolo ed è elencata come patrimonio mondiale dell’Unesco, quindi c’erano molte cose da vedere qui.

Inoltre, come ci aveva detto la nostra guida Khalil, era una città dove fare shopping in quanto famosa per i suoi prodotti artigianali.

Per prima cosa, siamo andati al centro delle attrazioni turistiche, Piazza Naqsh-e Jahan conosciuta come Piazza Imam.

Questa piazza è la seconda più grande del mondo, seconda a piazza Tienanmen in Cina.

Le botteghe di artigianato circondavano questa piazza e vi si affacciavano anche gli edifici più importanti.

Quindi prima di fare shopping, visite turistiche.

Il primo posto in cui siamo entrati è stata la Moschea dell’Imam che è stata completata nel 1629 e a quanto pare si chiamava Moschea Shah in quei giorni.

Gli intricati motivi delle piastrelle con il blu come colore di base erano molto belli e mi sarebbe piaciuto avere sciarpe o abiti con questi motivi.

C’era un effetto interessante per cui quando ti trovi al centro della moschea, la tua voce va ovunque nella moschea.

Iran-Isfahan-Imam-piazza-Sheikh-Lotfollah-moschea
Dentro la Moschea Sheikh Lotfollah

La successiva era la Moschea dello Sceicco Lotfollah.

Anche questa era stupenda.

Questa è stato costruita tra il 1602 e il 1919 per le donne dell’harem di Abbas il Grande.

Pertanto, c’era un percorso sotterraneo dal Palazzo, che era sul lato opposto della piazza, in modo che le donne non dovessero uscire non lo facessero un luogo pubblico.

Questa era la moschea privata dello Scià, quindi non era stata aperta al pubblico da molto tempo.

Era un’altra giornata di sole e faceva molto caldo, ma ho dovuto fare il giro turistico indossando ancora la sciarpa e il cappotto informe.

Iran-Isfahan-uomo-batte-rame
Un uomo lavora il rame

Poiché la sciarpa mi copriva le orecchie, non sentivo le cose chiaramente.

E il mio movimento era limitato, il che mi ha fatto sentire oppressa psicologicamente.

Ero convinta che a meno che questa ridicola regola sessista non fosse abolita, l’Islam non avrebbe avuto molto successo.

E che tipo di uomini sono, che si emozionano solo vedendo i capelli delle donne?

Abbiamo sentito che in Iran sempre più genitori tagliano i capelli alle figlie come un maschio fino a una certa età e lasciano che indossino magliette e jeans.

Facendoli sembrare ragazzi, i genitori volevano che le ragazze fossero libere il più a lungo possibile.

In effetti, ho visto questo tipo di madre e sua figlia a Isfahan.

Le sostengo.

Iran-Isfahan-spezie-bazar
Un negozio di spezie nel bazar

Ad ogni modo, abbiamo interrotto il nostro giro turistico per un pò, abbiamo bevuto un bicchiere di succo e poi siamo andati a fare shopping.

Siamo entrati nel bazar il cui ingresso era rivolto verso la piazza Imam.

Ho visto alcune persone colpire con forza il rame e placcarlo con l’argento.

Molti di loro erano persone anziane e la cosa mi un pò colpita oltre che un pò dispiaciuta.

Mi è piaciuto fare shopping qui comprando un paio di scarpe di cotone, alcuni pezzi di Kalamkari (tessuto di cotone stampato a blocchi) come souvenir e alcune spezie.

Poi siamo tornati al nostro hotel per pranzare, con rande sorpresa non servivano Kebab ma pesce (una specie di trota).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *