L’acquisto di una bisaccia da una famiglia Bakhtiari

L’acquisto di una bisaccia da una famiglia Bakhtiari

[ Giu.1999 ] Abbiamo fatto un lungo viaggio in auto sulla strada collinare da Daran, una piccola città in Iran, all’area chiamata Marboreh.

Lungo la strada c’era una diga e per questo siamo stati controllati a fondo.

Iran-Marboreh-Bakhtiari-donna-fila-lana
Una donna che fila la lana con i suoi figli

Le dighe sono uno degli elementi strategici per la difesa.

Dopo di che, mi sono appisolata e quando mi hanno svegliato, ho potuto vedere che c’erano tende semplici sparse sulle colline.

Erano le tende del popolo Bakhtiari, uno dei gruppi nomadi famosi per la loro tessitura.

A un certo punto ci siamo fermati e quando ho iniziato a scattare foto, un ragazzino mi ha chiamata ad alta voce per visitarli.

Non siamo andati a casa sua, ma siamo andati avanti per un pò e siamo scesi dall’auto per visitare una tenda su una collina più vicina alla strada.

La prima cosa che ho notato è stata che una delle ragazze filava la lana.

Era in piedi a farlo ed era molto veloce.

La tecnica era la stessa del popolo turco che avevo visto in passato in Turchia.

Ho posto un paio di domande tramite la nostra guida, Khalil, e ho appreso che vendevano parte della lana mentre una parte la usavano per se stessi.

E durante l’inverno la tessevano principalmente per fare borse.

Iran-Marboreh-Bakhtiari-bisaccia
La bisaccia che ho acquistato

Mi hanno mostrato una delle borse che avevano tessuto tirandola fuori dalla tenda.

Era in parte un tessuto a trama normale e in parte annodato e il colore principale era un tenue colore rosso.

Mi è piaciuto molto ed ero felice di averla fotografato con la tessitrice, ma visto che mi piaceva, un uomo della famiglia ha voluto vendermela.

In quel caso … abbiamo iniziato a negoziare il prezzo.

Il suo primo prezzo fu di 300.000 rial (circa 153 dollari USA a quei tempi) e Khalil trattò fino a 200.000.

Ero molto felice dell’acquisto fatto.

Iran-Marboreh-Bakhtiari-uomo
Un uomo che veste una giacca a striscie

Comprare qualcosa direttamente dal vero tessitore era il mio sogno.

Ma ovviamente era molto sporca perché era stata usata, quindi è stato un duro lavoro pulirla.

Queste persone erano tutte parenti e tre famiglie vivevano in tre tende una accanto all’altra.

Anche la giacca dell’uomo con le maniche corte era stata tessuta dalle donne di famiglia.

Era uno strano disegno con le strisce in bianco e nero come una tastiera e molti degli uomini Bakhtiari qui intorno la indossavano.

Ce ne siamo andati dopo aver bevuto una tazza di tè con loro.

La ragazza che stava girando è venuta a salutarci in strada.

Il suo nome era Shirbie (suonava così) ed era un soprannome che significa “la luce di notte“.

Poi siamo arrivati ​​in un piccolo villaggio e abbiamo pranzato a base di Kebab che odorava di animali.

Gli abitanti del villaggio erano ancora Bakhtiaris.

Iran-Marboreh-Bakhtiari-bambini
Bambini a scuola

Il modo in cui grigliavano solo gli spiedini grassi mi ha ricordato gli Shahsavan che avevamo incontrato pochi giorni prima, che facevano lo stesso.

Abbiamo anche visitato una scuola per bambini nomadi.

I bambini erano tutti molto amichevoli.

E sono rimasta colpita dal fatto che l’insegnante di inglese parlasse un inglese perfetto in questo luogo remoto.

Sulla via del ritorno, abbiamo scoperto che il ragazzo che avevamo incontrato prima ci stava ancora chiamando, quindi abbiamo visitato la sua tenda.

La sua famiglia era molto religiosa e indossava abiti nerastri perché era il decimo anniversario dalla morte dell’Ayatollah Khomeini.

Iran-Marboreh-Bakhtiari-asino
Un asino ed una famiglia

Il ragazzo che ci stava chiamando si chiamava Ibraham.

Gli ho dato un pacchetto di biscotti e li ha mangiati tutti in tre minuti.

Hanno servito il tè e quando ho messo una zolletta di zucchero sul piattino, i bambini hanno riso di me indicandolo.

Vedendo ciò, la nonna mi ha insegnato che lo zucchero dovrebbe essere separato e messo sui miei vestiti.

Tanti paesi, tante usanze.

Era una cosa piccola ma molto interessante.

Ci hanno incoraggiato a provare a cavalcare su un asino.

Ho provato e non è stata affatto una corsa comoda, ma molto divertente.

Il mio compagno di viaggio ha acquistato da loro un cappello di feltro fatto a mano, consigliato dal nostro autista, Ali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *