‘La Città vecchia’ di Oslo in un museo

‘La Città vecchia’ di Oslo in un museo
norvegia-oslo-capitale-museo-maglioni
I maglioni nel museo di Oslo

[ Mag. 2019 ] Il Museo norvegese di storia culturale di Oslo è un museo a cielo aperto uno dei migliori tra i tanti musei simili in tutto il mondo, con le mostre al coperto e la “Città Vecchia” all’aperto.

Nel museo al coperto esponevano artigianato tradizionale norvegese, come per esempio sculture in legno e mobili, costumi popolari, arte religiose e così via.

All’interno del reparto abbigliamento c’erano maglioni lavorati a mano, alcuni dei quali erano molto belli altri erano bruttissimi.

Parlando dei costumi tradizionali, abbiamo visto molti negozi che li vendono in città, il che potrebbe significare che i norvegesi abbiano molte occasioni per indossarli.

norvegia-oslo-popolo-sami-museo-renne
Il modo di vivere del popolo Sami con le loro renne.

Per quanto riguarda la religione in Norvegia, secondo l’opuscolo del museo, l’ultimo arcivescovo cattolico lasciò la Norvegia nel 1537, 20 anni dopo la pubblicazione di Martin Lutero contro la pratica di indulgenza.

E l’arte religiosa è cambiata molto da allora.

A parte questo, ciò che mi interessava era la mostra sulla vita del popolo Sami.

Sono stata tra la gente di Sami quando ho visitato la Lapponia in Finlandia.

Non possono vivere senza le renne. Secondo le informazioni online, ci sono circa 38000 persone Sami che vivono in Norvegia.

Dopo aver visto la mostra, siamo usciti nella sezione all’aperto di “Città Vecchia”. la città sembrava abbastanza normale e la gente vive in questo tipo di ambiente in alcuni paesi europei, ma non a Oslo.

norvegia-oslo-commessa-negozio-alimentari
La commessa del negozio di alimentari

Secondo la scheda informativa, Oslo fu completamente distrutta da un incendio nel 1624 e ricostruirono la città a ovest dell’ubicazione originale.

Poiché il re in quei giorni era Cristiano IV, la nuova città fu chiamata Christiania.

Christiania divenne la capitale nel 1814 e dopo il 1850 la modernizzazione della città fu accelerata e la città vecchia andò perduta.

Il nome cambiò di nuovo in Oslo nel 1925.

All’interno del centro storico c’era un negozio di alimentari e la “commessa” che indossava abiti del XIX secolo vendeva agnello essiccato e altre cose particolari.

C’era anche un vecchio distributore di benzina e un Maggiolino della Volkswagen sempre dello stesso periodo fermo a fare benzina.

Questo museo aveva così tante cose da vedere, molto più di quanto ci aspettassimo, così abbiamo trascorso molto tempo al suo interno.

norvegia-oslo-torta-mele-museo
La semplice torta di mele

Inizialmente avevamo programmato di visitare anche il Museo Vichingo, ma dato che eravamo già stanchi, abbiamo deciso di rinunciare a quello vichingo e siamo andati al bar del museo per riposare un pò.

Mi dispiace parlare ancora di prezzi, ma la semplicissima torta di mele e un cappuccino costano circa £ 10, € 11, $ 12,50. In due più di venti euro

Devono prendere ottimi stipendi in Norvegia.

Ho appena fatto una rapida ricerca e ho scoperto che apparentemente lo stipendio medio annuale in Norvegia è il secondo più alto del mondo, molto vicino alla Svizzera.

Dal museo di Bygdøy al centro della città, abbiamo preso l’autobus n. 30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *