Verso Xiahe

Verso Xiahe

[ Ago.1996 ] Alla stazione degli autobus di Lanzhou in Cina, abbiamo cercato l’autobus per Xiahe dove vive il popolo tibetano.

Cina-da-Lanzhou-Xiahe-bus
Otto ore e mezza in questo autobus

Abbiamo trovato l’autobus facilmente e ci siamo saliti, il che andava bene, ma l’autobus era così vecchio e malconcio….

Appoggiarono i nostri bagagli più grandi sul tetto e li legarono.

Pensavo che questo fosse un autobus a lunga percorrenza, ma in realtà era solo un normale autobus locale che prendeva gente qua e là come un minibus in città.

Andava molto lentamente e ci sono volute circa 8 ore e mezza (incluso il pranzo) per arrivare a Xiahe, che era a circa 260 km da Lanzhou.

Fino alla pausa pranzo in un posto chiamato Linxia, ​​il panorama era molto arido.

A Lanzhou il cielo era di un azzurro limpido, ma in campagna divenne beige-bluastro a causa della polvere.

Anche le case tutto intorno erano fatte di fango di colore beige.

Molte persone sono scese dall’autobus a Linxia.

Cina-Lanzhou-Xiahe-aglio
Sulla strada aglio a seccare

Avevamo acquistato una zuppa di spaghetti piccanti con carne e una specie di pane piatto giallo per pranzo, il tutto a 5 yuan ($ 1 = 8,28 yuan in quei giorni).

La pasta era piatta e più larga delle tagliatelle.

Dopo Linxia, ​​il panorama è diventato più verde e questo mi ha ricordato il Galles nel Regno Unito.

Siamo arrivati ​​finalmente a Xiahe verso le 16:00.

Ci siamo sistemati al Friendship Hotel, il più vicino alla fermata dell’autobus e costava 100 yuan a notte.

Per qualche motivo, sulle scale di questo alloggio, c’era una fotografia del Monte Fuji.

La camera era essenziale con un grosso tubo che correva sul muro, il che non era molto carino, ma confortevole come quello in cui eravamo stati a Yangshuo.

Non avevamo alcun piano per la giornata, quindi siamo usciti per vedere il posto.

Cina-Xiahe-donna-bambino
Una donna con il suo bambino sulla schiena

C’era una nuvola di polvere e la gente camminava all’interno di essa e sembravano assimilati alla polvere.

Le donne indossavano un cappello a tesa larga con lunghe trecce.

Indossavano una lunga gonna nerastra e una giacca con i bordi colorati.

In qualche modo sembravano donne in Sud America, che avevo visto nelle fotografie.

C’erano parecchi monaci tibetani, ma sentivo che non erano “speciali” in questa città ma solo comuni cittadini che andavano d’accordo con gli altri.

Abbiamo visto anche alcuni viaggiatori stranieri dall’aspetto molto serio.

Abbiamo chiacchierato con una coppia americana e abbiamo scoperto che stavano da molto tempo e talvolta insegnavano inglese per raccogliere fondi per li loro viaggio.

E si erano fermati in un dormitorio che costava 10 yuan a notte.

Anche tutti gli altri viaggiatori sembravano piuttosto strani, indossavano abiti locali non adatti a loro, a differenza di noi.

A proposito, l’altitudine di Xiahe è di quasi 3000 metri.

Ho sofferto un pò di quello che potrebbe essere un lieve mal di montagna.

Cina-Xiahe-monaco-porta
Molti monaci in città

Andammo in un piccolo ristorante e ordinammo una tazza di tè musulmano e un pezzo di torta di mele, ma all’improvviso persi l’appetito e l’energia in generale.

E mi sono sentita completamente stufa di queste insolite situazioni nelle quali di solito sono eccitata ed avevo voglia di scappare.

Non avevo mai vissuto questa esperienza prima.

Per questo motivo, abbiamo deciso di rimanere solo due notti, anche se inizialmente avevamo programmato di fermarci per alcuni giorni.

Era la fine di agosto, ma faceva già molto freddo, così ho tenuto il cappotto di seta, che avevo comprato a Yangshuo anche nella stanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *