Le persone che abbiamo incontrato a Xiahe ed altre esperienze sulla via di ritorno

Le persone che abbiamo incontrato a Xiahe ed altre esperienze sulla via di ritorno

[ Sett.1996 ] La mattina dopo a Xiahe, la città tibetana nella provincia di Gansu in Cina, la temperatura è scesa ulteriormente ed era fredda come in pieno inverno.

Ed inoltre pioveva.

Abbiamo visitato il monastero di Labrang, la principale attrazione turistica di Xiahe, indossando l’impermeabile per ciclisti che avevamo acquistato a Kunming.

Cina-Gansu-Xiahe-Labrang-Monastery
La bellissima costruzione del Monastero di Labrang

Questo complesso di edifici è un tempio buddista tibetano costruito all’inizio del XVIII secolo.

Abbiamo seguito un gruppo cinese.

Questo tempio buddista era diverso da quelli che conosco in Giappone.

Era molto colorato e appariscente e con un odore particolare.

Ho visto un enorme Buddha dorato dipinto su un muro.

La gente locale stava pregando, ripetendo delle frasi in piedi o sdraiati.

Alcuni stavano camminando lungo un percorso fisso attorno al tempio, un’altra forma di preghiera.

Cina-Gansu-Xiahe-Labrang-Monastery-gente-prega
Una persona che prega nel Monastero

Ho anche visto una donna girare la ruota della preghiera.

Ero affascinata da tutte quelle persone e cose che mi circondavano, ora che la mia stanchezza del giorno prima era passata, avrebbe potuto essere un primo sintomo del mal di montagna, ma per fortuna se n’era andata.

La pioggia era persistente, cosìi siamo entrati in un piccolo ristorante nelle vicinanze e mentre stavamo mangiando gnocchi cinesi di carne al vapore, è entrato un gruppo di tibetani.

E ci fissarono ininterrottamente senza dire niente.

Quando i nostri occhi si incontravano, non smettevano comunque di fissarci.

Erano tre adulti e 5-6 bambini.

Uno dei ragazzi mostrò un sorriso amichevole che fece partire una sorta di “conversazione”.

Cina-Gansu-Xiahe-ristorate-Tibetano-donne
Il bel sorriso delle donne tibetane

Ho chiesto scrivendo se fossero una famiglia, quindi il ragazzo ha scritto qualcosa che immaginavo significasse una scuola estiva.

Abbiamo faticato ma in qualche modo abbiamo detto loro da dove venivamo e che stavamo viaggiando ed altre cose.

Quando ho tirato fuori la macchina fotografica e ho chiesto se potevo scattare foto di loro, un uomo sembrava molto imbarazzato e ha detto di no, ma quando ho insistito un po ‘di più, si è alzato in piedi e si è sistemato la giacca tibetana con le maniche lunghe.

Dopo un pò, questa voleva che gli scattassi una foto indossando la sua nuova giacca che aveva appena comprato.

Le donne avevano lunghi capelli intrecciati che non avrebbero mai potuto essere tagliati o lavati, ed erano così lunghi che li avevano infilati nelle cinture.

Tutti avevano un sorriso adorabile, anche se era difficile scattare una bella foto perché quando puntavo la fotocamera verso di loro, il loro sorriso spesso spariva e diventavano molto seri.

Cina-Gansu-Xiahe-ristorante-tibetano
Un momeno di tensione quando ho puntato la mia fotocamera

Ho chiesto il loro indirizzo per poter inviare loro le foto e ho scoperto che l’indirizzo che mi davano era una scuola elementare nella provincia di Qinghai, accanto alla provincia di Gansu nella quale ci trovavamo in quel momento.

Era un momento unico che non avrei mai dimenticato.

Nel pomeriggio, abbiamo camminato sul lato opposto del fiume, come raccomandato dalla guida.

Qui c’erano parecchi maiali che passeggiavano proprio come cani e gatti e una specie di mucche che potevano essere yak che attraversavano la strada.

C’erano semplici case fatte di fango e forse sterco ma le loro porte erano fatte di legno con intricati intagli che erano sproporzionatamente belli.

La mattina dopo salimmo sull’autobus per le 7:20 per tornare a Lanzhou.

A un certo punto mi sono pentita di aver deciso tornare, ma ci siamo resi conto che era una buona scelta perché iniziava a nevicare.

Non era la mia immaginazione faceva freddo come in inverno.

Questo era un luogo isolato in alta quota, quindi una volta iniziato a nevicare, il posto poteva rimanere isolato.

L’autobus che abbiamo preso era anche peggio del precedente ed era difficile trovare posti asciutti.

Cina-Gansu-Xiahe-maiali
maiali a passeggio

Ogni volta che l’autobus sbatteva, i finestrini si aprivano e i sedili cadevano.

Il tergicristallo del vetro anteriore era rotto e non so come l’autista sia riuscito a guidare nella neve.

Dopo circa un’ora di guida, la neve divenne nevischio e quando arrivammo a Linxia, ​​il punto di pausa pranzo, stava piovendo.

Quando stavamo sgranocchiando un pezzo di pane sotto la pioggia, una donna dell’officina di riparazione di biciclette ci ha gentilmente invitato all’interno.

Sembrava un tipico membro del partito comunista che indossava un paio di grandi occhiali e una giacca quadrata con molti bottoni, ma era gentile e amichevole.

Intorno a quest’area vivono molte persone di etnia Hui, e sono musulmane.

Dalla finestra vidi gruppi di 5 ~ 6 uomini con un cappello bianco, non facevano nulla e gurdavano passare il nostro autobus.

Le donne indossavano un cappuccio e una sciarpa di pizzo nero e sembravano impegnate a lavorare o a prendersi cura dei bambini.

Abbiamo visto molte meno donne rispetto agli uomini all’aperto.

Le loro moschee avevano un minareto con il tetto a forma di cappello a tulipano e sopra c’era una falce a forma di luna.

Nel mezzo della Cina comunista, lontano dalla Mecca, a prima vista sembravano vivere comunque la tipica vita musulmana.

Il viaggio di questo autobus malconcia durò circa 7 ore e mezza, un’ora in meno rispetto alla salita, forse perché era principalmente in discesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *