L’eccitante bazar di Kashgar

L’eccitante bazar di Kashgar

[ Sept.1996 ] Il bazar di Kashgar, la città nella parte occidentale dello Xinjiang in Cina, è autentico.

A Turpan qualche giorno prima ero rimasta delusa dal loro bazar, quindi questa volta ci sono andata con poche aspettative, ma di fatto è stato molto meglio del previsto.

Cina-Kashgar-bazaar-coltelli
L’uomo che gestiva il negozio di coltelli

I negozi di artigianato erano allineati uno dopo l’altro, come la falegnameria, la fabbricazione di coltelli, la fabbricazione di trapunte, le botteghe del fabbro e così via, e potevamo vedere che stavano fabbricando diverse cose nei negozi.

L’area era divisa in base gli articoli che vendevano.

C’erano anche dei bambini molto simpatici, quindi non ero a corto di soggetti per la fotografia.

Ho comprato due panini caldi con agnello dal forno che li cuoceva attaccandoli sulla parete interna di una grande pentola.

Erano troppo caldi e mi sono bruciata un po ‘.

Cina-Kashgar-bazaar-ciambelle-carne
Il venditore di ciambelle di carne

La carne era piuttosto grassa, ma il pane era buono.

C’erano più negozi di tappeti che a Turpan o Urumchi e quando mostrai un certo interesse, mi portarono non solo dietro il negozio, ma anche al piano inferiore nel seminterrato e mi mostrarono vari tappeti.

Ero attratta da un tappeto di seta realizzato a Kashgar che costava $ 230 e un altro di seta fabbricato a Hotan venduto per 1300 yuan ($ 1 = 8,28 yuan in quei giorni), ma erano al di sopra del mio budget.

Un’altra cosa interessante erano i cappelli.

Ne vendevano molti e alcuni erano cappelli di pelliccia.

C’era un bellissimo cappello tipico della gente tagika che aveva una lunga coda con i ricami intricati e mi sarebbe piaciuto molto poterlo acquistare, ma costava quasi 700 yuan.

Il mio compagno di viaggio voleva comprare una giacca calda per l’imminente viaggio sulle montagne.

Cina-Kashgar-bazaar-negozio-cappotti
Persone nel negozio di cappotti

Quando entrammo in un portico stretto, trovammo molti negozi di cappotti e lui comprò una giacca di lana nera da uno di loro.

Aveva il collo di pelliccia e pensavo fossero astrakan.

Il venditore ha cambiato i collari con quelli migliori che aveva.

Ci disse che aveva 33 anni e ora insegnava alle donne del posto come cucire.

Anche un bambino dall’aspetto simile a lui si avvicinò a noi.

Potevamo comunicare poco, ma mi piaceva parlare con loro ed era per me la vera gioia del viaggio.

Per quanto riguarda l’hotel, ci siamo trasferiti dal People’s Hotel, dove abbiamo passato una notte a 280 yuan in camera al Seman Hotel.

Dopo aver prenotato una stanza al telefono, quando siamo arrivati, la stanza non era pronta e abbiamo dovuto aspettare un pò, ma ci hanno servito dell’anguria.

La stanza era molto pulita.

Anche il pavimento era pulito e questo mi ha fatta sentire sollevata.

E’ stata una bella giornata, ma solo una cosa mi ha messo a disagio.

Andammo a pranzo in un ristorante tipico cinese dove c’erano alcuni uomini in uniforme tra i clienti.

Quegli uomini ci guardarono e parlarono con il cameriere, poi il cameriere si avvicinò a me e mi parlò in cinese.

Ho provato a dire una frase “Non capisco il cinese” che c’era nella mia guida, ma non mi ha capito.

Così ho scritto “giapponese” su un foglio di carta, lui ha annuito “bene” ed è tornato dagli uomini in uniforme.

L’atmosfera non era amichevole ed era come essere interrogati dalla polizia, ero un po ‘spaventata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *