Da Dunhuang a Uighur passando da Hami

Da Dunhuang a Uighur passando da Hami

[ Sett.1996 ] All’inizio della terza settimana del nostro grande viaggio attraverso la Cina, ci siamo diretti in autobus verso ovest per Hami da Dunhuang.

Cina-Dunhuang-Hami-autobus-rotto
La parte posteriore del nostro autobus

L’autobus era distrutto come quello per Xiahe.

La tariffa era di 64,8 yuan ($ 1 = 8,28 yuan in quei giorni).

La strada diritta nel vasto deserto era adeguatamente asfaltata, ma per qualche motivo l’autobus sobbalzava molto e la velocità era lenta, circa 40 km / h.

Inoltre, lungo la strada, l’autista ha agganciato un minibus rotto e lo ha trainato.

E la corda si è staccata molte volte e ogni volta l’autobus si è fermato per circa 15 minuti per legarla di nuovo.

Mentre il nostro autobus proseguiva lentamente, gli autobus giapponesi di seconda mano che trasportavano gruppi di turisti ci raggiunsero.

Ho visto alcuni camion della Sagawa Express (società giapponese di consegne porta a porta), ma immagino che non fosse Sagawa che aveva espanso la sua attività in Cina, ma hanno venduto i loro vecchi camion alla Cina.

Non solo loro, ma a volte vedevo macchine lussuose come Mercedes o buoni camper che sorpassavano il nostro autobus malconcio.

Cina-Dunhuang-Hami-donne-peperoncino
Due donne lavorano il peperoncino

Perché gli autobus per la gente comune devono essere così traballanti e malconci?

Ci siamo fermati per la pausa pranzo in un luogo sconosciuto dove solo c’erano 4-5 baracche che operavano come ristoranti lungo la strada nel deserto.

Due donne che lavoravano il peperoncino si misero a lavorare sedute per terra.

C’era un’altra donna che stava prendendo l’acqua da un pozzo.

L’acqua deve essere preziosa qui.

Alla fine, questo viaggio in autobus è durato 10 ore.

Faceva molto freddo nella prima metà e molto caldo nella seconda metà, è stato un viaggio molto difficile per me.

Inoltre, la vista era monotona e noiosa.

Ad un certo punto, ho visto una linea bianca lontana che sembrava nuvole e gradualmente mi sono resa conto che era una catena montuosa con la neve.

Dopo di che ho dormito per un po ‘, ma quando mi sono svegliata, il panorama era lo stesso, ma la catena montuosa era più vicina.

Alla fine, l’autobus ha superato le montagne tenendole sul lato destro.

Cina-Hami-Hotel-scrittte-letto
Il letto all’Hami Hotel

Quello fu l’unico “evento” che vidi dal finestrino., il resto era tutto deserto.

Chiamiamo il nostro pianeta con l’espressione “Terra verde“, ma in effetti, la caratteristica principale della terra è questo tipo di deserto molto arido.

Finalmente siamo arrivati ​​a Hami.

Innanzitutto, abbiamo acquistato il biglietto dell’autobus per il giorno successivo.

Ci siamo subito stressati perché la gente del posto saltava la fila senza nessun problema.

Qui c’erano molte indicazioni scritte sia in cinese che in lingua uigura e il volto della gente sembrava più occidentale.

Hami era una città abbastanza grande e siamo stati una notte nella camera da 168 yuan dell’Hami Hotel.

La stanza era squallida con il bagno problematico come al solito e il ristorante dell’hotel era cupo come quelli nell’ex Unione Sovietica, ma le persone che ci lavoravano erano simpatiche e amichevoli, il che aiutava un pò.

La mattina dopo salimmo di nuovo su un autobus.

Questa volta, non appena siamo saliti, ho sentito che eravamo entrati nel mondo uiguro.

Le persone sedute di fronte a noi erano diverse dai cinesi Han.

Cina-Hami-Turpan-il-vetro-davanti-bus
Attraverso il vetro anteriore del bus

Un ragazza dai capelli corti sembrava una cantante pop giapponese Hiromi Go e sua nonna sembrava simile a una donna turca che avevo incontrato in Turchia.

La donna che è venuta a salutarli sembrava un’attrice giapponese Keiko Kishi e suo figlio sembrava mezzo occidentale.

Il nonno della ragazza aveva persino gli occhi azzurri.

Durante questo lungo viaggio, ci hanno regalato un grappolo d’uva.

L’ho mangiato come hanno fatto loro, senza sbucciare la pelle, e sono rimasta molto sorpresa dal loro forte sapore.

Il panorama dal finestrino questa volta era un po ‘migliore rispetto al giorno prima con il terreno leggermente verde allungato verso le montagne rocciose rossastre e dietro di loro c’erano montagne viola più alte.

Cina-Hami-Turpan-montagne-deserto
Le montagne viste dal finestrino

Successivamente, il deserto ostile è tornato, ma dopo il cartello “68 km da Turpan“, il panorama è diventato più drammatico.

Sembrava più una scena nei film sui cowboy.

Non solo le montagne, ma anche sulla strada la terra era tutta spaccata.

Più tardi ho scoperto che non eravamo lontani dalla caverna dei Mille Buddha di Besecurik.

Sul lato destro, abbiamo potuto vedere le famose Flaming Mountains, anche se non erano così rosse forse a causa del tempo. Dopo 9 ore, finalmente eravamo a Turpan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *